13 Comments

  1. Tamarindo
    28 marzo 2013 @ 10:38

    @Cagliostro,
    bravo, ma troppo soft. La vera notizia è che Berlu ha rotto tutti i suoi freni inibitori. Ora vuole per sè o per Gianni Letta il Quirinale. Ecco il vero scopo della ridiscesa in campo: vuole il salvacondotto per le sue malefatte! Se ci va lui, bene; altrimenti ci va il suo deus-ex-machina, che poi lo farà senatore a vita e firmerà ogni legge porcata. Senatore a vita?? Con quali meriti il Caimano avrebbe “illustrato” l’Italia? Meriti “mafiosi”? meriti “lussuriosi”? Meriti “fiscali”?
    Il Cielo non voglia che il PD dimostri arrendevolezza e che, soprattutto, il Colle cali le brache!!! Al posto del Quirinale avremmo una Casa squillo frequentata da minorenni disposte a tutto!

  2. Puore noi
    28 marzo 2013 @ 10:59

    Berlusconi al Quirinale? Soluzione ottimale! Persona squisita, moderata, che ha sempre tenuto unito il Paese, mai una parola fuori luogo, sempre attento agli interessi generali trascurando i propri…

  3. Viva la Puglia
    28 marzo 2013 @ 11:11

    @Puore noi,
    se è sarcasmo, è di buon livello (spero proprio che tu abbia usato ironia e satira e che non creda veramente a quanto scrivi).
    La scelta dell’Unto del Signore per il Colle (o quella di un suo servo fedele) sarebbe il risultato vero dell’azione del Robespierre evocato da Cagliostro!!! Avete notato che “Grilletto”, di questi tempi, parla poco del Caimano?! Che gli stia offrendo una sponda (da clown numero due a clown numero uno!!!)??
    Io immagino già il governo delle nefandezze, ispirato dal Quirinale in quelle mani. Eccolo:
    Previti alla Giustizia, Cosentino agli interni, Dell’Utri alla Pubblica Amministrazione, De Gregorio agli Esteri, Romani o Brunetta all’Economia, Santa-de-ché alla Pubblica Istruzione ecc. ecc.
    Un vero governo di “Salute Pubblica”!

  4. frank
    28 marzo 2013 @ 15:29

    Di fatto è il risultato elettorale del 25 febbraio che rende ingovernabile l’Italia. Siamo nella condizione peggiore: quella di stallo. Meglio riaffidarsi subito ad un nuovo voto.

  5. Viva la Puglia
    28 marzo 2013 @ 17:39

    @frank,
    ma con quale legge, con il Porcellum? E se poi le cose rimanessero così? O,peggio, dovessero prevalere, seppur di poco, i due clown od anche uno solo di essi? Troppi elettori hanno votato (e voterebbero)senza mettere in moto la materia grigia, ma dando ascolto alle Sirene (in buona parte già sperimentate…). Forse siamo alla ‘redde-rationem’
    e la speculazione, purtroppo, è dietro la porta.

  6. frank
    28 marzo 2013 @ 19:13

    @Viva la Puglia
    Se A non vuole B
    B non vuole C
    C non vuole A
    D che conta poco non vuole nè A nè B nè C
    Nessuno non vuole nessuno, ti sembra che mettono in moto la materia grigia o che abbiano a cuore il senso di responsabilità?
    In queste condizioni l’unica risorsa è il popolo sovrano che dovrebbe avvertire, se non altro, il “respiro” della speculazione finanziaria pronta a rimettersi in moto e a renderci ancor più in braghe di tela.

  7. Viva la Puglia
    28 marzo 2013 @ 21:23

    @frank,
    il guaio è che le modalità di formazione del consenso dipendono da elementi inquinanti di non poco conto. Pensa soltanto alla propaganda ed ai mezzi spropositati di comunicazione di massa in mano a determinati protagonisti, allo stravolgimento della realtà dei fatti, alla mancanza di cultura politica e non solo. Non per niente ‘Bruscoloni’ ha sempre affermato che la maggior parte degli elettori italiani ha una cultura pari a quella degli alunni di 2a media (ed anche di non rimarchevole qualità). Se poi si va a votare con la stessa deprecabile legge definita Porcellum, ci ritroveremo con gli stessi problemi, magari peggiorati. E ti pare che molti votanti pensino ai disastri finanziari che potrebbero nuovamente capitarci da un momento all’altro?
    Se, malauguratamente, diventeremo come la Grecia, allora le colpe saranno attribuite alla solita ‘sinistra’ ed ai soliti ‘comunisti’, giammai alla accozzaglia di una destra indegna di tale definizione…

  8. frank
    29 marzo 2013 @ 10:08

    @Viva la Puglia
    Intanto presumo che il Pd si presenterà con nuove primarie le quali, con ogni probabilità, indicheranno Renzi. Questo fatto provocherà un rimescolamento non indifferente tra l’elettorato moderato

  9. Viva la Puglia
    29 marzo 2013 @ 13:38

    @frank,
    è probabile, ma il ‘rimescolamento’ potrebbe preludere anche ad una spaccatura del PD e quindi saremmo “da capo a dodici”.

  10. frank
    29 marzo 2013 @ 15:51

    @Viva la Puglia
    Penso che con Renzi possa prendere avvio una forma partito “meno di sx storica” e possa venir meno l’alleanza con il Sel di Vendola

  11. Analisi
    29 marzo 2013 @ 16:32

    @Cagliostro: Non credo che Grillo faccia la sponda a nessuno, credo che del PD parli male a ragion veduta, perlomeno dei Bersani dei D’ Alema delle Bindi e via dicendo. L’ ultimo ventennio è stato un altalena governativa del Pd meno elle e pdl, non hanno mai risolto il nodo del conflitto d’ interessi per poi passare a Fassino ” anche noi abbiamo una banca”, anzi due banche con MPS. Per il PDL non vale nemmeno la pena sprecare parole. Se poi consideriamo la fine che fece Bertinotti quando fece cadere il governo Prodi, che per avere la fiducia promise di approvare le 35 ore, capisco il perché Grillo non vuole dare la fiducia a Bersani. Se dai la fiducia e poi la togli sei elettoralmente fregato. Qua c’ è da capire se il PD sarebbe disposto a votare un governo 5 stelle in un ottica di responsabilità di governo e di vero cambiamento…… SICILIA DOCET.

  12. Viva la Puglia
    30 marzo 2013 @ 08:34

    @frank,
    Renzi, ideologicamente e socialmente parlando, è da tutti considerato un ‘democristiano’ di destra, uno, per dire, più vicino alle politiche dei vari Lupi e Formigoni piuttosto che a quelle che tendono a sostenere e promuovere le classi sociali più deboli. Sono convinto che Renzi potrebbe godere dell’appoggio dei così detti ‘moderati’ (cioè di parte di coloro che militano attualmete nelle file Montiane, Montezemoliane, berlusconiane), ma che cosa avverrebbe sul fianco sinistro del PD? Basterebbe Renzi per formare una maggioranza coesa o non dovrebbe egli ricorrere agli ‘impresentabili’?! Questo è il vero rebus!!! In quanto a Vendola, io non sono certo un suo estimatore ma osservo che egli è un pragmatico, uno che sta ammnistrando la Puglia con un certo positivo risultato e che non ha disdegnato di allearsi perfino con Casini. Questo per dire che egli non mi pare fossilizzato ideologicamente, tanto per intenderci, alla Bertinotti (infatti quest’ultimo ha appoggiato le liste di Ingroia).
    Come vedi, è molto difficile districarsi nella politica attuale… Io la guardo con molto disincanto e con una certa malcelata diffidenza, pur avendo le mie precise idee.

  13. Cagliostro
    30 marzo 2013 @ 09:20

    @Analisi,
    non sono d’accordo con te sulla figura del clown genovese. Tu dici che egli non fa “da sponda a nessuno”. Nei fatti, egli sta facendo un errore madornale e, magari senza nemanco accorgersi, sta favorendo la resurrezione del Caimano. Era, la sua, una occasione storica per dare una vera sterzata alla politica italiana. L’ha buttata alle ortiche e, credo, ne pagherà presto le conseguenze; il guaio è che le conseguenze le sta facendo pagare a tutti noi e saranno danni incalcolabili, epocali.
    Del resto, a me non piace proprio la concezione che egli ha della democrazia e dei sistemi con cui gestisce il suo partito-movimento. Posso anche riconoscere il merito di aver modificato il modo di intendere la gestione della Cosa Pubblica, la necessità di pulizia, la sottolineatura dei danni della casta ecc. ecc., ma penso che gli si sia già dimostrato impari al compito politco e che le sue aspettative siano di gran lunga andate oltre i suoi stessi desideri e le sue stesse capacità e possibilità. In quanto poi a COERENZA, egli difetta parecchio.
    E te lo dimostro con quanto scrive il blogger Riccardo Cusin, appena ieri.
    1988-Subisce condanna dalla suprema Corte per omicidio colposo plurimo (due adulti ed un bambino di otto anni);
    2003-Si avvale del tanto vituperato condono berlusconiano;
    patteggia una pena e paga una multa di 4000 Euro per diffamazione aggravata nei confronti del premio Nobel Rita Levi Montalcini, da lui definita: “una vecchia puttana”;
    2005-Accertamento GF: dich. redditi Euro 4.272.591,oo + ferrari, barca a motore, casa in Svizzera, dove accende un c/c. Alla faccia della lotta alla evasione ed alla morigeratezza (lui che è fautore della “decrescita felice”);
    2006-Afferma che non sarebbe entrato in politica, poi fonda il noto movimento 5S e brevetta il logo insieme ad un nipote;
    2009-Dice di essere legato a Rifondazione, poi la GF scopre molte ricchezze non note al Fisco (vedi sopra);
    Utilizza condono edilizio per una terrazza abusiva di mq 100, costruita sulla sua villa di S. Ilario (questo dopo essersi scagliato contro la ‘cementificazione’);
    Ha già definito due condoni tombali;
    Nel 2012 subisce una condanna per evasione dell’Irap sulle sue aziende.

    Caro/a Analisi, sarebbe questo il moralizzatore dei costumi, il novello Savonarola che predica il dimezzamento di stipendi e salari (la citata, nota ‘decrescita felice’)?. A me sembra che il capo della socialdemocrazia tedesca abbia visto giusto, anche se le sue dichiarazioni possono suonare come interferenza negli affari interni di un altro stato: In Italia la Cosa Pubblica è in mano “a due clown”.
    E quando ci si riduce così, vuol dire che al peggio non c’è, purtroppo, limite e rimedio…
    Buona Pasqua!!