panoramica 360 su Tre Cime dal Sasso di Sesto by Stefano Caldera

(da contemplare in religioso raccoglimento)

(su Mountainpanoramas)

(per i frettolosi 🙂 : a) la foto “gira”; b) è zoomabile; c) cliccando una prima volta su “Label” si nascondono gli oronimi; cliccando una seconda volta si nascondono anche “i triangoli”…)

effetto bonus bebè (natalità e fecondità 2016)

Anche in questi giorni (le elezioni, che occasione creativa!) il cazzaro si contorce nell’esercizio che più gli si addice: cazzaro sparaballe. Venghino, che abbiamo un bonus per tutti (a debito, naturalmente). Tipo quello “bebè” (per me beeeee, beeeee, onomatopeico). Con 40 euro mensili, per un anno e poi cazzi tuoi, sembra più un malus che un bonus. Oh, sappiamo tutti che l’analisi del fenomeno è un pochino più articolata: infatti, non è cosa da cazzari.

Natalità e fecondità 2016 (Istat): c’era una volta…

di altopiano in altopiano: come un... Razzo

L’ape va di fiore in fiore, io di altopiano in altopiano. Il primo amore non si scorda mai, e questa è una certezza. Ma va anche detto che quello per l’altopiano di Pian de Buoi, di amore, è ormai un tantino logoro. Sicché, cercando nuove soddisfazioni, mi sono rivolto altrove. Ci vogliono 30 minuti per arrivare a Monte (45 se si mira a Collo Vidal), 35 per arrivare a Sella Ciampigotto sull’altopiano di Razzo, con una strada 100 volte più meglio e 100 volte più [leggi tutto …]

nuovi strumenti per l'escursionismo

Nuovi, insomma, si fa per dire. Un meraviglioso mondo si sta dispiegando all’escursionista 🙂 : la possibilità di avere quel mondo in tasca. Anche offline. Venghino! Tema: uso delle mappe vettoriali “escursionistiche” su dispositivi mobili (Android). Alla trattazione “sveltina” di qualche tempo fa segue ora questa un po’ più organica:

Oruxmaps: installazione app e uso delle mappe vettoriali OpenAndroMaps (OAM)

 

BZ: volo notturno per l'elisoccorso provinciale

Bel giocattolino (l’NVG, che sta per Night Vision Goggles, sarebbe il visore ad intensificazione di luce, quello che usava Rambo in Afghanistan…).

 

Anelli e Vie su Waymarked Trails: utilizzo dell'interfaccia

Come sapete una parte della rete sentieristica del Parco Sentieristico Terre Alte di Lozzo di Cadore, quella relativa agli Anelli e Vie di Lozzo di Cadore, è ora mappata su OpenStreetMap (OSM). Ne avevamo parlato in questo articolo nel quale facevo presente che

In Waymarked Trails, cliccando su “percorsi” (in basso a destra sulla versione desktop) o sull’icona “menù” (nella versione mobile) si aprirà la lista dei percorsi relativi all’areale geografico inquadrato; cliccando sul percorso che interessa se ne potrà vedere il profilo altimetrico e il listato delle etichette descrittive di [leggi tutto …]

referendum, spopolamento e coitus ininterruptus

Gli ortotteri, la tribù originaria col relativo santone, voleva cancellare dalla faccia della Terra le province italiane. Non so che aria tiri oggi su questo argomento dalle parti del burattinaio-santone, ma è bello sapere che alla periferia dell’impero c’è qualcuno che guarda all’avvenire con “aria combattiva”:

Secondo D’Incà l’autonomia che il Bellunese rivendicherà post referendum permetterà di «combattere lo spopolamento che affligge il nostro territorio. Abbiamo l’occasione per cambiare la storia»

Frotte di giapponesi stanno arrivando per copiare ed esportare nel Sol Levante il modello bellunese. Si [leggi tutto …]

Anelli e Vie di Lozzo di Cadore ora anche su... OruxMaps, Locus Map, OsmAnd

Dicevamo di OpenStreetMap (OSM) che “è un progetto mondiale libero e collaborativo per la raccolta di dati geografici da cui si possono derivare innumerevoli​ ​lavori​ ​e​ ​servizi”. Dicevamo anche che Mappolo, il nono nano, ha caricato i percorsi degli Anelli e Vie di Lozzo di Cadore su OSM. Come visto, uno dei servizi “derivati” che utilizzano i dati di OSM è Waymarked Trails (disponibile sia in versione desktop che mobile).

A Waymarked Trails, servizio “online”, si può affiancare una serie di servizi “offline” (che quindi non hanno [leggi tutto …]

Anelli e Vie di Lozzo di Cadore ora su OpenStreetMap (OSM)

C’erano una volta gli Anelli e Vie di Lozzo di Cadore…

Una sera di tanti anni fa (2003) gli abitanti fatati del bosco decisero di fare un regalo alla comunità di uomini di Lozzo: si misero all’opera, chi qua chi là, e col favore della notte realizzarono 15 percorsi escursionistici che consegnarono nelle mani (ma soprattutto nei piedi) di quegli uomini con una sola semplice richiesta: “sono un Segno dell’Uomo, un patrimonio del passato, li abbiamo salvati dall’abbandono, ve li consegnamo pronti all’uso! Dovreste solamente e [leggi tutto …]

precedenza dare

Mi è giunta una nuova segnalazione. Questa volta si tratta di un segnale stradale alieno, perlomeno per le mie attuali conoscenze in materia, posto presso la Manadoira.

Potrebbe essere un segnale di pericolo generico – altri pericoli -, ma manca il punto esclamativo. Ci fosse almeno quello di domanda, si potrebbe configurare come pericolo… boh. Ma non c’è niente di niente: pericolo… nulla? Fate come se non ci fosse?

Forse, molto più semplicemente, si tratta di un segnale dare precedenza montato sottosopra, o sotto l’effetto di qualche sostanza inebriante [leggi tutto …]