svantaggi, soprattutto svantaggi (il 'piubellista' del mondo)

Uno, tale Giuliano Vantaggi, ha ricevuto l’incarico di “direttore del turismo bellunese” (il primo). Il piùbellismo d’ordinanza, quello sciorinato dagli incalliti cantori di questa landa dolomitica, solitamente si limita alle montagne più belle del mondo. Il nostro, invece, per dare l’impronta, s’è allargato a tout le monde. Dall’intervista al neo manager (grassetto nostro):

«Viviamo nel posto più bello del mondo, in molti ce lo invidiano. Dobbiamo riscoprire l’orgoglio di essere bellunesi, solo in questo modo potremo rappresentare al meglio le nostre montagne ai turisti che arriveranno»

E, [leggi tutto …]

Brancaleone e il blocco di Sappada

Ancora una volta il sindakos dei sindakos s’è lasciato sfuggire l’opportunità di non aprir bocca. Un detto antico recita “Un bel tacer non fu mai scritto”. Ma niente, è più forte di lui. Cosicché, ricostituita la stalla con le nuove elezioni, il capomandria ha compiuto il primo atto – tuffandosi dagli scogli, sugli scogli – coinvolgendo ancora la novella “friulanità” di Sappada.

Magistrale, per vocazione sadomaso, la dichiarazione (neretto nostro) secondo la quale non ci sarebbe alcuna volontà di rinnegare il referendum di Sappada ma… ma… ma [leggi tutto …]

Cortina 2021: in caso di problemi citofonare al commissario

Cinque anni fa al nostro si sono aperte le porte del Parlamento, conseguendo di default la carica di peones. Da quei giorni ne ha fatta di strada! Lo si intuisce – anche – dalla sicumera con cui affronta la tenebrosa tematica generalista espressa dalla locuzione “In caso di problemi…”. Il nostro, infatti, riferendosi ai fuochi d’artificio che ci accompagneranno di qui all’arrivo dei Mondiali di Cortina 2021, dal cilindro tira fuori un coniglione: “In caso di problemi c’è il commissario“. Et voilà.

Averlo saputo prima… Tipo: [leggi tutto …]

la prova di maturità e quella (comunque) di democrazia

Un altro referendum fusionistoide s’è chiuso con un NO (ma nel penisolotto c’è anche chi si è fuso e chi si fonderà). Nel nostrano recinto della politica le capre hanno distillato il loro belato quotidiano. Avete notato? Se passa il SI, il bèèèèè assume la forma “l’elettorato ha dato prova di maturità“; se passa il NO assume quella di “comunque è stata una prova di democrazia“.

Del tipo: non me l’hai data, io comunque c’ho provato. Sappi perciò che, se me l’avessi data, ti avrei considerata [leggi tutto …]

Falcade a Canale non si voglion maritare

“Sono anni che ci stiamo lavorando” (una volta, da tanto sudore, il Bios ha rischiato l’esondazione). “Non lo facciamo per i soldi, ma se arrivano…” (pecunia non olet). “Un comune di 3000 abitanti pesa di più nei confronti istituzionali” (anche 4 coglioni pesano più di due). Un comune di più di 3000 persone per  “riuscire a combattere lo spopolamento che sta uccidendo la nostra cultura e la nostra tradizione più grande” (come stanno facendo Auronzo di Cadore o Pieve o la stessa Cortina?).

Poi arriva l’epifania (il [leggi tutto …]

diventerà 'eco', ma Belluno finora è stata una oco-destinazione turistica 

Che uno pensa: con Eurac stamo in una bote de fero!. Lassù (in Sudtirolia) cincischiano, gingillano, qualcosa di buono avranno imparato a fare no! Infatti, dopo sei mesi di studio matto e disperatissimo, sono, per intanto, giunti a concludere che bisogna guardare all’estero (finissima strategia fatta subito propria da DMO Dolomiti che, diversamente, gna a faceva a capirlo da sé).

Siccome i muss media de noantri hanno distillato la vision elaborata dagli eurachiani in “Belluno diventerà una ecodestinazione turistica“, ci affrettiamo a chiedere…

 

Cavolo vuol dire ecodestinazione [leggi tutto …]

Padrin e il lecca-lecca

Così, leggendo le impressioni di super-padrin al trasloco friulano di Sappada, m’è venuta in menta la figura di un bambinetto imbronciato al quale la mamma-maestra-zia (comunque un qualcuno di adulto), dall’alto della propria autorità, abbia tolto di mano il lecca-lecca che stava succhiando. Uguale!

Quindi veniamo a sapere che Sappada è un comune “troppo importante, e non solo turisticamente, per la comunità provinciale” e che, perciò, “Faremo ancora tutte le iniziative possibili per trattenere Sappada…“.

Noi, ingenuamente, pensavamo che dopo aver avuto l’ok dalla Corte, non quella [leggi tutto …]

turismo bellunitico, Eurac ha fatto l'ovo: più pilu per tutti

Dunque, ci abbiamo la vision. 

E non è cosa da poco. Il focus-del-target-della-vision sono, ceneve forte, i millennial. 

Noi, sinceramente e garbatamente, avremmo ritenuto di dover concentrare gli sforzi sul turismo geriatrico, con uno slogan elettrizzante tipo:

 

col catetere in montagna, la salute ci guadagna

 

Ma no, ci saremmo sbagliati. 

Anche la presidenta del DMO Dolomiti ci abbaglia con una perla distillata con profonda introspezione: “questo piano di marketing sarà finalizzato per il 70% sul mercato estero e sul 30% il mercato italiano”.

 

Ma va!

(dite la verità: da soli non [leggi tutto …]

Capitan Zaia, diglielo a quelli di Sappada che...

Il nostro Capitan Zaia, al momento della trattativa per l’autonomia, chiederà di avere nient’altro che quello che c’è già scritto in Costituzione. Mettiamo in evidenza quello che dice il Capitan: “come dico sempre, non si chiede altro che quello scritto in Costituzione“. Insomma…

 

Paro paro a Sappada!!!

(non vi basta?)

Uguale, per filo e per segno, a Sappada!!!

 

Eccheccazzo! Chiede forse Sappada più di quello che c’è scritto nella Costituzione? Credo che non conti nulla, ma ora i parla-peracottari hanno anche un ordine del giorno del consiglio comunale sappadino [leggi tutto …]

se Sappada... se mia nonna avesse le ruote

Tenuto conto che l’Alto Adige accoglierebbe solo la Regina (con le due ancelle – Pieve e Col – al traino), ma rifiuterebbe sdegnosamente le altre sciupate sguattere bellunesi;

tenuto conto che il Trentino farebbe lo stesso, anche se da un trono non così alto come quello su cui siede l’AA;

tenuto conto che, nell’ipotesi migliore, l’eventuale successivo passaggio di un comune ai “fasti trentini” si verificherebbe a 10 anni dal referendum (il tempo per ora passato per non-decidere del destino di Sappada);

tenuto conto di ciò che hanno [leggi tutto …]