Dopo le feste cani e gatti in sovrappeso: ma ancora per poco!

Il dì della Befana ho letto questo tweet:

Lancio dell’agenzia Asca: “Dopo le feste 3 milioni di cani e gatti in sovrappeso“. Ce lo meritiamo tutto, il default

Mi è poi capitato di veder scorrere il titolo dell’Asca in questione e di approfondirne la lettura, soprattutto quella dei consigli per risolvere il problema del sovrappeso:

[…] fondamentale tornare ad una alimentazione sana e regolare, cani e gatti sono animali abitudinari e quindi i pasti vanno serviti sempre alle stesse ore e mai in dosi maggiori […]

Mi sono dato un’occhiata in giro: la Grecia si prepara ad uscire dall’euro con il botto, l’Ungheria è a pochi centimetri dal baratro, la Spagna è sotto pressione con le banche che hanno bsogno di almeno 50 miliardi, in Italia siamo seduti sulla polveriera dei titoli di Stato, da ultimo il titolo Unicredit è calato così tanto che le Fondazioni non si vedono più neanche con la lente d’ingrandimento.

Ebbene sì, ce lo meritiamo, il default. Unica consolazione, cani e gatti inizieranno la dieta (teutonica) qualche giorno prima di noi. Per il resto, diventeremo tutti smilzi, saremo tutti in forma. La “forma” del default.

 

I commenti sono chiusi