Letta tra rigidismo e flessibilità

Prima te lo mettono nel c., ben rigido naturalmente, come si conviene. Mi sto riferendo alla tecnocratica marmaglia capeggiata da monti con lo stuolo di scimmie votanti del PD e PDL. Poi una di loro, una scimmia votante, Letta, sale su un sasso apparendo più in alto degli altri. Tanto basta per essere “illuminata” e rendersi conto che la situazione, per gli italiani, è troppo rigida. Ma non pensano di sfilartelo, no, pensano solo di fartelo diventare meno rigido. Così la costipazione resta quella di prima, ma se ti devi piegare a 90 gradi sei un po’ più agevolato. Ah, la marmaglia che lo vorrebbe ora rendere meno rigido è la stessa – ma proprio la stessa, a parte la scimmia alfa – che ce l’ha spinto dentro con rara maestria. Com’era quella del gattopardo?

 

1 commento per Letta tra rigidismo e flessibilità