3 Comments

  1. Attilio Bianchi
    26 Febbraio 2016 @ 21:06

    Nell’ era del blabla car fa tutto un po’ sorridere. Meglio una galleria San Vito-Auronzo di soli 3km e la creazione dell’ anello delle Dolomiti…per il comprensorio sarebbe una manna.

  2. L'Economa Domestica
    28 Febbraio 2016 @ 12:13

    L’Alto Adige ha una politica no car che va avanti da almeno venti anni che ha portato bei frutti; come al solito arriviamo in ritardo. E’inutile che ci giriamo intorno: qui mancano tutti i servizi turistici, non solo il treno.

  3. Attilio Bianchi
    29 Febbraio 2016 @ 21:42

    …..A partire dall’ autostrada del Brennero ….. ahahahah….certa gente proprio non sa ciò che dice… il 60 % del nostro traffico estivo è caratterizzato da Nord-padovani e trevisani che vanno in Pusteria. Che poi, una volta arrivati, lascino la macchina in hotel fino alla ripartenza è tutto merito dei puster. AGGIUNGO RISPETTO AL POST PRECEDENTE…. NELL’ ERA DEL BLABLA CAR E DI MEGABUS…..PUORE NOI.