2 Comments

  1. arnaldo de porti
    19 Marzo 2017 @ 09:59

    Di lettere anonime, dal contenuto delinquenziale, ne ho ricevute anch’io, Caro Zanella. Tempo fa lo dissi anche a Papetti, Direttore del Gazzettino, il quale mi “conforto’ dicendo che ne riceve pure lui a bizzeffe. Ergo, posto che ci sia, aspettiamo la giustizia divina, atteso che quella umana non esiste, e che le Istituzioni, anziché essere a servizio del cittadino, sono lì a scaldare le poltrone (fatte salve le eccezioni, come si suol dire, ad evitare denunce).

  2. Giuseppe Zanella
    20 Marzo 2017 @ 17:54

    @ARNALDO DE PORTI,
    grazie, caro De Porti, per la Sua testimonianza. Concordo pienamente con il Suo pensiero circa la ‘diversità’ fra la giustizia umana (titubante ed incerta oggi più che mai) e quella Divina (sulla cui esistenza ed essenza sono in sintonia con il Suo pensiero). Del resto, il nostro ‘idem-sentire’ non è di ieri ma data ormai da lungo tempo, certamente fin dai tempi della nostra comune presenza sulla stampa locale e non. Grazie ancora ed un caro saluto, tenuto conto del detto dantesco circa “IL NON TI CURAR DI LORO MA GUARDA E PASSA”. Grazie ancora ed un cordialissimo ricordo.