Silvio 2 la vendetta

E voilà, Silvio è tornato tra noi (e vuole riformare la giustizia):

«Con quei sorrisi [qui, ndr] la Merkel e Sarkozy tentarono l’assassinio politico della mia credibilità internazionale. La Germania ha forzato il Consiglio dei capi di governo ad alcune decisioni che io non ho mai condiviso»

[…] Questo è uno dei punti del mio programma. Abrogazione dell’Imu e impegno a non mettere mai alcuna tassa sulla casa, che costituisce il pilastro sicuro per ogni famiglia»

Ma le primarie (e l’allargamento della banda) si faranno lo stesso. Durante la conferenza stampa mi è piaciuto soprattutto quando ha dato quelle quattro legnate a Monti. Peccato che finora il PDL abbia votato tutto tutto tutto (o quasi) quello che Monti e i restanti tecnocialtroni hanno escogitato. Deve essere … per amore dell’Italia.

Tra le perle che sono già apparse in rete: “Sono costretto a rimanere in campo“: strepitosa.

4 commenti per Silvio 2 la vendetta

  • cagliostro

    Che si stia verificando quello che il regista Nanni Moretti aveva preconizzato nel suo film? Da uno così ci si può veramente aspettare il “muoia Sansone con tutti i filistei”! Spero soltanto che alcuni dei suoi sodali incomincino a ragionare e, come qualcuno (pochi) ha già fatto, lo scarichino senza eccessivi rimpianti. Se c’è ancora qualche cosa da salvare in Italia, questo è il momento che questi signori battano un colpo…Avete notato il ceffo che mostrava nella sua conferenza stampa? Avete notato le tre ‘amazzoni’ presenti? Per questo omuncolo tutto è possibile, ogni giravolta è ammissibile anche nel giro di 48 ore. Tutto è funzionale alla propria salvezza ed a quella dei suoi interessi (sappiamo anche dall’ultima sentenza come questi ‘interessi’siano stati messi insieme). Temo che ne vedremo ancora delle belle da qui ad Aprile…Dopo Aprile però, il caimano potrà certamente nuocere molto meno…

  • pensionato

    incomincia a garantirsi l’immunità parlamentare per eventuali future condanne,lui sì che è un’attore nato!

  • Pagaapo

    E duto ‘n merdaio, quan che ‘l vede che la va mal al cambia version. Chel che e pèdo e che de duto ‘sto ladrocinio pagon sempre noi puarete.
    Iò bisogna che vade a laurà all’estero luore ròba cà ‘n Italia a la puora dènte.
    No sèi fin quan che la podarà dì avanti ‘n ‘sto modo.
    Prima o dopo calche dun farà algo par fermali.
    ‘N che modo no sèi ma algo i farà de seguro!
    Sane che èi da caminà.
    A la prosìma.

  • […] espresso sull’argomento. Poi Silvio, due giorni dopo aver fatto il fatidico passo indietro, c’ha ripensato. Che sfiga. Ma, se fare un passo indietro significava “voler bene all’Italia“, […]