4 Comments

  1. Lozzese curioso 2
    6 Aprile 2017 @ 10:48

    problema Bancomat : Se crei i “sevizi essenziali” a Domegge non puoi pretendere che i turisti vengano a Lorenzago!

  2. L'Economa Domestica
    8 Aprile 2017 @ 15:12

    Quante di queste presenze sono da attribuire all’effetto Booking?

  3. Danilo De Martin
    8 Aprile 2017 @ 20:47

    @L’Economa Domestica,
    dati territoriali specifici non ci sono, se non per macro aree, e dubito che i nostri manager del turismo abbiano una seppur pallida idea di come si distribuiscano le modalità di organizzazione dei viagi che hanno il Cadore come meta. L’Istat ha recentemente pubblicato un insieme di prospetti sui Viaggi degli italiani da cui risulta che, a livello nazionale, la prenotazione diretta dei viaggi avviene per il 49,8% dei medesimi, di cui tramite internet per il 38,8% dei casi (una crescita del 30% rispetto all’anno precedente), mentre in agenzia passa ora solo il 6,8% delle prenotazioni e il 43,4% non effettua alcuna prenotazione. In poche parole il 40% dei viaggi si prenota già oggi tramite internet; quale quota tocchi specificamente agli intermediari tipo Booking non lo so, ma immagino che ben pochi passino direttamente per l’hotel. In Cadore credo che ci siano ancora diverse “sacche di resistenza” al “tiranno”, ma pian piano si renderanno conto che finirebbero come quei giapponesi inconsapevolmente asseragliati sulle isole per anni a guerra finita.

    Piuttosto, sarà il tema di un prossimo articolo, ti anticipo (se non ne fossi a conoscenza) che Auronzo se l’è cavata nel 2016, +1,7%, grazie agli stranieri; le presenze degli italiani erano sotto del 4,9% alla fine di luglio e sotto del 3% alla fine dell’anno (mentre per gli stranieri c’è stato un +18% a fine anno), nonostante gli spot su Antenna 3. Ma eventualmente ne riparleremo…

  4. L'Economa Domestica
    9 Aprile 2017 @ 10:00

    Non vedo l’ora di leggere l’articolo; sul dato di luglio ovviamente la stagione calcistica della Lazio ed il caso Bielsa hanno pesato tantissimo (invece se il 2017 delle Aquile continua così, avremo un altro boom come nel 2013 e nel 2015).
    Per gli stranieri posso aggiungere una cosa (relativa però al 2017): altro che Antenna 3, la campagna ad Est del consorzio turistico ha dato frutti insperati! Da fine gennaio a metà marzo gli hotel di Reane (quelli più vicini alle piste) erano stracolmi!
    Attendo il nuovo articolo per le mie considerazioni su Booking ed AirBnB