7 Comments

  1. Reinhard Heydrich
    10 Gennaio 2015 @ 18:34

    @Danilo,
    deve essere tutto per un riflesso condizionato: non essendo ‘autoctono’, si sente forse un po’ a disagio, ed allora un certo distacco risulta giustificato. Oppure potrebbe trattarsi di un segnare le distanze, di un altero distanziarsi da una massa amorfa che non ha saputo esprimere nel suo ambito una figura carismatica simile alla propria.. Chissà!! Valla a capire la mente di un raffinato politico d’alto rango…

  2. Attilio Bianchi
    11 Gennaio 2015 @ 02:45

    Penso sia un discorso preparato antecedentemente alla riunione dei sindaci del consorzio Bim. Per capirci quella riunione in cui si era presentato con l’ urna di cartone baldan/speran-zoso di ottenere la presidenza. Credo che il distacco fosse dettato dalla certezza di ottenerla e sentirsi dunque ” anche sindaco di Lozzo “, ma non solo. Non oso immaginare ora la fortuna di noi lozzesi nell’ averLo a tempo pieno a risolvere i problemi del paese, in primis nel reclutare 6 bimbi che mancano all’ appello in prima elementare. ( Agno eli deste… no i se avarà mia perso….oiuto Taresa)…..Già si era prodigato, sempre a mezzo stampa, alcuni giorni prima nel pubblicizzare il tempo pieno alle scuole di lozzo, prendendo a pretesto una visita del mitico Lampo. Credo che dall’ epilogo quell’ appello mediatico sia caduto nel vuoto.
    In secondo luogo dovrà cercare qualcuno a cui affittare il rist. Pellegrini, visto che si era impegnato a pagare con i soldi dell’ affitto 25.000 ero di attrezzature di Sergio. Da questo mese affitti non entrano più in comune, pagherà anche con i miei soldi questa avventura imprenditoriale del comune? Per inciso agli aquilotti di Pelos, non ad Auronzo o Cortina, i vecchi gestori vanno in pensione, ma tra un mese riaprirà con rinnovata gestione… che dire?
    La lista potrebbe essere lunga e mi fermo qui, anzi no, un ultima cosa.
    LANCIO UN APPELLO A CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA O MINORANZA…. SI POTREBBE SAPERE QUANTI KW HA PRODOTTO L’ IMPIANTO DEL FOTOVOLTAICO ALLE SCUOLE MEDIE NELL’ ANNO 2014, VISTO CHE IL SITO PUBBLICATO DA GIANNI M. L’ ANNO SCORSO E’ INACCESSIBILE E AILITA NON MONITORA PIU’ GLI IMPIANTI, FORSE PERCHE’ SI VERGOGNANO, NON SO ( e dire che erano partiti alla grande con mega pannello al led che dava la produzione giornaliera, mensile ed annua ma forse….consumava troppa corrente ed è stato disattivato….dico io!…. GRAZIE IN ANTICIPO ANCHE SE SO CHE NON AVRO’ RISPOSTA PERCHE’ SE IN TUTTO IL 2013 LA PRODUZIONE AVEVA RESO 700 EURO ( e badate bene …diconsi 700 euro fruscianti)NEL 2014 SONO ANDATI DECISAMENTE IN DEFICIT…. si accettano scommesse….

  3. talaren
    11 Gennaio 2015 @ 13:49

    Sì, beh, vedere un pomeriggio di pieno inverno un gruppo di bambini attorno ad una fontana, con le mani nell’acqua gelata (e sporca), staccare i “kandeloti”, mollarli nell’acqua (ripeto sporca), poggiarli sul cemento (sporco) e poi dritti in bocca, e poi ripetere il tutto, sotto lo sguardo felice e divertito della maestra, la quale aspetta pazientemente che i pargoli finiscano il tutto…
    Non so se questo “tempo pieno” sia obbligatorio o facoltativo, ma ci penserei due volte prima di lasciare i miei figli in mano a sta gente…

  4. Attilio Bianchi
    13 Gennaio 2015 @ 02:05

    @Danilo: è ufficiale resa 2014 fotovoltaico scuole – 2384 euro
    Rendimento totale [kWh]

    2011 56462,27 x 0.462 = 26085 – 20953 = + 5132
    2012 54086,53 x 0.462 = 25357 – 20953 = + 4404
    2013 47596,62 x 0.462 = 21989 – 20953 = + 1036
    2014 40194,95 x 0.462 = 18569 – 20953 = – 2384
    Ovviamente il dato proposto solamente così, nudo e crudo, sarebbe alquanto propagandistico. Si deve tenere conto di una estate molto piovosa, per contro si evidenzia comunque un calo costante negli anni.
    Si sa che gli impianti policristallini rendono con la luce solare
    diretta e la percentuale di resa cala negli anni ma la scelta che ha condizionato in modo preponderante il saldo finale è quel benedetto leasing che pesa per 180.000 € in 20 anni, cioè 9000 euro annui di energia solare che si intasca la banca, e, quando va male, li intasca comunque….. chi ci rimette è il comune, cioè noi cittadini. Mah!!!

  5. il sindaco di Lozzo di Cadore: un tipo volitivo » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    13 Gennaio 2015 @ 13:05

    […] alla locuzione “Cari cittadini di Lozzo” espressa dal sindaco nell’ultimo numero abbiamo già detto; benché quello che stiamo per descrivere sia un aspetto meno formale, vale per esso ciò che […]

  6. il fotto-voltaico a Lozzo di Cadore (la resa 2014 sarebbe di meno 2.384 euri) » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    13 Gennaio 2015 @ 18:29

    […] in risalto il commento di Attilio riguardante la resa del fotovoltaico piazzato dalla nostra lungimirante amministrazione […]

  7. Lozzo di Cadore: il sindaco (minoritario) ringrazia… » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    15 Gennaio 2015 @ 13:11

    […] bolcom, la pravda lozzese. Questa volta andiamo oltre la forma (della forma ce ne siamo occupati qui e quo). Sempre dal discorso alla nazione del sindaco a reti unificate (rivolto ovviamente ai Cari […]