29 Comments

  1. Dartagnan
    26 Maggio 2014 @ 14:16

    +18 PD e -18 LEGA

  2. Danilo De Martin
    26 Maggio 2014 @ 15:19

    @Dartagnan,
    in molti comuni vale quanto da te segnalato (passando con il mouse sopra i singoli confini comunali appaion i dati). Quello che si vede è che spesso il +TOT conseguito dal PD corrisponde al -TOT della Lega (della Lega e dell’ex PDL, ma la quota maggiore è a carico della Lega). Non è detto naturalmente che il travaso di voti a favore del PD sia tutto a carico della Lega (che in media raccoglieva in questi paesi medie tra il 20% ed il 30-35%), ma la paura che Renzi sia l’ultima spiaggia e le malefatte leghiste trascorse hanno forzato la mano anche ai leghisti; lì dove il calo della Lega è più forte dell’avanzata del PD la differenza va spesso alla SVP.

  3. talaren
    26 Maggio 2014 @ 15:24

    Ragazzi, ormai è ufficiale, mi vergogno fin nell’anima di essere italiano, e a quanto sembra dai provvisori comunali (81 Manfreda – 18 Zanella) mi vergogno anche di Lozzo.
    Mamma mia che schifo, ho capito a cosa si riferisce la fuga di cervelli…

  4. prou
    26 Maggio 2014 @ 22:56

    Ho avuto la conferma che con la democrazia si perde sempre.

  5. Anonimo
    27 Maggio 2014 @ 00:12

    Hai ragione @talaren anche io mi vergogno

  6. Balsamo
    27 Maggio 2014 @ 00:13

    Hai ragione @talaren anche a me sorprende quel 18

  7. Auf Widersehen
    27 Maggio 2014 @ 08:21

    Concordo tutto quello che ha scritto Talaren.
    Rimaniamo in attesa dei dati P.I.L

  8. Attilio Bianchi
    27 Maggio 2014 @ 14:21

    Non è 18 ma 23, poco cambia, 77.07% resta comunque una percentuale bulgara. D’ altronde quando si mette in moto il call-center elettorale, telefonando addirittura a casa delle persone per assicurarsi che votino ” adeguatamente “, si capisce che si è di fronte a professionisti del voto door to door e phone to phone, venditori ambulanti del ” vuoto comune “. Negli ultimi 10 anni si è visto come questa capacità di produrre voti possa essere equiparata ” a la vacia che fa 30 litre de late ma che co ‘na scarpada a la fin la rebalta la segia”. Che nuova lozzo non avrebbe vinto lo si era capito subito ma il voto è l’ inizio di una storia non la fine. La capacità di fare un’ opposizione martellante e soprattutto mediaticamente forte, oltre che propositiva, potrebbe ingenerare dei piccoli cambiamenti, ma è tutto da vedersi. La sorpresa più gradita, per me,oltre all’ ingresso in consiglio di Mattia Bortot e Giuseppe De Meio per l’ opposizione, è il fatto che Federico Bastianon detto “Ceppo” si sia posizionato al terzo posto e quindi di diritto assessore di giunta. Anche in questo contesto aspettare l’ evolversi della dinamica amministrativa è d’ uopo per il bene comune.
    NEL FRATTEMPO A DUE GIORNI DALLA SCADENZA 29/05 NON RIESCO A LEGGERE LA DETERMINA 216/2014 INERENTE IL CONTRATTO DI PROROGA DEL CONTRATTO A TAFERNER MA TROVO SEMPRE …. LA DITTA DEL FAVERO RENZINA ETC… CHE SIA VOLUTA QUESTA MANCANZA O SOLO FRUTTO DI DISATTENZIONE?

  9. talaren
    27 Maggio 2014 @ 14:55

    81-18 era il parziale con 1 sezione su 2. Nulla cambia ovviamente.
    Non credo che l’opposizione possa molto, la precedente si è sfasciata non penso per incapacità, ma più per il fatto di non aver nessun potere. Temo il copione sarà lo stesso, nessun potere mediatico, nessun potere decisionale, i loro consigli non verranno ascoltati per principio, fino al giorno in cui (giustamente) scazzati lasceranno perdere.
    Altri 5 anni così mi buttano a terra.
    Sarò felice il giorno in cui per poter votare dovrai prima sottoporti ad un test, giusto per capire se ci sei… e comunque un limite massimo di età. Non possiamo essere continuamente sottoposti alle decisioni del voto di chi non capisce o chi non gliene frega nulla.

  10. Sloz
    27 Maggio 2014 @ 18:38

    Oramai ci siamo abituati ai programmi elettorali fotocopia di Lozzo viva o è per il bene del comune,programmi che non sono stati neanche minimamente rispettati, turismo ai minimi storici, Industria e artigianato sono diventate ormai attività del passato mentre l’agricoltura e l’allevamento, forme di sostentamneto storiche della nostra terra, sono relegate dentro il moderno museo della latteria.
    Quale prospettiva rimane al povero Lozzese se non prendere la strada antica per le germanie o per l’oltreoceano?
    Una classe dirigente coerente, dopo avere governato per 10 anni, avrebbe dovuto costatare il fallimento dei propri programmi e quindi lasciare ad altri cittadini la possibilità di trovare delle soluzioni ai problemi della collettività.
    Errare è umano, perseverare è diabolico!

  11. X
    27 Maggio 2014 @ 18:42

    PER ME E’ VOLUTA, PROPRIO PERCHE’ NON SI POSSA LEGGERE, ALTRIMENTI L’AVREBBERO GIA’ SISTEMATA.
    A PENSARE MALE A VOLTE SI AZZECCA.

  12. X
    27 Maggio 2014 @ 20:55

    @Sloz, l’essersi ricandidato per il terzo mandato è stato soltanto, e vedrete che non sbaglio, l’anello di congiunzione e di traino per il ruolo nel bim e per il prossimo trampolino di lancio in altro loco meglio retribuito.
    Queste cose il cittadino ingenuo e credulone non le capisce e non le conosce, ma l’interessato sa fare i suoi conti, conosce ormai tutte le malizie per arrivare al SUO obiettivo, altro che per il pene comune.
    Sterco ancora per un lustro, salvo imprevisti.

  13. agreste
    27 Maggio 2014 @ 20:59

    Attilio ti vedo molto interessato alla casera, hai fatto domanda per gestire la malga con relative mucche??
    Ti vedrei bene in quel ruolo, e guarda che non scherzo.

  14. Sloz
    27 Maggio 2014 @ 22:00

    @X
    É una considezione che anche io condivido, spero solo che i giovani che sono entrati in consiglio abbiano la capacità di ragionare con la propria testa.
    Purtroppo conosco la capacità di convincimento dei due colonnelli e anche questi giovani saranno costretti ad alzare la mano a comando. Puore noi!

  15. Attilio Bianchi
    28 Maggio 2014 @ 00:12

    @talaren: ” LA MINORANZA TIRA LE ORECCHIE AL sINDACO ” è stato l’ unico articolo della minoranza sulla stampa locale in merito alle continue infrazioni del sindaco ai 30 giorni che la legge imporrebbe ( condizionale d’ obbligo )per la risposta alle interrogazioni della medesima. Pare confermato che in quell’ occasione il lord perse le staffe balzellando per la stanza con il fumo che usciva da ogni dove tipo cartone animato. Poi più nulla, compreso il bonus offerto sempre dalla minoranza per la questione discarica alle astre. Proporre e pubblicizzare sui quotidiani locali può essere equiparato alla tensione necessaria che usa il pescatore nell’ orto per far venir fuori dalla terra i vermi che sotto vi si muovono. Ecco la via maestra da seguire. Il Bloz è di nicchia, il gazzettino ed il corriere lo leggono tutti. In questo senso mi è stato confermato che ci si muoverà in questa direzione…… tempo al tempo caro Talaren. Al signor se no paga al vendre paga ‘l sabo.

    @X : domani andrò a leggermela sull’ albo pretorio cartaceo e ne darò conto. Sugli obbiettivi del borgomastro-disastro non ci sono dubbi.

    @sloz : hai dimenticato la Svizzera, Auronzo, Domegge e la lista è lunghissima ma cosa ci vuoi fare a loro non interessa nulla perché il 27 del mese crisi o non crisi sono sempre retribuiti. Per prima cosa ” noi rua ” per seconda ” no i vo rogne “. L’ importante è non prendersi alcuna responsabilità ed è questo che insegneranno ai neofiti.
    Bim…. nessuna responsabilità e le conseguenze a carico dei cittadini.
    Taluni sindaci al terzo mandato hanno fatto di tutto per essere rieletti anche in merito al fatto che come tali toccherà pagargli anche gli avvocati in caso di una citazione a giudizio sul caso buco Bim.

  16. Attilio Bianchi
    28 Maggio 2014 @ 00:53

    @agreste: LA COMPAGNIA DELLE MUCCHE E’ DI GRAN LUNGA MIGLIORE DI CERTI PERSONAGGI CHE POPOLANO IL BOTANICO PALAZZO. SICCOME LA LEGGE IMPONE L’ OBBLIGO DELL’ ALBO PRETORIO ON LINE VORREI INFORMARMI SULLA PROROGA DEL CONTRATTO A TAFERNER ED ANAL-IZZARE SE QUESTA PROROGA SECONDO LE ATTUALI DISPOSIZIONI DI LEGGE E’ LEGITTIMA. PURTROPPO LA DETERMINA INSERITA NEL FILE NON RIGUARDA TALE PROROGA CONTRATTUALE MA ALTRO A CUI NON SONO PER NULLA INTERESSATO DOMANI VARCHERO’ DOPO ANNI IL PORTONE DI PALAZZO VENZO E MI LEGGERO’ LA DETERMINA CARTACEA OLTRE CHE SEGNALARE L’ ” ERRORE ” IN MODO TALE DA SCARICARMI IL FILE E LEGGERLO CON COMODO A CASA PRIMA CHE SCADA IL TERMINE DI AFFISSIONE IL 29 MAGGIO. LO SO CHE VI DA NOIA CHE CI SIA QUALCUNO CHE SI INFORMA E CHE NON SI BEVE LE UOVA DI DUGGO DA VOI PROPINATE. TI DIRO’ POI CHE IO POSSO STARE BENE OVUNQUE E PARLARE CON CHIUNQUE CARO AGRESTE…… IL FATTO CHE PERDA DEL TEMPO A PARLARE CON TE NE E’ LA RIPROVA…. E NON SCHERZO QUANDO AFFERMO CIO’.

  17. Balsamo
    28 Maggio 2014 @ 08:34

    Eco brao, parla manco e informete de pi

  18. talaren
    28 Maggio 2014 @ 10:30

    @Attilio,
    non mi ricordavo più di quell’articolo, e se non me ne ricordo io che seguo continuamente il Bloz e queste vicende figurati la gente comune…
    Probabilmente, nel periodo prima del voto, contano solo i vari bolcom che la gente ha messo da parte e il promessino elettorale. E ne ho avuto prova recentemente da un conoscente.
    Per quanto riguarda i quotidiani, pubblicano solo quello che vogliono loro (esperienza recente col caso “Plebiscito.eu”), e data la posizione di rilievo del (vostro? meglio loro) sindaco stanno bene attenti sul dargli contro. Questa la mia opinione, anche se, nel darti ragione, probabilmente Alessio avrà qualche potere comunicativo in più rispetto la scorsa minoranza… Speron…

  19. Attilio Bianchi
    28 Maggio 2014 @ 21:32

    @balsamo: ma parchè no ve fare ‘n blog vostro? Adè che e inte dute sti dovin e parché no proe a tegnilo ‘n pè tanto quanto ve comoda a voi par contave chè che vole voi senza zerca de stropà la bocia a chi autre? Se te a acaro sienti solo sviolinade te consilio ‘ n bel articolo de Vitore e dopo te se pronto pai sogni d’ oro….. e no sta ave pensier parché penso che no se finise mai de ‘nformase…. a parte chi che sa da duto …….
    a buon intenditor poche parole. “la pèdo roba e ‘l lupo viestiu da feda……….. con dute le fede che i va davoi”.

  20. agreste
    28 Maggio 2014 @ 22:05

    Non so che dirti, peccato, pensavo che anche tu eri interessato ad un lavoro eco-agricolo, non posso che invidiarti per tutto quel tempo che hai a disposizione per il tuo hobby.

  21. Attilio Bianchi
    29 Maggio 2014 @ 00:02

    @agreste: O soave agreste, il verbo pensare regge il congiuntivo. Pensavo, che è imperfetto, regge il congiuntivo imperfetto che tu fossi. Il verbo dire, per esempio, regge l’ indicativo, dicevo a tutti che tu eri manfrediano ma nessuno sembrava crederci. Invece di pensare al mio hobby o al mio tempo libero organizzati meglio il tuo di tempo libero che ne hai bisogno. Nel merito del lavoro ” ECO-AGRICOLO “, come lo chiami tu, penso che la lavorazione dell’ orto davanti casa mia e di quello affianco sia sufficientemente impegnativa, commisurata alle mie capacità ovviamente. Ed ora compitino per casa.
    Ti faccio una semplice domandina che si è generata dalla lettura della delibera 36, pubblicazione 236/2014. Come può essere che il contratto che scadeva i primi d’ aprile del 2013 è stato prorogato il 14-05-2014
    per le stagioni 2014-2015, quando per stagione si intende da giugno a settembre ? Io personalmente ne deduco che nella stagione 2013 la casera era affittata in nero. Illuminami o soave agreste.

  22. Bepi
    29 Maggio 2014 @ 06:45

    Spek e butiro po anche onde duto.
    No puza ntin l fato che pustertal sea ca da quasi vinti ane?
    Erelo autre concorenti ntaresade?
    Pustertal alo vinto l’apalto parchè l’a oferto de pi de chi autre?

  23. bitter fruit
    29 Maggio 2014 @ 19:04

    @Bepi. Mi permetto solo di dire, l’ho letto sulla stampa locale, che il Signore della Pusteria, la cui sede legale della ditta individuale e’ a Cortina d’Ampezzo, si e’ aggiudicato anche l’utilizzo della Casera di Vedorcia. A Pieve, mi sembra di capire, c’erano altri “pretendenti” che probabilmente hanno offerto di meno, ripeto MI SEMBRA, non ricordo bene l’articolo apparso su Il Gazzettino qualche settimana fa. A Lozzo, non lo so come siano andate le cose.
    p.s. colgo l’occasione, MA SENZA ALCUNA IRONIA, di ringraziare per le risposte ironiche date a sua difesa Attilio Bianchi,(uno dei pochi che ha il coraggio di “firmarsi”),che mi hanno strappato una qualche sana risata, (ne ho bisogno, tutti forse ne abbiamo). Cosi come, altre volte, anche il direttore. Ripeto, oltre a conoscere un po’ meglio la realta’ che mi circonda e non, una qualche sana risata aiuta a vivere meglio. Quindi, ancora grazie!

  24. agreste
    29 Maggio 2014 @ 22:35

    L’errore grammaticale è gravissimo e mi scuso, per il resto io faccio domande a chi sembra informatissimo. Mi rispondi così stizzito perchè mi ritieni manfrediano? da cosa lo arguisci? il 40% non è andato a votare, a livello locale dove li collochiamo. Come vedi ho solo domande perchè sono nel buio, sei tu, che illumini.
    Per il tuo lavoro agricolo, non ero a conoscenza, ora che lo so ti faccio un’ultima domanda, non ti sembra di esagerare?

  25. Attilio Bianchi
    29 Maggio 2014 @ 23:56

    @bitter fruit: Prego. Non è coraggio, è che attualmente sono una specie di freelance. Coopero con il Bloz puro spirito che fluttua etereo dove il cielo è sempre più blu. Non ho l’ ardire di pubblicare, al pari del direttore e del carissimo Giuseppe Zanella, ma mi accontento dei commenti.
    A lozzo si mettono le mani avanti su di una proposta, che già era nel programma della lista Nuova Lozzo. L’ anno scorso il sig. Taferner okkupava la casera de le armente senza contratto perché scadeva i primi giorni di aprile 2013 e non è stato rinnovato dalla giunta NEL 2013 (fonte PER LA GENTE DI LOZZO delibere di giunta). Non so, forse era il caso di indire un bando per vedere se c’ erano persone interessate oltre che il sig. Taferner, anche se Lui ha proposto un miglioramento delle condizioni. Essendo un bene pubblico, cioè della comunità,scaduto il contratto, era d’ uopo, secondo me, come si fa ovunque,indire un nuovo bando. PIGRIZIA? INTERESSI DI CACCIA? ( tu afere paura di scampiare mucca per mula? ) AMICIZIA? ….mah!

  26. Attilio Bianchi
    30 Maggio 2014 @ 14:35

    @agreste: Scusami se non riesco a decifrare il tuo sarcasmo borderline, può benissimo essere un limite mio. Sono interessato a tutte le cose che sono PUBBLICHE ( cioè di tutti, quindi anche mie ). Se ti vuoi informare basta che digiti sul motore di ricerca google “Comune di Lozzo di Cadore”, poi digiti il primo collegamento che appare ” Lozzo di Cadore: my portal homepage “. Cosi facendo ti apparirà sullo schermo la pagina iniziale del sito del Nostro comune, a sinistra, tra le varie voci troverai ” Albo Pretorio on-line “, clicchi e si aprirà la pagina contenente delibere, determine e pubblicazioni varie ( Per legge devono rimanere on line 15 gg ). Se cerchi qualche delibera più datata ti consiglio il sito ” per la gente di lozzo “. La procedura è la medesima solo che non troverai l’ albo pretorio ma semplicemente delibere di giunta o di consiglio. Se ti sfugge qualcosa siamo sempre qui che facciamo quello che umanamente ci riesce. Esagerare? Spiegati meglio.

  27. talaren
    30 Maggio 2014 @ 15:24

    …il pulsante col vichingo del Bloz e fai prima…

  28. Lozzese curioso 2
    31 Maggio 2014 @ 08:38

    Tilio e ruòu g’ante de ki autre:la gestione delle malghe è un “piccolo” busines per le nostre vallate e la maggioranza di noi montanari non l’ha ancora capito.I contributi a fondo perduto vengono elargiti in base al numero di ettari che tu dimostri di poter pascolare e non sicuramente dalle “4 mura” della casera stessa,…denominati UBA…..se non erro circa 1.000 euro a ettaro.Guarda caso le malghe del cadore sono gestite tutte da aziende extra provincia.
    chissà perchè?

  29. Moretti in campagna: a Lozzo bisognerà approntare la mangiatoia, la stalla c’è già (smorettimento n. 9) » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    16 Gennaio 2015 @ 09:40

    […] 579 comuni in 100 giorni: passerà di qua come i giapponesi quando vanno a vedere le Tre Cime di Lavaredo. Non ce ne lamentiamo, ché di belati ne sentiamo tutti i giorni dai sindakos. Immaginiamo che oltre a belare si produrrà in simpatici equilibrismi. Qui al paesello bisognerà approntare la mangiatoia, ma la stalla c’è già. […]