11 Comments

  1. Anonimo
    7 Agosto 2021 @ 13:54

    Articolo ispirato da una illuminata visione del contingente. L’autore dovrebbe essere investito del compito di consigliere straordinario dei prossimi amministratori, di sicuro, visto il materiale umano a disposizione del Comune, bisognosi di essere istradati verso mete, Il cui raggiungimento richiede una visione prospettica della realtà.

  2. GIUSEPPE ZANELLA
    21 Agosto 2021 @ 19:17

    Caro Anonimo,
    solo ora ho potuto leggere il tuo stringato, criptico commento al mio recente intervento sul Bloz. Il ruolo di “pedagogo” proprio non mi compete, anche se di “consiglieri”, nel nostro paese, ce ne sarebbe veramente bisogno per le ragioni da te evidenziate (possibile carenza di ‘materia prima’ ?). Io, tra l’altro, ho già dato… e non mi sono mancate delusioni, amarezze e dispiaceri. Osservo, comunque, con una certa partecipazione affettiva le vicende del mio “disastrato” paese e mi dispiace davvero per le prospettive future che non appaiono, a mio giudizio, foriere di ottimismo. La mia età non mi consente di fare di più, al di là delle “visioni prospettiche della realtà” che, mi pare di capire, mi attribuisci. Grazie comunque del tuo intervento, con l’auspicio che la mia visione delle cose del nostro piccolo borgo risulti presto smentita dai fatti con le qualità positive dei possibili futuri amministratori.
    Un caro saluto.
    Giuseppe Zanella.

  3. Libero
    23 Agosto 2021 @ 09:38

    Io dico che per amministrare una Comunità bisognerebbe avere l’obiettivo primario di fare il migliore interesse pubblico e non quasi esclusivamente gli interessi della fazione di coloro che li ha eletti. Il Paese è stato ridotto in una condizione che non ha memoria storica di paragone.
    Basta guardarsi attorno e si vedono i risultati!
    Anche la Caserma di Sora Crepa (buco enorme per le casse comunali), se mantenuta dal Comune sarà sempre una fonte di inutili e dispendiose risorse pubbliche, dovrebbe essere alienata a chi sappia e possa dare un affettivo introito e contribuire allo sviluppo dell’altopiano.
    Chi eventualmente vorrà proporsi a voler amministrare la nostra Comunità sappia che è cosa ben più ardua di amministrare una famiglia, ammesso che una sappia cosa voglia dire amministrare una famiglia.
    Vedremo i piani e le promesse della prossima campagna elettorale.

  4. Giuseppe Zanella
    23 Agosto 2021 @ 16:52

    @Libero,
    vedo (e me ne compiaccio) che c’è ancora gente che si appassiona a discutere e parlare di Cosa Pubblica nonostante le evidenti esperienze negative vissute dalla nostra Comunità, soprattutto nel recente passato. Pensavo che il mio intervento propositivo sarebbe rimasto lettera morta, “voce di colui che grida nel deserto”, ma constato con sorpresa che, forse, c’è ancora un barlume di interesse per le sorti del nostro borgo e per la sua possibile, positiva conduzione amministrativa. Mi auguro che sul Bloz si vivacizzi presto il dibattito con scambi di democratica opinione da parte di tanti altri “Anonimo” e “Libero”. Non si tratta di campagna elettorale pro o contro chicchessia, si tratta di parlare dei nostri problemi e di auspicare una sana presa di coscienza delle esigenze impellenti della nostra Comunità, la quale merita di essere condotta e guidata da gente che abbia “l’obiettivo primario di fare il miglior interesse pubblico”, evitando lobby e fazioni…Tu citi la caserma di Sora Crepa -“buco enorme per le casse comunali”- e possibile fonte di ulteriore, inutile spreco di risorse… Condivido la tua preoccupazione, soprattutto alla luce della esperienza che mi sono fatta dal 2004 al 2009 in Consiglio Comunale. La cosa, con i suoi addentellati e le complessità della intricata ‘querelle’ vissuta in quegli anni ed il successivo degrado, mi hanno convinto che molte sono state le opacità, le omissioni, la dabbenaggine e la incapacità di alcuni degli amministratori del passato. La Magistratura Contabile ha ravvisato, sulla base anche di mie precise segnalazioni, l’esistenza di un cospicuo danno erariale ed ha espresso un chiaro, seppur tardivo, ma netto giudizio negativo su certi comportamenti che hanno determinato il citato danno per le casse comunali. Ora si dice che la mia segnalazione ha creato disaffezione nella cittadinanza, che appare restìa ad impegnarsi con le candidature al Consiglio Comunale. Insomma, in buona sostanza, merita riprovazione chi ha segnalato i possibili ‘reati’ (vedendo accolta, seppur parzialmente, la propria richiesta di valutazione circa l’ipotesi di non consoni comportamenti in fatto di rilascio di garanzie ipotecarie su beni comunali, da cui è derivata la serie di danni economici per l’Ente Comune.), mentre coloro che, in buona o cattiva fede, hanno posto in essere tali disdicevoli comportamenti, vanno trattati alla stregua di povere vittime. Tutta la vicenda ha lo stigma di qualche cosa di fantozziano…e per me è stata comunque cagione di molte amarezze e dispiaceri. Spero proprio che il mio pessimismo risulti attenuato dalla presa di coscienza di cittadini che vogliano seriamente impegnarsi per il vero Bene Pubblico e non per fazioni più o meno identificabili.

  5. Libero
    23 Agosto 2021 @ 17:06

    Non fa una piega quando hai delineato. Purtroppo i sentori che ho, sui prossimi candidati “conducator”, non fanno presagire nulla di buono, specie, anche, alla luce di quanto POCO DI BENE hanno fatto in passato, compreso il sostenere l’ex “negus”…. che, pare, abbia su di loro ancora legati i fili del burattinaio. Staremo a vedere.
    Almeno con il Comissario prefettizio certe schifezze non si sono verificate nè viste.

  6. GIUSEPPE ZANELLA
    24 Agosto 2021 @ 10:57

    @LIBERO,
    a giorni sapremo se certi personaggi avranno ancora l’ardire di porre la candidatura alla carica di “Conducator” (mio il copy-right!!…), dopo aver contribuito non poco a creare un certo clima negativo in paese ed una vera idiosincrasia per l’impegno delle nuove generazioni nella conduzione della Cosa Pubblica. Io spero che a tutto ci sia un limite, anche nella consapevolezza dei propri errori e delle proprie inadeguatezze e della propria inestinguibile prosopopea. Un vecchio assunto diceva pressappoco così: “si può ingannare pochi per poco tempo, ma non si può ingannare tutti per lungo tempo”. Che un po’ di reminiscenza esista ancora nella mente e nelle, un tempo, smodate ambizioni di “Iddu”?? Attendiamo con trepidazione gli eventi…

  7. Libero
    24 Agosto 2021 @ 18:30

    ……… Dimenticavo di fare questa puntualizzazione – domanda, sulla corretta gestione della cosa pubblica, dato che in ogni circostanza viene ribadito che ogni qualsiasi pubblico amministratore dovrebbe gestire “la cosa pubblica” con il metodo del BUON PADRE DI FAMIGLIA…… : – un buon padre di famiglia avrebbe messo i propri soldi a favore della Caserma di Sora Crepa? (come invece hanno fatto, rifatto e strafatto) i vari e succedutesi amministratori comunali con il pubblico denaro?
    Credo che la risposta, da persona con la sufficienza minima di intelletto, sia scontata.
    E’ una fortuna che ci sia sempre la spada di Damocle sulle teste dei pubblici amministratori, perchè è giusto e doveroso che debbano rispondere in prima persona sulle scelte e le spese che le loro decisioni amministrative comportano….. diversamente vige il detto che è facile e comodo fare il froc.o con il c.lo degli altri.
    Aggiugo di più….. a mio avviso dovrebbero, i candidati Sindaci ecc., aver superato uno specifico esame che li abilitino alla gestione della cosa pubblica.
    Già un amministratore condominiale deve essere in possesso di determinate conoscenze e requisiti, figuriamoci un Sindaco ecc. che va ad amministrare un’intera comunità.
    Non è solo perchè uno viene eletto che “de facto” acquisisce il dono dell’intelletto da ns. Signore.
    Tanto più che i segretari comunali non sono più, da diversi anni, i garanti della legalità sulle conseguenze delle scelte e delle decisioni politiche che gli amministratori vanno a prendere.

  8. Uniamoci!
    24 Agosto 2021 @ 23:04

    Anch’io sono favorevole all’unione dei comuni, che secondo me dovrebbe coinvolgere tutto il Centro Cadore.
    Inoltre, bisognerebbe unirsi per promuovere turisticamente l’intero territorio cadorino, con un unico marchio, un sito internet moderno ed accattivante e una strategia comune. Nel Cadore di oggi ci sono molte buone iniziative, ma bisogna trovare un coordinamento che ci possa consentire di fare il salto di qualità.

  9. Libero
    25 Agosto 2021 @ 07:37

    @Uniamoci… idea valida anche la tua, ma anche una seria e puntuale ordinaria manutenzione della cosa pubblica contribuirebbe a migliorare la vivibilità del paese. Per spostarsi da una parte all’altra di questo devi fare continui slalom per evitare le buche presenti su tutte le vie, per non parlare poi delle strade esterne del centro, sempre comunali, che sono state ridotte in un pessimo stato.. (e non il tappamento delle buche in concomitanza dell’apertura della stagione della caccia….come succedeva negli ultimi mandati elettorali)… non mi dilungo perchè la “lista della spesa” diventerebbe assai lunga.
    Già da queste “piccole cose” si vede la serietà di una Amministrazione.
    Poi è anche la Cittadinanza che deve collaborare, tenendo pulito ed in ordine tutt’intorno la propria abitazione, tagliare periodicamente l’erba e potare le siepi ecc. come previsto dalle regole
    ( https://www.comune.lozzodicadore.bl.it/myportal/C_E708/dettaglio?contentId=5cb482e9f8fd8c00e53c1504&type=contenuto ) …. il paese sembra un “cesso”….. rispettare gli orari per i rumori con i macchinari vari (decespugliatori, motoseghe e via discorrendo – rispetto che per primo dovrebbe essere osservato dal Comune stesso e da chi vi opera per conto di questo)…. anche queste cose contribuiscono a migliorare la vita sia dei paesani residenti che dei turisti….

  10. GIUSEPPE ZANELLA
    25 Agosto 2021 @ 08:08

    @Libero,
    in linea di principio è condivisibile quello che dici… Ti faccio presente che anche una segretaria comunale è stata condannata per la vicenda di Sora Crepa… Il tanto osannato Bassanini, secondo me ha fatto un bel disastro con la sua riforma. L’eliminazione del CORECO doveva rappresentare uno snellimento nelle procedure di approvazione delle delibere, in realtà ha eliminato l’unico controllo di legittimità possibile. Che può fare un oppositore in Consiglio oggi come oggi? Può presentare mozioni, interrogazioni ed interpellanze spesso con risposte alquanto elusive. Ma se le cose presentano aspetti di gravità e di danno per l’Ente, l’oppositore è costretto a ricorrere alla Giustizia pagando di tasca propria e con l’incertezza, comunque, circa il buon esito delle sue istanze. Io a Venezia ci sono andato più volte a mie spese, mangiando un panino in treno… Altri sono andati con la nota spese sulle fritture di pesce, invero assai costose…

  11. GIUSEPPE ZANELLA
    25 Agosto 2021 @ 08:20

    @Uniamoci,
    a mio modesto parere, le tue sono idee brillanti e condivisibili. Il guaio è che c’è sempre di mezzo il …’campanile’. Del resto, chi dovrebbe farsi promotore di una tale bella idea unitaria? Le grandi idee di certa conduzione della attuale “Magnifica”, al di là dei paroloni in inglese, non dicono molto e, sempre a mio avviso, non porteranno al miracolo. I sindaci poi, non mi pare che “pensino in grande”, forse pensano solo a mantenere il proprio orticello…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code