10 Comments

  1. bodonian
    23 Dicembre 2015 @ 15:46

    Zaia parla per dare aria alla bocca. In un momento in cui si dismettono rami secchi questo ne vuole creare uno nuovo condannato già oggi al fallimenro da numeri di utenza e di turismo impietosi. Per cortesia non prendetemi per i fondelli

  2. Mirco
    24 Dicembre 2015 @ 10:48

    Infatti Bondonian, hai perfettamente ragione. Quando lavoravo a Cortina, periodo Franceschi (Paolo), la Seam aveva istituito un bus che andava a prendere gli sciatori davanti casa e li portava sulle piste gratuitamente. Risultato: era sempre vuoto. Il turista Italiano vuole alzarsi 20 min prima, scaldare la macchina, o SUV, e recarsi con quella sulle piste, è il simbolo del fighettismo. E quindi, se anche avesse la possibilità, come dice Zaia, di parcheggiare a POnte nelle Alpi ed arrivare con scarponi ai piedi, penso che il risultato sarebbe uguale; deserto totale. Auguri a tutti i Bellunesi, con la speranza che il 2016 porti meno chiacchere e più fatti.

  3. Lozzese curioso 2
    24 Dicembre 2015 @ 16:12

    …Io invece su questo punto dò pienamente ragione a Zaia!
    (sperando non siano solo chiacchere).

    Mirco: Cortina è sempre un mondo a sè,sarebbe meglio non prenderlo come riferimento per il resto del Cadore e non solo…

  4. L'Economa Domestica
    26 Dicembre 2015 @ 11:36

    In Alto Adige stanno portando avanti la politica del no-car da 20 anni. Forse il Veneto avrebbe dovuto aggiornarsi prima….

  5. Mirco
    29 Dicembre 2015 @ 11:20

    Non volevo prendere esempio da nessuno; volevo soltanto dimostrare, come si può evincere ogni giorno sulla nostra, seppur disastrata linea, che la gente preferisce la comodità dell’auto alla possibilità di utilizzare il treno o altro mezzo pubblico. Siamo in quattro gatti alla mattina che vanno a lavorare in treno che, almeno in questo ultimo periodo, ci ha sempre portato a destinazione.

  6. talaren
    29 Dicembre 2015 @ 16:17

    @Mirco, e se così fosse, sai come si risolve? Come si risolve una qualsiasi altra questione, andando a tassare.
    Una volta che ci fosse un servizio funzionante tu, turista, vuoi continuare ad usare la tua auto? Bene, però paghi un pedaggio!
    Io sono molto a favore di questo treno, a patto però che facciano il percorso verso Auronzo…

  7. Mirco
    29 Dicembre 2015 @ 17:10

    Talaren forse non mi hai capito; io non sto facendo un ragionamento sul si o sul no. Vuoi tassare? Tassa. Sto dicendo una cosa molto più semplice: è che non frega un cazzo a nessuno di utilizzare il treno. Ovvero, che non ci sarà nessuno da tassare perchè siamo un popolo di …merda. Capito? Possiamo dare la colpa a Berlusconi, Renzi e compagnia bella ma chi evade chi è? Gli Italiani. E gli stessi preferiscono venire in auto che andare in treno. Altrimenti, come detto più volte, ci sarebbe qualche operaio/impiegato/ciucciacazzi che da Calalzo verrebbe a Belluni in treno o corriera. Non ti pare?

  8. Mirco
    29 Dicembre 2015 @ 17:22

    Dare la colpa a qualcun altro è Italiano. E siccome sono a fine anno sono cattivo. Esempio del Centro Cadore? Un duro e puro del Centro Cadore, presidente della Unione Comunità Montana, che spacca il culo agli immigrati che lasciano cadere il volantino pubblicitario. Peccato che il quaquaraqua di Fratelli d’Italia, non spacchi il culo a chi fa i 120 Km/h in centro (dove peraltro c’è chi ci ha lasciato le penne) in sorpasso sulla statale perchè …. A voi saperlo. Io mi bevo un ombra e vi mando a cagare tutti. Con simpatia

  9. talaren
    29 Dicembre 2015 @ 17:27

    @Mirco, tranquillo, ti avevo ben capito. E sono anche abbastanza d’accordo con te. Soprattutto sul tipo di popolo che siamo…
    Ma il treno, se funzionasse, credo che verrebbe scelto da più di qualcuno, soprattutto se ti permettesse di risparmiare tempo, soldi, ingorghi e nervosismo da traffico, parcheggi da trovare. Se funziona.
    Il punto è che il treno da Belluno a Calalzo non funziona, lento, interminabile, pochissime corse. E arrivato a Calalzo ti pianti. Se portasse direttamente anche negli altri paesi sarebbe diverso.
    Non funziona forse in Trentino? E la metropolitana delle città, viene pur usata da molta gente!
    Io dico, per una volta che hanno intenzione di fare una grossa opera quassù da noi (che non sia l’autostrada, quella sì sarebbe immensa e gioverebbe a poco), e visto che questa opera potrebbe portare un miglioramento, ben vengano. Altrimenti nell’immobilismo faremo una brutta fine.

  10. Mirco
    29 Dicembre 2015 @ 17:53

    Sono perfettamente d’accordo su quello che scrivi. Pensando che …il ladro è giusto che faccia il ladro, altrimenti non sarebbe tale. Affermo che se ci fosse più gente che utilizza il treno non ci sarebbe l’alibi di dire che è poco frequentato. Invero trovo sempre tanta gente che si lamenta però, in fin dei conti, neanche tanto perchè comunque utilizza la macchia e gli altri … si arrangino. Ed è evidente che così facendo siamo i primi a … seppellire qualsivoglia progresso.