referendum bellunesi: escludendo i residenti all'estero (AIRE) 5 su 7 avrebbero superato il quorum

Tutto gira attorno all’AIRE, l’anagrafe degli italiani residenti all’estero (vedi qui e quo). Per legge i residenti all’estero iscritti all’AIRE sono votanti ma, nel caso dei referendum – diversamente dalle politiche -, l’elettore deve rimpatriare per poter esprimere il voto e – in ogni caso – contribuisce alla determinazione del valore soglia del quorum. Per esempio, Arsié ha quasi la metà (45,2%) degli aventi diritto al voto che sono iscritti all’AIRE.

Difficile pensare che un iscritto all’AIRE che vive in Brasile (come la maggior parte di quelli di Cesiomaggiore) rimpatri in questo paese di marmellata per votare questo referendum. Che ne dite 🙂 ? Fosse maggio, fosse giugno, fosse estate, magari … (sorte analoga tocca agli studenti dell’Erasmus alle prossime politiche).

Concludendo: se non si prendono in considerazione gli iscritti all’AIRE (quindi residenti all’estero), il 50% di votanti sarebbe stato superato in 5 dei sette comuni: Arsié (61,7%), Canale d’Agordo (53,8%), Falcade 56,3%), Gosaldo (70%) e Rocca Pietore (58,2), a Cesiomaggiore ci si arriverebbe vicinissimi (48,7%) mentre a Feltre si sarebbe raggiunto un ottimo 37,5%. Se non è un BOOM, poco ci manca!

risultati referendum bellunesi del 10-11 febbraio per il passaggio alla Regione Autonoma Trentino Alto-Adige

1 commento per referendum bellunesi: escludendo i residenti all’estero (AIRE) 5 su 7 avrebbero superato il quorum