3 Comments

  1. Mirco
    3 settembre 2013 @ 16:20

    Ma il papa è una bravissima persona, vicino alla gente. Sempre pronto a dare una mano ai più poveri. peccato che ancora non ho visto tagliare la borsa dei quattrini di proprietà della curia, ancora non ho visto pagare l’Imu degli alberghi adibiti a conventi. Mi sembra proprio come i politici. Tutti hanno fatto riforme immense ma, chissà perchè, nessuno ha tagliato nulla. Ma andate a cagare.

  2. Danilo De Martin
    4 settembre 2013 @ 11:18

    @Mirco,
    la storia si ripete sempre alla stessa maniera. Non c’è motivo di scandalo perché è sempre stato così. Ma il buon senso vorrebbe che le affermazioni fossero – perlomeno – un po’ più pudiche (o un po’ meno stronzate, per restare in tema con la tua “chiusa”). Adriano Sofri da “Il Foglio“:

    Dice: “Il Papa ha indetto un giorno di digiuno, sabato, contro la guerra in Siria”.
    Dico: “Lo faresti?”
    Ci pensa un po’: “Sì, credo di sì. E’ una buona idea”.
    Dico: “Per i centomila morti ammazzati in Siria l’hai fatto?”.
    Ci pensa ancora, poi dice: “Non lo sapevo”.
    Dico: “Non sapevi che sono due anni e mezzo che si fa strage in Siria?”
    Dice: “No, non sapevo che avessero indetto il digiuno”.
    “Infatti, dico, non l’hanno indetto”.

  3. Papa Francesco: “Dio perdona chi segue la propria coscienza” » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    11 settembre 2013 @ 11:12

    […] (il tutto da un dialogo fra Barbapapà Scalfari, la maionese del giornalismo italiano, e papa Francesco, il papa fritola; sì, in effetti Benedetto XVI è un po’ più elaborato, ma parlare con Francesco è un po’ come parlare con Banderas quando fa la pubblicità per il Mulino Bianco. Insomma, se proprio devo … resto dell’idea originaria: aridatece Ratzi). […]