Caserma di Soracrepa: non sento, non vedo, non parlo

La nostra amministrazione (sindaco, vice, ecc. ecc.) è silenziosa, molto silenziosa, troppo silenziosa. E’ proprio vero, la vicenda della Caserma di Soracrepa l’ha lasciata senza parole.

Chi è che può informare il volgo? La minoranza può forse cimentarsi in questo sforzo? Ho raccolto un incitamento da questo commento di zorro:

Ora io avrei da fare una proposta ai quattro consiglieri di minoranza. Perché, a conoscenza dell’esito poco felice della sentenza che è stata depositata lo scorso Dicembre, i nostri baldi giovani rappresentanti in Consiglio della lista “Lega Nord-Per la gente di Lozzo” non presentano una interpellanza scritta ed urgente (con richiesta di risposta pure scritta) per essere ragguagliati sullo stato dell’arte della controversia con il De Rossi, sulle vere intenzioni del Comune in merito all’intera vicenda? In particolare, bisognerebbe chiedere se il Sindaco ha magari intenzione di appellarsi (posto che la cosa sia possibile, essendo la sentenza emessa da un giudice monocratico). Personalmente ritengo che gli errori accumulati, dal 1993 ad oggi, non lascino sperare nulla di buono e sarebbe il caso di evitare ulteriori oneri pagati dai soliti ignari contribuenti! E non è detto che non si possa uscire con le ossa rotte anche da un eventuale secondo grado di giudizio….In definitiva: “cornuti e mazziati”!!!

a

Foto: Style.it (modificata)

1 commento per Caserma di Soracrepa: non sento, non vedo, non parlo

  • marnifo

    propio bele le simie…ma e pasou chi tempe ades a monte no e pi tante simie…anche parche se no i verde sto bar !!!