due bellunesi al comizio...

Dicevamo dei bi-comizi di Padrin. Ecco una probabile sintesi della vicenda. Quello di destra potrebbe essere un sindaco cooptato per fargli da spalla, quello di sinistra invece è sicuramente il bellunese medio.

Morning people vs you pic.twitter.com/luYlL1d8qc

— Life on Earth (@planetepics) October 17, 2017

 

due scaccolamenti al giorno...

Potevano esse due seghe (ovviamente di carattere politico) oppure due bidè. Prendiamo atto della volontà del… longaronese volante e comiziante. Tuttavia, se al comizio si ritrova lui – caro il nostro Super-Padrin – e il suo microfono (con il rischio che anche il microfono cerchi di dileguarsi), di comizi ne può fare anche dieci al giorno.

Pensateci bene: quanti potrebbero essere i bellunesi, dotati di una minima quantità di buon senso, disposti a sentire un qualunque sindaco che parla di autonomia (qualunque cosa voglia dire), dopo tutti [leggi tutto …]

il senso dei sindakos per l'Autonomia

O dell’insostenibile pesantezza dell’essere sindakos…

Corgi trying to get over a little fence. pic.twitter.com/tma9EdJxdi

— Life on Earth (@planetepics) October 16, 2017

 

famola attiva (Sinistra italiana chi?)

Mi, ti e Toni, dà la precisa idea delle forze in gioco quando si parla di Sinistra Italiana di Belluno. Il bimbominkione avrebbe detto: Sinistra Italiana chi? Riunire l’assemblea provinciale, quindi, non dev’essere stato un grande problema. Ebbene, mi-ti-e-toni hanno deciso di praticare, per quanto riguarda il referendum del Veneto, «un’astensione attiva».

Famola attiva; anzi, più che attiva… radioattiva. Insomma, l’astensione “attiva” che vedrà il prodigarsi dei sinistrati in questa occasione, sarà tale solo perché mi-ti-e-toni si sentono in dovere di votare Sì per quello provinciale [leggi tutto …]

bloccate la figa di Sappada (pensateci pene)

Un nuovo, rutilante ruggito del coniglio (qui su Telebelluno). Padrin compra una vocale e diventa Padron. Ora la vuole tutta per sé.

Padrin, il Rajoy de noantri. La centralista Provinciazza di Bellu-pagna contro “l’indipendentista” Sappadogna.

Se una figa se ne va, non c’è cazzo che tenga, soprattutto se è una testa di cazzo (il testa di cazzo è riferito al “marito” che Sappada ha deciso di lasciare – con prassi costituzionale – per vivere la nuova avventura friulano-giuliana).

Nel momento in cui la Provinciazza si affida alla sovranità del [leggi tutto …]

i sindaci si autoscassano in vista del referendum

La sega saga continua… Allora: par di capire che Super-Padrin, con i suoi super-poteri, abbia riunito in plein air plenaria i suoi pari 

Ieri i sindaci, riuniti in assemblea dal presidente Roberto Padrin, hanno discusso a lungo sulle modalità e i contenuti della campagna referendaria…

Se il più paro dei pari invita i suoi pari in assemblea, visto poi l’argomento di tale assembramento – l’autonorendum al gusto fragola -, ci si aspetterebbe (come minimo) che i suoi pari accorrano all’unisono. Diciamo che su 65 borgomastri c’aspettiamo di [leggi tutto …]

speriamo (che me la cavo)

Dunque, ci abbiamo il Comité:

BELLUNO. Operativo il Comitato Referendum Provinciale per il sì. Da ieri il gruppo, formato da una quindicina di persone, ha iniziato la campagna di sensibilizzazione verso i bellunesi, per recuperare le risorse necessarie per avviare la propaganda referendaria. 

Prima la campagna di sensibilizzazione pa i schei, poi, se i bes dovessero arrivare, si avvia anche la campagna di propaganda per il sì (ammettiamolo: questo è purissimo avanguardismo).

Servono almeno seimila euro per riuscire a stampare manifesti, volantini, organizzare incontri pubblici e acquistare qualche [leggi tutto …]

'Bolzano ci straccia', signora maestra!

Di per sé è già intrigante l’intersezione titolistica, al netto del fatto che le due testate vivano sotto lo stesso tetto e siano talvolta (o talsempre?) “siamesi”. Alto Adige: Bolzano sta surclassando Trento. Trentino: Bolzano ci straccia. Meraviglioso, no?

Il Trentino, non quello di carta, sembra Pollicino, quello che s’è segnato la strada di casa con le briciole. Per certi aspetti richiama anche Il bello e la bestia, variante dove gli tocca il ruolo di bestia (incompresa). Mentre l’AA richiama il brutto anatroccolo che, fattosi grande, veleggia [leggi tutto …]

Provinciazza, il circo Barnum dell'autonomia provincialoide /1 (o del sindarendum)

La chiamo Provinciazza da quando l’ente è nei piedi dei sindaci (fosse nelle loro mani non andrebbe molto meglio). Lo Stato governato dal PD voleva distruggere le province, ed ha fatto la cosa giusta: le hanno fatte sgovernare dai sindaci. Testa da sindaco, e hai detto tutto. Basta guardare al bimbominkione, altrimenti conosciuto come il coglione di Rignano. Testa da sindaco, intendiamoci, perché non hanno visuale, fanno fatica ad andare oltre il tombino, l’asfaltatura della strada, l’inaugurazione della passerella. E’ connaturato nel ruolo di sindaco, [leggi tutto …]

PIL pro capite 2014 in €: BZ 40.500, TN 34.500, BL 31.000 (tutti i dati UE a livello provinciale)

Altro ottimo lavoro di Davide Mancino, che già ci aveva messo a disposizione i dati per il 2013. Qui siamo al 2014, dati UE a livello provinciale, PIL pro capite (ai prezzi di mercato corrente) a parità di potere d’acquisto (parità: per quanto possibile!). Provincia autonoma di Bolzano 40.500 euri, provincia autonoma di Trento 34.500, Bellunopia 31.000. Valeva per i dati 2013 e vale per quelli 2014: non siamo così malmessi (i magnaradice trevisane, con 29.800 euri, se la passano un pelo peggio 🙂 ).

VI 31.000, [leggi tutto …]