35 Comments

  1. L’opera omnia di lor signori (prima parte) » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    10 Settembre 2010 @ 07:57

    […] degli accadimenti. Sono quindi ben contento di ospitare questo intervento (suddiviso in due parti, qui la seconda) che, come i precedenti, ne sono convinto, verrà letto da molti con […]

  2. simpatizzante_caserma_sora_crepa
    11 Settembre 2010 @ 02:05

    Scrivo qui per parlare della decisione del redatore di non scrivere più visto che li ha chiuso i commenti..Perchè far scomparire questo stupendo blog? Credo che se le è passata la voglia di scrivere potrebbe pensare ad una soluzione diversa, cioè o dare in gestione a qualcun alto il blog oppure, e perchè no, far si che siano propio i lettori a scivere gli articoli. Credo sarebbe molto bello; si perderebbe sicurmente si qualità di scrittura ma si continuerebbe a portare avanti lo scopo di questo blog, ossia far conoscere e discutere i problemi del paese. Almeno questa è solo una mia idea!

    Aspetto altri commenti! Grazie

  3. Ipotesi
    11 Settembre 2010 @ 08:58

    Come Simpatizzante Caserma Sora Crepa scrivo qui il mio pensiero:
    Probabilmente per il Redattore questo non è un “buon momento”; nella vita accadono o possono accadere degli eventi che ti portano a riflettere ulteriormente (ed il peggio è che più si riflette e più ci si accorge di come vanno le cose); Si vede la luce e si è ottimisti quando tutto va nel senso aspettato, normale; si vede nero quando accadono degli eventi che ti turbano profondamente; in questo ultimo caso anche la gestione della cosa pubblica, per quanto coinvolgente, va a farsi fo….e. Sono sicuro che dopo un primo momento di smarrimento e di sconforto il redattore, che stimo ampiamente, specie per l’enorme coraggio che ha nel scrivere, pane al pane e vino al vino, riprenderà nella sua missione.
    Coraggio Danilo, chissà che i “demoni” guardino anche da altre parti e che le “stelle” sappiano sconfiggere gli errori dei “demoni”.

  4. toni_dea_pierina
    11 Settembre 2010 @ 09:31

    Il presente Blog per sapiente azione di direzione, contenuti e raffinata veste grafica rapppresenta un punto di paragone tale che neppure altre (e ben maggiori) realtà possono offrire, sebbene munite di ben altri e maggiori mezzi.

    Bastano solo queste osservazioni per sottolineare il valore del Suo Ammnistratore, che, nella Sua generosità, sono sicuro non farà mancare il slancio, nè arginare la Sua sensibilità da avvenimenti transitori e passeggeri.

    Né vorrà fare un regalo al barbuto santone salentino.

  5. griso
    11 Settembre 2010 @ 11:55

    Caro Danilo,
    capisco che a spingerti alla odierna decisione siano forse profonde ragioni magari personali, comunque strettamente private. Come ben dice “Ipotesi”, chissà che i “demoni” possano presto guardare dall’altra parte e che le “stelle” possano poter sconfiggere questi demoni. Al di là di ogni possibile auspicio che la serenità torni a sorriderti molto presto, io ti formulo l’augurio che, fra qualche tempo, tornato il sereno, tu possa meditare approfonditamente sulla utilità dello strumento divulgativo che tu hai saputo così magistralmente mettere in piedi per un opportuno quanto necessario dibattito sulle problematiche civili, sociali, economiche, etiche che il nostro paese ha di fronte a sè e che richiedono una approfondita conoscenza e coinvolgimento della intera Comunità locale. Mi auguro quindi che tu possa presto tornare sui tuoi passi e che la “voglia” possa quanto prima ri-fare capolino nella tua mente e nei tuoi propositi. Un caro saluto.

  6. griso
    11 Settembre 2010 @ 12:06

    Credo che la decisione di Danilo, che io rispetto profondamente, non debba inficiare e compromettere scopi e finalità del Bloz. Pertanto invito i lettori ad esprimere il loro pensiero in merito ad una efficace pressione sul Redattore affinché desista, almeno in una prospettiva di breve-medio periodo, dal suo proposito. Invito anche i lettori ad esprimere un giudizio su quanto Cagliostro ha scritto più sopra a proposito della qualità di molte delle scelte operate dalla attuale Amministrazione. Sarebbe questa una cartina di tornasole sulla utilità e necessità della continuazione dell’opera meritoriamente avviata da Danilo ed un autentico compendio degli sforzi da lui profusi per informare la cittadinanza sulla conduzione della “Res Pubblica”.

  7. Fox Mulder
    11 Settembre 2010 @ 18:19

    Caro Cagliostro, le tue critiche sono sempre ben argomentate, chissa’che possano bucare la campana di vetro in cui vivono il “duo di piadena” quelli promettono ben sapendo che le promesse valgono solo nel momento in cui si dicono, hanno dei bei esempi nella politica nazionale!! vedi taglio delle provincie taglio delle tasse e taglio hai costi della politica!! per quanto riguarda Danilo, spero che continui con il “BLOZ” è troppo forte!! è una spina nel fianco per il “DUO” non mollare!!!!! Saluti.

  8. frison
    12 Settembre 2010 @ 14:50

    Caro Danilo,
    aggiungo anche la mia voce a quella di chi mi ha preceduto per invitarti a soprassedere da decisione drastiche e definitive. Un mese “sabbatico” i cittadini lo potrebbero anche capire, mentre troverebbero deleteria la tua assenza sine-die dalla Rete, da questo essenziale mezzo per far sentire al nostro paese un’altra campana che non sia quella dei Bol-Com e dei Bol-Par…
    Colgo comunque l’occasione, rifacendomi a quanto scritto da Cagliostro nei suoi due ultimi articoli (vedi sopra), per rendere noto che in paese corre voce che il Tar si sarebbe in questi giorni pronunciato in merito al diniego di una certa DIA, ordinandone lo sblocco e condannando l’Amministrazione al pagamento delle spese “giudiziali” quantificate, sembra di capire, in cifre di grosso rilievo.Il condizionale è comunque d’obbligo. Altri ricorsi avverso alle burocratiche decisioni di Uffici interni alla Amministrazione starebbero, sempre secondo queste voci correnti sulla “Piazza”, per concludere il loro iter, sempre avanti al Tar. In proposito dal Palazzo nulla trapela. Tutto assorbito, come dice Cagliostro, nelle “felpate stanze del potere”? Ma la Minoranza che fa? E’ mai possibile che la cittadinanza, che la Piazza, abbia sentore di queste cose ed i Consiglieri preposti al “controllo” non sappiano niente o non possano provocare un opportuno chiarimento? Per il bene dell’Ente, c’è da augurarsi che si tratti solo di voci infondate.. Ma il compito della minoranza, che qui sollecitiamo, è quello di cercare di documentarsi ed appurare se le cose stanno effettivamente come la “Piazza” vocifera (vox populi….) Sarebbe poi da fare una verifica se corrisponde al vero l’esorbitante numero di assenze dalla C.E. accumulate un certo membro-commissario che va per la maggiore!!
    La minoranza si faccia sotto e controlli che il denaro pubblico non vada, in ipotesi, assorbito in spese legali per il presunto mal funzionamento di certi Uffici e per eventuali, possibili risposte sbagliate alle istanze dei cittadini!!

  9. un lozzese
    12 Settembre 2010 @ 20:09

    Caro Danilo, faccio parte di quei cittadini che, non quotidianamente, ma ogni 3-4 giorni sì, mi leggevo il BLOZ, tanto sapevo che sulla pagina principale mi aspettavano sempre gli ultimi 10 articoli. Non ho mai fatto commenti non perché non avessi niente da dire ma perché o non c’era niente da aggiungere a quello che avevi già scritto o ci avevano già pensato altri a commentare. Tu stesso mi hai detto un giorno che i commenti sono importanti ma che è ancor più importante che la gente legga e si informi e che non viva passivamente le scelte degli altri. So che non te la prenderai per quello che dirò qui ora: noi tutti rispettiamo naturalmente questa tua necessità e ti auguriamo che al più presto ti torni la voglia di scrivere sul tuo BLOZ. Ma nel frattempo, ora che il BLOZ è in silenzio, e forse era per la minoranza era un po’ ingombrante, non può la stessa MINORANZA, oltre al meritevole pubblicazione delle delibere comunali, aggiungere qualche articolo di analisi della politica amministrativa? So per certo che Danilo ne sarebbe più che felice.
    Mi piacerebbe ricordare solo una cosa che mi hai detto una volta e che mi è rimasta impressa nella mente: hai detto che “in Italia ci sono più di 8000 comuni e quindi ci sono più di 8000 sindaci: tante sono le persone che possono fare il sindaco, poche quelle che possono fare il Marigo”
    Aspettando il tuo ritorno.

  10. Alberto Da Pra Tetto
    13 Settembre 2010 @ 09:54

    Rispetto la tua decisione Danilo ma ti invito a riflettere con calma, a prenderti del tempo, perchè un Blog di valore come questo, seguito quotidianamente da centinaia di persone, tende a diventare nel tempo una creatura autonoma, un bene civico (come può esserlo un municipio o una biblioteca) che non appartiene più solo al suo creatore ma anche, in parte, alla comunità che gli si è formata intorno.
    Ha dimostrato di essere un autorevole pungolo democratico per l’ingessata situazione di Lozzo, scatenando discussioni persino sugli “organi” municipali (ed ecclesiastici!).
    Aspettando il tuo ritorno ti invito a rileggere “Il cane che ha visto Dio” del nostro Dino Buzzati; sono certo che ti aiuterà a capire meglio.

    Con affetto,
    Alberto Da Pra Tetto

  11. batadoira
    13 Settembre 2010 @ 10:38

    E’difficile aggiungere qualcosa a quanto hanno scritto le altre persone prima di me.
    Sono tutti da sottoscrivere, senza esclusioni.
    Conoscendoti sono sicuro che non mollerai l’osso.
    Non farci ritornare nel buio, continua a tenere la luce accesa.
    Con stima

  12. giuseppe zanella
    13 Settembre 2010 @ 16:52

    Caro Danilo,
    voglio anch’io intervenire per dirti che rispetto la tua scelta ma penso che essa non debba essere assolutamente definitiva.
    Scusa la confidenza, ma debbo dirtela tutta: non fare “scherzi da prete” e pensa a quanto bene hai fatto e fai per il Paese e quanto potrai ancora fare con il tuo splendido ed utilissimo Bloz!! Non smentire questo tuo sviscerato amore per il “Territorio” e non …”tradire” la fiducia che in te molti hanno riposto. Un saluto caloroso ed un arrivederci… sul Bloz.

  13. Ghino di Tacco
    13 Settembre 2010 @ 17:12

    Caro Danilo,
    Batadoira ha scritto poche ma molto significative parole: “Non farci ritornare nel buio, continua a tenere la luce accesa”. Io aggiungo che la “luce accesa”, ad esplicitazione per chi non lo avesse ben compreso o non credesse all’esistenza del buio fin qui imperante (prima dell’avvento del Bloz), è quella della necessaria e corretta INFORMAZIONE E TRASPARENZA, che nel nostro paese mancava da illo tempore. Non mollare l’osso, davvero. Fai che il Negus possa dire quello che sembra abbia detto, in “camera caritatis”, ai suoi sodali riferendosi a qualcuno che tu conosci e che era all’Opposizione: “QUELLO, QUANDO AGGUANTA L’OSSO, NON LO MOLLA PIU'”. Credo che sia stato il più bel riconoscimento possibile. Fai che anche di te si possa dire altrettanto…. Ti attendo fra breve più pimpante di prima!!

  14. Gianluigi Nardei
    13 Settembre 2010 @ 22:11

    Danilo!!!no sta mia lasame prorio ades nte le man de chi la ! son riuside a feise npromete che i asfalta “A BREVE” ka do in Broilo! come fazo a fei vede l’asfalto apena fato che fuma se no e pi al BLOZ !! sul giornal le foto no se vede tanto ben e dopo la dente che liede no crede che l’asfalto e apena stou fato , no sei se l’fiador risulta sula foto!! inveze sul BLOZ se vedarae benon i minimi particolari e quindi dute podarae di “ASTO VISTO CHE BEL LAORO CHE I A FATO!!!” che bele ringhiere!,chisti mo se a dou da fei autro che bale! chesti ca sa agno’ che se deve intervegni! (un consiglier abita a 30 metre circa)pensa che sta primavera dopo che i avara’ fato i laore podaron bete sul BLOZ le ciampane che sona,e un toco del film de TOTO’ quanche e ruou al sior dal’america e èra duto al paese in piaza a fei festa con la banda che sonea!!Grazie per l’aiuto! ciao.

  15. Cagliostro
    14 Settembre 2010 @ 10:06

    Io sto rimuginando su cosa fare ancora per far tornare Danilo sui suoi passi, al più presto. Le mie considerazioni le ho espresse in più occasioni su queste pagine al fine di sottolineare l’importanza del moderno mezzo di comunicazione e quindi dell’assurdità del proposito espresso dal suo redattore.
    Due sono i punti forza di ogni possibile ragionamento, al di là delle motivazioni personali del redattore (che capisco e rispetto): una è l’utilità enorme del Bloz in una realtà come la nostra; l’altra è il convincimento che non si può darla vinta a lor Signori (che stanno già gongolando). Spero di essere stato chiaro ed esauriente…
    Il buio non deve tornare e la luce deve risplendere più che mai e va potenziata e diffusa in ogni angolo del nostro paese.

  16. De Amicis
    21 Settembre 2010 @ 13:15

    Danilo, non abbandonare. Approfittando della tua situazione avrebbero eliminato la voce scomoda della verità. Invece devi reagire e continuare con il pungolo. Se non lo fai tu, con la mino-minoranza che abbiamo, chi lo fa?
    Dai che il sole torna a splendere!

  17. cagliostro
    22 Novembre 2010 @ 18:02

    Sono ormai mesi che questo Bloz tace ed il danno risulta di tutta evidenza: il paese è tornato in un deleterio cono d’ombra, tutto appare tornato nella piatta ‘normalità’ tanto cara a lor signori. Le rispettabilissime e personalissime ragioni del redattore meritano tutto il rispetto possibile e la decisione sulla “voglia” di una ripresa di questa importante voce della Pubblica Opinione spetta soltanto a lui. L’invito e le sollecitazioni da molti pervenute a Danilo a ritornare sui suoi passi sono però molto ben motivate (“non farci tornare al buio,continua a tenere la luce accesa” ha detto ‘Batadoira’ in data 13/9/2010, e credo che non ci sia affermazione più indovinata ed opportuna di questa). So che esiste una dicotomia ed una palese conflittualità fra le esigenze di natura personale e quelle riconducibili ad una esigenza collettiva. Non per questo le due esigenze possono essere totalmente inconciliabili. Facciamo forza a noi stessi, riprendiamo il cammino. A me la “voglia” sta tornando. Il bene del paese esige che essa torni anche al redattore ed ai tanti commentatori e lettori che desiderano semplicemete essere informati sulla conduzione amministrativa del loro paese, sui suoi problemi, sul fatto di poter dibattere le soluzioni da dare a questi ultimi, sul pungolo e controllo dell’operato di chi è chiamato, pro-tempore, a scegliere per tutti noi. Abbiamo bisogno proprio di ‘tenere la luce accesa’. E la voglia, strada facendo, ‘tornerà’, giacché la nostra è…una famiglia allargata!!

  18. un da loze
    23 Novembre 2010 @ 07:47

    Cagliostro, te as rason. Speron che a Danilo i torne la voia de scrive le robe vere, chele che capita nte sto paes, no chele che o vo fei vede i luore agno che va duto ben e e duto oro chel che lustra.

  19. Lozzese curioso
    24 Novembre 2010 @ 08:43

    Avè reson!….Danilo e na risorsa pì unica che rara par Loze…. e che tante ote di masa la verità fa pì mal che ben par la politica:a breve termine s’intende!

  20. Fox Mulder
    25 Novembre 2010 @ 14:10

    Avete ricevuto anche voi il “BOLCOM” (mi sembra scritto da un bambino delle elementari!) gongolante di gioia per la restituzione delle chiavi della caserma di “SORA CREPA”, adesso cosa faranno? aumenteranno ancora il buco delle spese senza senso? senza un fine? Cagliostro tu cosa ne pensi? molto lo hai gia’ detto, ma mi piacerebbe sentire le ultime! Saluti.

  21. Lozzese curioso
    26 Novembre 2010 @ 08:55

    ….fason al nuovo Rifugio Marmarole e verdon un nuovo Bar Bianco su la curva de i Sindici:ke diseu?

  22. cagliostro
    26 Novembre 2010 @ 13:14

    Caro Fox Mulder,
    accetto di buon grado il tuo invito ad esprimermi, facendo comunque riserva di farlo più compiutamente non appena avrò avuto modo di leggere il Bolcom nuova edizione… Premesso che non mi è dato conoscere alcun provvedimento giudiziario che consenta a lor signori di battere la ‘gran cassa’, se la cosa è nei termini che mi vengono ventilati non posso che essere contento per il mio paese, non fosse altro perché sarebbero, presumibilmente, finiti gli esborsi per parcelle legali…Nell’esprimere questo stato d’animo, non posso non riandare a quanto scritto lo scorso Luglio dall’ex capo gruppo di minoranza Giuseppe Zanella, su questo stesso Bloz,con l’articolo “LE BUGIE ED I PECCATI DI OMISSIONE DI LOR SIGNORI (2A PARTE). A chiusura di tale intervento, invero assai documentato ed ‘argomentante’, l’autore così si esprimeva: “Anch’io faccio auspici, per così dire ‘positivi’, che presto tutto si concluda con il vero reintegro nel possesso (della caserma, ndr) e che il Bolcom non si faccia megafono di verità molto parziali, e rispetti chi, al Comune di Lozzo, ha sempre lavorato con passione, svolgendo il ruolo che gli competeva: quello primario di pungolo e controllo, oltre che di proposta, soprattutto per esorcizzare errori…” L’autore si riferiva, in particolare, alle affermazioni gratuite ed alle insinuazioni inserite sul Bolcom di allora, laddove si attribuiva chiaramente al capo-gruppo di minoranza (quale?) intenzioni ed affermazioni del tutto destituite di ogni fondamento.
    Ecco, caro interlocutore, Cagliostro si riconosce nell’auspicio pronunciato allora, in epoca non sospetta, dall’ex capo gruppo di minoranza. Aggiungo comunque, entrando nel merito della intera problematica, che adesso (semmai conclusa la querelle) viene il bello!!
    Adesso la “predial”, la cambiale verrà portata all’incasso. Fuor di metafora, bisognerà vedere quello che si farà dell’immobile dopo averlo nuovamente ristrutturato. Già abbiamo palazzo Mubarak dalle incerte ed improbabili destinazioni (quanti centri di ‘diffusione’ del turismo ci sono ormai in Cadore?). Qui si farà la nobilitate del duo di Piadena!!!
    Nobilitate che io considero aleatoria, non fosse altro che per i trascorsi poco lusinghieri e rassicuranti (ad esempio per le modalità di alienazione degli appartamenti sopra la Cooperativa e per i ‘cospicui’ introiti ricavati…). Tieni presente che l’onere per la risistemazione della Montiglio non sarà certamente tenue e non sò proprio dove andranno a ‘pescare’ i mezzi necessari. Nè va dimenticato che l’immobile si potrà mettere a reddito pieno (se ed in quanto possibile) solo dopo adeguata sistemazione della strada di accesso. Infine, tieni presente che siamo in piena crisi economico-finanziaria e le ‘vacche’, attualmente, sono scheletriche e non danno latte. Insomma, per quanto ammanicati con la politica, non credo che, a Venezia come a Roma, i padrini siano disposti a scucire denaro per un progetto, magari interessante per la zona, ma il cui ‘ritorno’in termini economici è tutto da dimostrare e di là da venire.
    Un cordiali saluto.
    NB A giorni sarò più preciso nell’esprimere un personale giudizio sull’intera vicenda (leggerò il provvedimento ed anche il Bolcom).

  23. Fox Mulder
    26 Novembre 2010 @ 18:33

    Bene Cagliostro,riuscire a pubblicare tutte le spese (legali e quant’altro) sostenute dalla nostra comunita’, sarebbe un’azione di trasparenza e verita’, cosi’ da poter rendere chiare le idee alla popolazione del nostro paese. Saluti

  24. Lozzese curioso
    26 Novembre 2010 @ 19:20

    …..ade coi solde dei ricave de la Centralina de Veleza faron faville!!!!

  25. cagliostro
    27 Novembre 2010 @ 10:33

    Caro Fox Mulder,
    basta saper leggere le delibere di Giunta, almeno dal 1995 in poi, e controllare le rimesse fatte allo Studio Barel (avv.to Pellegrini), allo studio Rasera Berna ed aggiungere infine le consulenze dello Studio Prade per ricavare un ‘sostanzioso’ esborso.Senza contare il saldo, presumibilmente ancora da versare all’avv.to Pellegrini. La attuale minoranza (che ha il potere di controllo sugli atti della Amministrazione) potrebbe chiedere ufficialmente il dato e poi divulgarlo sul suo sito… Io ho comunque presente un dato chiarificatore circa la ‘bella’ (si fa per dire) gestione della Cosa Pubblica da parte di questi Signori. Sulla vicenda “baite-usi civici” hanno incassato circa Euro 37.000, neanche sufficienti a coprire le spese legali. Se poi vogliamo aggiungere mancati canoni, interessi moratori non riscossi, mancati introiti per tasse, imposte e tributi di ogni e qualsivoglia genere, il giudizio lo puoi emettere anche da solo…Sul fronte ‘Casermone’, va detto anche che, nel coacervo degli oneri, non vanno soltanto computate le parcelle legali, ma anche l’onere del riscatto, la svendita di proprietà comunale (a vario modo ed impropriamente giustificata), la mancata ‘remunerazione’ del capitale immobiliare e ‘mobiliare’ impiegato, gli interessi, il tasso inflattivo, i mancati introiti (anche qui) per tasse, imposte e tributi di qualsivoglia natura… Ed il danno d’immagine, dove lo mettiamo? A questo punto, sorge spontanea una domanda: non era meglio che il tanto reclamizzato ‘patrimonio storico’ fosse lasciato al suo destino e fosse stato oggetto di pubblica asta? Questo, partendo dall’assunto che ‘l’eminenza grigia’ di Palazzo Venzo (parlo del vice sindaco), in pieno Consiglio, aveva affermato che c’erano 5/6 privati pronti a partecipare alla gara. Con il senno di poi… che lo facessero pure!! Ma è mio fermo convincimento che si fosse trattato di una semplice boutade, magari per convincere i riottosi della maggioranza..
    Aggiungi, caro Fox Mulder, tutte le altre considerazioni da me svolte in precedenza circa gli esborsi che attendono ora l’Amministrazione al fine di salvaguardare la integrità del cespite immobiliare(sulla cui destinazione e sul cui rendimento futuro, data la situazione generale dell’economia. non si possono che nutrire notevoli perplessità).
    Sfido chiunque a valutare se non era meglio tenersi il patrimonio immobiliare sito in piazza rispetto al riscatto del così detto ‘patrimonio storico’ del Comune, che tanti gratta capi ha provocato e provocherà alle casse comunali (che sono comunque da riempire da parte di tutti i cittadini). A quando, a Palazzo Venzo, la decisione circa la imposizione delle così dette “tasse di scopo” ??!!

  26. cagliostro
    27 Novembre 2010 @ 10:58

    Caro “Lozzese curioso”,
    Il tuo senso dell’humor è veramente apprezzabile!
    Le ‘faville’ sono già attive, basta pensare all’acquisto di due appezzamenti di terreno (roccia?) da privati (Euro 5000 + Euro 3.440), la cui delibera è stata da me ‘scoperta’ sul sito della minoranza (ecco l’utilità della pubblicizzazione sui moderni mezzi di comunicazione dei documenti inerenti la Pubblica Amministrazione!). E in tale provvedimento non erano indicati dati essenziali quali l’estensione dei due mappali e la rendita e qualità dei suoli!!! Si voleva evitare che si facessero le pulci circa lo spreco anche qui intervenuto: si son sborsati denari pubblici sicuramente per oltre cinque volte il valore effettivo dei suoli e ciò al fine di evitare contenziosi ed ogni possibile ‘inconveniente’ con i venditori. E la pubblica utilità, eventualmente invocabile, dove la mettiamo?… Ci si fa forse belli e si evitano ‘inimicizie’ con l’uso del denaro pubblico?

  27. cagliostro
    27 Novembre 2010 @ 13:11

    Mi è appena stato recapitato il Bol-Com che ho letto con la dovuta attenzione. Tralascio ogni considerazione sul tono e sulle varie ‘amenità’ lette e riscontrate. Forse ha visto giusto Fox Mulder quando parla di tono ‘gongolante’ e di scritto che poteva ben essere attribuito ad un ‘bambino delle elementari’. Ma passiamo oltre, giacché anche un bambino delle elementari può essere animato da certe faziosità e da non commendevoli insinuazioni… Immaginatevi un politico scafato come il nostro Conducator!! Voglio limitarmi soltanto a considerazioni sul pezzo ‘Il Casermone Soracrepa ritorna di (a?) Lozzo’, tralasciando il non meno importante pezzo “Differenziare i Rifiuti Conviene a Tutti” su cui mi soffermerò in un prossimo futuro.
    A proposito del Casermone, riporto questa frase “…Non ci siamo arresi neanche quando, anche in Consiglio Comunale, qualcuno ci spiegò che non c’era nulla da fare per salvarlo (il casermone, ndr) “Segue tono trionfalistico e smaccatamente autoincensatorio.” …abbiamo vinto noi. Il Casermone appartiene a Lozzo e nessuno glielo (sic!) toccherà mai più”.
    Mi viene naturale considerare che:
    1) il metodo non cambia! Ricordate i Bolcom precedenti con la triade di insinuazioni? Sottrazioni presunte alla Latteria, sversamento veleni nel lago, ventilato accordo sottobanco con il De Rossi da parte di un non meglio precisato (ma ben identificabile) capo-gruppo di minoranza!! Mai un nome e cognome precisi!! Solo accuse generiche e non provate, attribuzioni di ‘colpe’ inesistenti. E’ la nuova tecnica della comunicazione, bellezza! (la tecnica demolitoria dell’avversario/nemico è di scuola…brianzola);
    2) la verità vera viene sottaciuta, viene distorta a proprio uso e consumo al fine di APPARIRE sempre il modello di perfezione, colui che aveva visto giusto per il bene collettivo. Vedremo poi, sulla lunga distanza, quanto il bene collettivo sia stato preservato da certe scelte…
    3) la succinta rievocazione dei fatti è soltanto in parte corrispondente alla realtà, per il resto è manipolazione pro domo sua (del sindaco e del suo degno compare);
    E le considerazioni potrebbero continuare all’infinito.
    Io però mi limito a rinviare il lettore a quanto da me- e da altri- scritto sull’argomento e su altre pregnanti questioni lasciate alla discrezionale scelta operativa di questa Ammninistrazione.
    QUELLO CHE A ME PREME SOTTOLINEARE E’ CHE IL METODO DELLA NON TRASPARENZA (NON VOGLIO USARE ESPRESSIONI FORTI, TIPICHE DI METODI IN AUGE IN ALTRE PARTI DEL NOSTRO TERRITORIO NAZIONALE) CERTAMENTE NON PREMIA E TUTTI POSSONO ‘AMMIRARE’ LA SINTASSI MISTERIOSA ED IMPROBABILE IN VOGA A PALAZZO VENZO.
    ‘QUALCUNO’ IN CONSIGLIO COMUNALE CI SPIEGO’ CHE NON C’ERA NULLA DA FARE PER SALVARLO’. LINGUAGGIO CRIPTICO CHE MERITA IL GUANTO DI SFIDA:
    CHI E’ QUESTO QUALCUNO? SI ABBIA IL CORAGGIO DI FARE IL NOME!!
    E’ FORSE IL CAPO GRUPPO DELLA PRECEDENTE LEGISLATURA? NON SEMBRA PROPRIO, VISTO CHE, CE LO SPIEGA L’INTERESSATO, LA TRATTATIVA CON LA BANCA E’ PARTITA PROPRIO DA UNA SUA INIZIATIVA. E POI GIUSEPPE ZANELLA AVEVA LA BUONA ABITUDINE DI PRESENTARE INTERVENTI SCRITTI E NON RISULTA PROPRIO CHE ABBIA MAI USATO LA FRASE SOPRA RIPORTATA.
    NEANCHE CREDO CHE UNA SIMILE AFFERMAZIONE POSSA ESSERE USCITA DALLA BOCCA DI IVANO CALLIGARO…
    Insomma, a chi giova la politica delle insinuazioni malevoli? Forse all’ordinato sviluppo della Comunità ed alla pace e concordia sociale tanto spesso invocate a parole dal nostro sindaco? Dubito molto che un tale modo di fare sia nel DNA dei Lozzesi che io conosco assai bene e sicuramente meglio di quanto li conosce il sig. Mario Manfreda, cittadino di Lozzo per ‘meriti’ e qualifica acquisita… E per fortuna che l’uomo appare così equilibrato, disponibile e serioso! Ma, che volete, alle volte le apparenze ingannano e la ‘tenuta’ caparbia della sedia fa fare anche brutte figure usando terminologia criptica, comunque molto allusiva e rasentante attribuzioni ed aggettivazioni molto più pesanti…

  28. simpatizzante_caserma_sora_crepa
    27 Novembre 2010 @ 16:03

    voglio solo portare aggiornamenti al caso caserma di soracrepa. Il comune ha utilizzato lo stesso modo di fare sopracitato da cagliostro.

    1)Non ha nemmeno portato al giudice l’ultima sentenza quella pubblicata da me tanto tempo fa! Ha parlato di contratto di affitto e sub-affito senza portare il contratto!! Peccato che il contratto non fosse di affito con il sig De Rossi ma bensì si locazione!!! Quindi a breve saremo qui a commentare la batosta che prenderà il comune e per di più con la richiesta di danni subiti da parte del sig De Rossi per non aver potuto utilizzare lo stabile dalla data della sentenza vinta dal comune fino a quando non ne rientrerà in possesso!!! Insomma ecco il miglior modo per tirarsi la zappa sui piedi!

    2)Il comune non doveva più essere in possesso delle chiavi come su richiesta dell’avvocato di De Rossi al giudice di Belluno. Come ha fatto ad accedere allo stabile per fare l’elenco dei beni all’interno?

  29. cadorino
    27 Novembre 2010 @ 16:54

    Che si stia avvicinando il tempo che il g.DR risponda

    per le sue scorribande cadorine??????

  30. simpatizzante_caserma_sora_crepa
    29 Novembre 2010 @ 01:34

    scorribanda=Incursione rapida e improvvisa di banda armata in un territorio

    non mi sembra che viaggi armato il sig De Rossi!!

  31. cadorino
    30 Novembre 2010 @ 20:54

    E’ vero non tutte le bande sono armate, ci sono quelle specializzate a fare
    solo buchi e che BUCHI!!!

  32. Toni dea Pierina
    3 Dicembre 2010 @ 21:58

    Caro Simpatizzante,
    spiega cosa è successo, quali presunti torti ha subito il De Rossi.

    Ossia:
    a)se il rilascio è stato effettuato dall’Ufficiale Giudiziario;
    b) in forza di quale titolo è stato eseguito il rilascio;
    c) se il titolo esecutivo, il precetto e l’avviso di sloggio sono stati
    notificati a De Rossi;
    d) quale opposizione ed azione ha assunto il De Rossi;
    e) l’ammontare dei danni richiesti al Comune;
    f) se De Rossi ha presentato denunce o esposti circa lo sloggio subito;
    g) se ha un difensore fiduciario o è ricorso al gratuito patrocinio.

  33. simpatizzante_caserma_sora_crepa
    4 Dicembre 2010 @ 14:55

    @toni: vorresti sapere troppe cose!! io ci ho parlato solo 2 minuti al telefono e ho scritto un pò di post fa quello che mi ha riferito…poi non so se si sia mosso nel frattempo e cosa abbia fatto!

  34. Toni dea Pierina
    4 Dicembre 2010 @ 21:39

    @Simpatizzante:

    Comunica pure a me il numero di telefono di PDR, affinché io possa chiederglielo, e – qualora abbia subito una ingiustizia da parte del Comune di Lozzo – promuoverò, eventualmente in concorso con altri intervenienti al Bloz, le tutele e difese più opportune (in punto di diritto, noi montanari siamo molto più tenaci e tecnicamente più raffinati di molti legulei metropolitani).
    P.S.: perché il sito di PDR non reca aggiornamenti da illo tempore? Alla faccia del “puro scopo di tenere aggiornato il popolo sugli ultimi avvenimenti riguardanti la caserma.”!! Oppure PDR è in bolletta?

  35. simpatizzante_caserma_sora_crepa
    5 Dicembre 2010 @ 14:56

    l’email del signor de rossi come ben sai è l’unica cosa che mi ha consentito di divulgare. Se vuoi il numero chiediglielo per email oppure scrivigli il tutto via mail!!
    il signor de rossi non è in bolletta ma credo sia all’estero in questo momento perchè la telefonata di 2 minuti mi è costata un occhio della testa!