11 Comments

  1. cagliostro
    5 Maggio 2010 @ 10:23

    Hanno chiuso la stalla quando i buoi erano già scappati. Fuor di metafora, il ritardo nella introduzione della differenziata ci è costato il pregresso pagamento del massimo tariffario (altro che “non ho aumentato il tributo dal 2004”, questo è un discorso, al solito, “virtuale”, per accontentare il popolino che non conosce la verità vera). Anche dagli eventi negativi a lui imputabili, il sindaco sa trarre vantaggio politico, girando opportunamente le frittate. Poi magari si giustifica dicendo: “bisognava studiare a fondo il problema per analizzare e quantificare i costi”. In più, ora che gli eventi (vedi innovazione degli altri comuni) hanno costretto la Giunta a prendere posizione, l’ipotetico beneficio derivante dalla probabile dismissione della maglia nera non inciderà minimamente sulle tasche dei cittadini con qualche vantaggio ma, forse, il tutto sarà “appesantito” dai maggiori oneri di trasporto alla nuova discarica di S. Giustina. Bisogna proprio pensare che la tempestività (si fa per dire) del nostro sindaco ci ha reso davvero un buon servizio. E’ il caso di commentare: “passata la festa, gabbato lu santu”, oppure: “chi ha dato ha dato, chi ha avuto ha avuto…, oppure ancora: “ogni lasciata è persa”…

  2. marnifo
    5 Maggio 2010 @ 18:34

    nessun merito al nostro sindaco.
    il merito va dato al Maserot che tassativo vuole separato l’umido dal resto.
    …dietro c’è sempre un parkè…

  3. zorro
    11 Maggio 2010 @ 08:55

    Oggi ho ricevuto la nuova cartella per il pagamento della “ecotassa” (raccolta rifiuti)relativa al 2009.
    Novità: le rate anziché quattro come per l’anno scorso, sono due: la prima con scadenza il 31/05/2010 e la seconda con scadenza il 30/9/2010; il bel risultato di questa “trovata” è questo: il 31 di questo mese dovrò pagare l’ultima rata del 2008 e la prima del 2009. Mi paiono proprio dei “gabellieri”, ma poi si giustificheranno dicendo che è tutta colpa dell’esattore Equitalia. Vedo proprio molta sensibilità nell’opprimere il propri concittadini senza dar loro lo spazio per respirare. Vessati nell’assillo ed anche nel “quantum”. Esigenze prosaiche di cassa??? Ecco come si può intelligentemente ovviare ai mancati trasferimenti del Mago del Cridola!!!

  4. D. A.
    11 Maggio 2010 @ 22:00

    Diciamoci la verità, se Lozzo è la maglia nera per la raccolta differenziata, da anni ci sono bidoni ovunque per poterla effettuare in modo corretto e questo non avviene, a chi vogliamo dare la colpa? Manca la raccolta dell’umido, ma questa raccolta differenziata non è ancora praticata in nessuno dei comuni del centro Cadore, salvo a Domegge iniziata circa un mese fa e nel comune di Lozzo iniziata da poco. Speriamo che questa volta venga utilizzato il bidone giusto.
    saluti

  5. Danilo De Martin
    12 Maggio 2010 @ 07:50

    @ D.A., la tua è una visione troppo semplicistica della vicenda. Se io devo dimagrire, per qualsiasi ragione debba farlo, stabilisco una strategia e con una bilancia misuro, giorno per giorno, la riuscita del mio intento. Se, invece, è tutta la popolazione a dover dimagrire (differenziare i rifiuti), allora è assolutamente indispensabile che vi sia un sistema di controllo e garanzia che indichi, a tutta la popolazione (insieme indifferenziato), se e quanto, nella sua globalità, il dimagrimento funziona. Perché c’è sempre chi è più solerte nell’affrontare un problema. Dobbiamo chiamare Stefano Rodotà a farci da “garante”? Non ti sembra che basti il ruolo di sindaco? Ecco, il sindaco si è sempre nascosto dietro ad una affermazione che, a chi è attento al portafoglio, suona offensiva: “non ho aumentato le tasse per la raccolta dei rifiuti” (non ancora). Io però ho chiesto quanto ci sia venuta a costare la storiella della sovratassa o ecotassa che dir si voglia. Scommettiamo che il sindaco non ha una risposta? Garantito.

  6. Lozzo di Cadore con la spianata di Loreto, un nuovo modo di concepire il verde urbano: il parco solare » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    29 Giugno 2010 @ 12:17

    […] Recentemente abbiamo primeggiato nella gestione della raccolta differenziata (le cronache testimoniano la maglia nera da noi raggiunta con insuperato orgoglio), ma questa volta saliamo agli onori delle […]

  7. Houston avete un problema: la centrale operativa di Palazzo Venzo ha perso il casermino nella Rete » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    2 Luglio 2010 @ 07:48

    […] apparso dopo sei anni di amministrazione Manfreda in una occasione singolare, molto singolare (vedi maglia nera nella raccolta differenziata), è prodotto dalle menti della Nomenklatura al potere […]

  8. Fino a quando non tornerà la voglia. Se tornerà. » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    10 Settembre 2010 @ 12:23

    […] il nostro sindaco, con ben due maglie nere sul groppone, tanto da farci diventare cittadini di Zozzo di Cadore, che non può godere, ovviamente, del medesimo […]

  9. Lozzo di Cadore: che parta o non parta il porta a porta? » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    9 Gennaio 2011 @ 10:16

    […] che è stata la minoranza a mettere in luce la vergognosa verità della maglia nera attribuita dalla Regione Veneto al nostro comune, verità che ha poi travolto il sindaco che altro non ha potuto fare che chiamare a sé le […]

  10. Lozzo di Cadore: anche sul fronte della raccolta differenziata qualcosa si muove … » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    17 Febbraio 2011 @ 09:12

    […] se vi prendete il tempo di leggere l’articolo “Raccolta differenziata: the winner is Zozzo di Cadore (Certificato dalla Regione Veneto)“, pubblicato il 5 maggio 2010, e visualizzate la delibera della Regione Veneto lincata, vi […]

  11. Lozzo di Cadore e raccolta differenziata: il ruggito del coniglio » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    12 Marzo 2011 @ 14:31

    […] caro sindaco, non ci hai informati con la stessa foga anche per il 2008 quando la raccolta è stata tale da farci guadagnare la seconda maglia nera in Veneto consecutiva […]