provincia di Belluno, prima in Veneto nella diffusione dei quotidiani

tabella con i dati relativi alla diffusione dei quotidiani per 100 abitanti per le province del Veneto, FVG, TAAione-quotidiani
A questo indirizzo è possibile consultare un ottimo grafico interattivo che descrive la diffusione dei 64 maggiori quotidiani con dettaglio su  scala provinciale. Dai dati messi a disposizione ho tratto quelli relativi al cosiddetto Nord-Est (nell’articolo segnalato sono a disposizione anche tutti i dati 2011 forniti da Ads – Accertamenti diffusione stampa).

La maggior diffusione dei quotidiani si registra in provincia di Bolzano con 16,3 copie per 100 abitanti (spadroneggia Dolomiten) seguita da quella di Trieste con 16,0 copie ed Udine con 14,1. Anche in provincia di Trento la diffusione è buona con 12,6 copie.

Nel Veneto la miglior provincia è quella di Belluno con 11,8 copie ogni 100 abitanti seguita da quelle di Venezia con 10,5 copie mentre il fanalino di coda tocca a Rovigo con 6,4 copie. Anche a Treviso (7,8) preferiscono andare a radicio (e funghi) che leggere i quotidiani.

Devo dire che anche il sottoscritto non legge più quotidiani da almeno una decina d’anni (ma sono di più), così come non riesco – non ce la faccio proprio – a guardare l’informazione di TeleBelluno o Antenna 3 (come del resto quella di qualsiasi altro telegiornale anche in edizione naziunalpop). Qualche copia di giornale in effetti la recupero, ma li uso à nvidà fuou.

Come nota tecnica va detto che nei dati non compare il nome della testata Corriere delle Alpi ma è da ritenere, come ho fatto, che le copie attribuite all’ Alto-Adige/Trentino per la quota bellunese siano riferibili al Corriere delle Alpi. Inoltre, volendo fare la parte del diavoletto in relazione al lusinghiero numero di copie diffuse nel bellunese, bisognerebbe sapere quanto incidono sul totale le copie lette dai turisti quando si trovano su suolo dolomitico, tolte le quali resterebbe solo la vera e genuina voglia bellunese di dissetarsi alla fontana dell’informazione. E’ anche per questo che nel titolo non compaiono – come “primi” – i bellunesi, ma il contenitore provinciale, “la provincia”.

mappa della diffusione dei quotidiani per 100 abitanti su scala provinciale

2 commenti per provincia di Belluno, prima in Veneto nella diffusione dei quotidiani

  • zorzigi

    Sapere che in Trentino “Adige” e “Il Trentino” abbiano una notevole diffusione non è certo per me (e per altri spero) motivo di rallegrarsi. A parte il pensiero unico che li contraddistingue (centrosinistra di matrice Espresso/Repubblica) non sono di certo il quotidiano con articoli graffianti, indagini, inchieste che ci si aspetterebbe dalla stampa. Sono al contrario vere e piccole “izvestia”, prone al padrone, tra l’altro scritte malissimo e da amici degli amici degli amici: i soliti nomi che girano da decenni (non si possono fare perchè è pronta la querela). Da piangere.

  • @zorzigi,
    concordo pienamente con quanto da te affermato. L’appiattimento al politico di turno che questi “giornali” dimostrano ad una analisi che vada appena oltre lo sfoglio di routine è a dir poco stucchevole. Quando la cronaca sfiora poi i fatti dei piccoli comuni il servilismo di maniera, la compiacenza ostentata oltre il limite della decenza, fanno apparire questi fogli veri e propri “organi dei sindaci” o del padroncino di turno. Ho visto cose scritte di una tale indecenza che “voi umani neanche potete immaginare”.
    Va detto che, nei limiti consentiti dalle “policy” cui i direttori devono sottostare, vi è qualche bella penna che, ogni tanto, va di fioretto (insperabile la sciabola ed il macete, ma perlomeno …). Come ultima considerazione, avendo tu ricordato il gruppo dell’Ingegnere tessera n.1 del PD, aggiungo da parte mia che neanche alla scuderia di Caltagirone (Gazzettino) albergano grandi “cuor di leone” dediti a pungolare il “Re”.