Carta del Parco Sentieristico Terre Alte di Lozzo di Cadore in formato OruxMaps

Oltre al formato jpg (alle dimensioni originali di 7575 x 9810 pixel) e a quello kmz per Google Earth, (su desktop va perfettamente, su mobile ove sì ove no) la carta è ora disponibile anche nel formato OruxMaps, la nota applicazione map viewer per dispositivi android (il link fornisce un file zip denominato carta-ps-ed50-33T contenente una cartella con lo stesso nome che va copiata sul dispositivo nella cartella mapfiles dell’app OruxMaps).

Avvertenza: i sentieri, le sorgenti e i pozarache, una buona quantità di tabias (quelli non visti [leggi tutto …]

Carta del Parco Sentieristico di Lozzo di Cadore con Google Earth

Per gli affezionati cartografi: ho sovrapposto (overlay) la Carta del Parco Sentieristico Terre Alte di Lozzo di Cadore alle mappe di Google Earth. Il file kmz (30 MB) contenente la mappa è eventualmente scaricabile qui. La rete sentieristica di Lozzo si può quindi valutare in 3D; ho mantenuto un certo grado di trasparenza della carta ma l’intensità dell’ombreggiatura è comunque meno accentuata rispetto a quella delle aree non sovrapposte, determinando un effetto tridimensionale meno marcato. La precisione della sovrapposizione è accettabile, ma si potrà migliorare. 

Aggiornamento [leggi tutto …]

saluti da Soracrepa

(sul retro una targhetta scintillante: “Zoccole di montagna, prossima apertura”)

ex caserma di Soracrepa da Po Croda, 10 dicembre 2016

ex caserma di Soracrepa: cambio di mutande, i lavori fervono (timelapse del 15-11-2016)

C’era un bel sole ieri e le maestranze stavano giusto rientrando dal rifocillamento in quota (gli umani subentrano dopo i primi sei sette secondi). 

(per chi volesse, c’è anche uno spezzone di 7 secondi in timelapse verso l’Antelao: le solite nuvole che corrono)

 

ex caserma Soracrepa: cambio di mutande e danni erariali

Mentre i nostri eroi comunardi stavano a guardà la sistemazione del tetto (il cambio di mutande) colabrodo della caserma (il comportamento negletto – a dir poco – dei comunardi, alla fine ha portato il conto, e sarà salatissimo: galeotta fu  la venta di quei primi giorni del 2015, qui le foto), giungeva la sentenza della Corte dei conti di Venezia riguardante un’altra vicenda legata alla Montiglio, quella “giudiziaria”, una cui prima eco ci era giunta alla fine di agosto 2015 (La Corte dei conti bussa [leggi tutto …]

e qualche inutile idiota crede ancora che sia stata una faccenda di legna da ardere!

 

PdM, Parco della Memoria di Pian dei Buoi.

Si parte da qui.

Per vedere come si articola “il racconto”, vedi la mappa del sito.

I “perché del Parco” sono spiegati partendo da qui.

Le cartografie degli areali sono qui.

Per gli “scorci sul Parco” si parte da qui (in particolare, alcune foto sferiche le trovate qui).

Il Parco della Memoria su Google Maps lo trovate qui (il link diretto senza spiegazioni è questo).

Per la descrizione dei lavori svolti nelle diverse aree avete a disposizione il link LAVORI CAI-GAS (da qui, per [leggi tutto …]

foto sferica da Soracrepa (Pian dei Buoi), al cospetto del M. Ciarìdo

Foto sferica da Soracrepa, Pian dei Buoi (5 luglio scorso): la Vila de Nani Poa, ex rifugio Marmarole al cospetto del M. Ciarìdo.

(sul mio visualizzatore la base dell’edificio è sicuramente più “orizzontale” (o meno storta) di quanto non appaia una volta caricata su Google Maps, ma tant’è…)

Forte di Col Vidal: Stato (del cazzo), abbiamo un problema!

Un giorno passò un furgone carico di reti elettrosaldate e di altre accozzaglie che servirono a collocare una rete a scopo anti intrusione attorno a elementi del Forte di Col Vidal: Villa del Capitano, Forte Basso, Forte Alto e Magazzini. Fu lo Stato ad occuparsene (i militariiiii…), per la presunta sicurezza dei frequentatori di Col Vidal e del relativo Forte.

All’inizio la rete elettrosaldata piantonata con tondino d’armatura fu anche avvolta da vivacissima rete di recinzione da cantiere, cosicché la perimetrazione fu visibile anche da Marte. [leggi tutto …]

Parco della Memoria: non erano critiche e me ne scuso...

Sul bollettino parrocchiale di questo scorcio di stagione trovo scritto, nella pagina “Ciareido e dintorni” redatta dal Cai, che questo direttivo sarebbe stato oggetto di critiche per attività non svolte, che, tuttavia, sarebbero state ben accette in quanto costruttive.

Non so se quelle critiche, o almeno una parte di esse, siano riconducibili a ciò che ho ripetutamente scritto riguardo al progetto del Parco della Memoria (con riferimenti tanto al Cai di Lozzo quanto all’amministrazione comunale).

Sono profondamente dispiaciuto che quanto documentato sia stato letto e vissuto come [leggi tutto …]

ex caserma di Soracrepa: un gioiello di obsolescenza

A parte la Morandini, che con la storiella dei “feed” si è rivelata “digitalmente obsoleta”, gli uneschi ci segnalano anche l’inizio della ricerca del secolo, la catalogazione delle strutture obsolete nel Sito Dolomiti UNESCO. Alla parola “obsoleto” ho reagito in modo naturale e mi sono detto che noi qui a Lozzo – sodomitici – abbiamo un gioiello di obsolescenza: la ex Caserma di Soracrepa.

Quale caso di studio migliore?

Stallì, un cesso tra le Dolomiti. Un vomito uscito dall’amministrazione comunale. Almeno cinque anni di abbandono assoluto. Un [leggi tutto …]