5 Comments

  1. Mirco
    19 Giugno 2014 @ 15:27

    Molte volte resto basito. ma nessuno si ricorda l’intervista fatta dall’ex Prefetto ad Antenna 3 che risultava essere una difesa appassionata a ENEL, TELVE? Esiste ancora qualcuno che pensa che cane mangia cane? Ma!!!!

  2. frank
    19 Giugno 2014 @ 16:05

    @danilo
    ma Svaluto Ferro non è quello che in una intervista “attenzionava” per una “possibile sommossa”?

  3. Danilo De Martin
    19 Giugno 2014 @ 19:12

    @frank,
    era prima delle elezioni quando bisognava “arringare la folla”. Non sarebbe male, anche se non rappresenterebbe niente di rivoluzionario, se l’uomo esercitasse anche ora, a parole, non si chiede niente di più, la “teoria del pueblo unido ecc. ecc.”. Ma mi sa che el Che perarolese avrebbe bisogno di una generosa fiaschetta di tequila appesa al collo per poter incamminarsi sul “sendero luminoso”.

    @Mirco,
    non solo, ma approfitto dell’occasione per ribadire che a mio parere qui mancano tanto le basi giuridiche sulle quali poggiare l’accusa quanto, ci fossero, “il fatto” in sé e per sé che, pur accaduto, ha tutte le caratteristiche per essere circoscritto a evento eccezionale. Vogliamo entrare nel campo della manutenzione delle linee? Non esiste un “manutometro” col quale misurare, come si farebbe con il peso di una persona, lo stato manutentivo di una linea per classificarlo con “certezza” in “da cambiare” oppure no: chiunque segua questa strada è destinato ad entrare in un ginepraio dal quale non esce più.

  4. le vette s’imbiancano: e la class action dei sindaci contro Enel e Terna? » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    22 Novembre 2014 @ 11:00

    […] black out del Cadore: l’unione montana ha già calato le braghe) […]

  5. Consorteria Bim: pagliacci bellunioti al voto /18 » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    1 Marzo 2015 @ 21:31

    […] Ecco quello che succede quando dei sindakos risoluti decidono di promuovere una class action contro Enel e Terna sulla base del climate change (già la farfalletta che correa fra l’erbetta l’aveva detto affranto). […]