15 Comments

  1. Pinco pallo
    15 febbraio 2014 @ 17:43

    E se fosse proprio il martagone l’artefice di questo?
    E se non fosse nemmeno un caso?
    E se fosse anche un pretesto per creare l’eroe da proporre quale condottiero della centuria dei pretoriani sceriffi catubrini?
    Quale cavallo meglio imbrigliato sarebbe?
    Chi vivrà vedrà!

  2. Danilo De Martin
    15 febbraio 2014 @ 18:26

    @Pinco pallo,
    mi capita di segnalare – anche – episodi di “giornalismo” spazzatura (perché cronaca spicciola va bene, ma certe “spompinate” ti fan morir dal ridere). Da certa gente è meglio stare alla larga, molto alla larga. Comunque, un po’ di pubblicità progresso non si nega a nessuno. Adesso poi che siamo in pieno carnevale …

  3. Piazarot
    15 febbraio 2014 @ 18:39

    Veramente molto interessante l articolo apparso sul corriere delle alpi con tanto di locandina a caratteri cubitali. Con molta probabilità non avevano nient altro da scrivere per cui anche ste grandi stronzate vanno bene per riempire gli spazi del giornale. Ma secondo voi lo sceriffo ha fatto qualcosa di straordinario? E secondo voi il primo cittadino non fa solo la figura della prima donna ?

  4. Pinco pallo
    15 febbraio 2014 @ 19:46

    Se invece di elogiare la sua multa per un banalissimo sforamento dell’orario massimo di una sosta si facesse invece sostenitore della legalità sarebbe meglio. Al posto di sponsorizzare l’ingurtito di bevande alcooliche con il giro dei bar “cicchettando per Calalzo” sarebbe meglio che facesse fare dei controlli su queste cose – ma si sa che queste è meglio lasciarle perdere, o farle fare da altri, perchè sono impopolari elettoralmente.

  5. C6H12O6 ( GLUCOSIO)
    15 febbraio 2014 @ 20:37

    GIA’ CON IL TWEET “SPASSOSISSIMO” DEL ” SAPERE SAPARE” RIVOLTO AL DIRETTORE AUSPICAVA, NELLA SUA MENTE POLITICA GRETTA E LIMITATA, DI AVERE INFORMAZIONI A RIGUARDO DI UNA DISCESA IN CAMPO DIRETTA DI DANILO. PER CONTO DI CHI RICERCAVA QUELLE INFORMAZIONI? PENSO CHE AL CONTRARIO DI QUELLO DESCRITTO DAL “BEPI OSTREGHETA” SUL CADORE, I CAPOFILA SI STANNO MUOVENDO COME POIANE PER AVERE MAGGIORI VOTI POSSIBILI IN CM E PER L’ UNIONE DEI COMUNI. INTANTO PAIS GLIELE HA SUONATE AL DE CARLO IN MATERIA DI VOTAZIONI. DE CARLO E’ ANTI-COSTITUZIONALE COME I SUOI AMICI FINI-GIOVANARDI. CERTO CHE SE A LOZZO ANDASSE SU IL MARTAGON IL GIOCO POLITICO PER LUI SAREBBE PIU’ AGEVOLE, ” AL NUOU PODESTA’ “. E COSI’E’ INIZIATA LA PRIMAVERA CALDA…. L’ ARTICOLO DI OGGI E’ SOLO IL PRIMO DI UNA SERIE CHE CI FARA’SBELLICARE …… ALMANCO PAR CHI CHE RUA A CAPI’…

  6. Altro Piazarot
    15 febbraio 2014 @ 21:04

    Se fate un giro per Calalzo altro che controlli per il disco orario, girano quasi tutti senza la cintura di sicurezza e il telefonino fa parte del comportamento naturale del guidatore.
    Ste robe qua i suoi vigili non le vedono?

  7. montanaro K
    16 febbraio 2014 @ 00:38

    teatrini creati ad oc per far parlare in vista delle elezioni…

  8. Servizio Pubblico
    16 febbraio 2014 @ 09:33

    Avere alle spalle come amico Andrea Vidotti manager attaule di tanti campioni ,ultimo Innerhofer e titolare e socio di Palladin(antenna 3) di Idee europee non è da poco ti cura la tua immagine al massimo.

  9. Alessio Zanella
    16 febbraio 2014 @ 12:54

    Mi sa che questa buffonata al De Carlo gli si sia rivoltata contro. Montanari si, ma coglioni no .

  10. montanaro K
    16 febbraio 2014 @ 13:42

    Io se fossi Calaltino andrei a spulciare i soldi portati a casa…. queste sono le cose da chiedere a un sindaco…

  11. Altro Piazarot
    16 febbraio 2014 @ 15:50

    Oltre che ai soldi portati a casa, che comunque sono sempre il frutto di tasse pagate dai cittadini, sarebbe da verificare per quali giusti ed onorevoli scopi sono poi stati spesi.

  12. frank
    16 febbraio 2014 @ 16:13

    @Alessio Zanella
    mi sa che siamo l’una e l’altra cosa. Del resto bisogna aspettare poco: vedremo a maggio.

  13. Danilo De Martin
    17 febbraio 2014 @ 13:28

    @Alessio Zanella,
    ho ricevuto da De Carlo il seguente tweet che, in risposta a te in particolare, ma a “tutti noi” in generale, “lancia” il nuovo hashtag #aspettiamoil25maggio e propone l’hashtag diventato famoso con Renzi – #enricostaisereno – in “chiave locale” #zanellastaisereno.

  14. Alessio Zanella
    17 febbraio 2014 @ 16:26

    Sinceramente devo sorridere per quanto sopra. Ma vuoi vedere che dopo tali affermazioni, qualcuno cambierà di nuovo colore politico…Speranzon statti accorto…Di sù di giù, di qua di là, l’importante esserci… A Calalzo deve essere una moda, visto che ne ho conosciuti diversi di sti fenomeni…Aspettando con serenità il 25 Maggio…

  15. Danilo De Martin
    17 febbraio 2014 @ 18:47

    @Alessio Zanella,
    tuitta De Carlo “#zanellastaisereno……sorridi che fa bene e #aspettiamoil25maggio”

    ( https://twitter.com/decarlosindaco/status/435437558320091136 )