nell'attesa di degustare il medaglione Montiglio...

Attendendo il giorno nel quale si potranno finalmente degustare il medaglione Montiglio, il piatto del Casermona, le tagliatelle alla Tutankasermon o i pizzoccheri alla Soracrepa, scorrazzo per Razzo… e poi mi delizio il palato con il Piatto della Baita Ciampigotto, una rara bontà!

ex caserma di Soracrepa: vecchie e nuove muffe...

Nel pur chiaro quadro della persistente e negativa maledizione di Tutankasermon (articolo qui e quo) si può scorgere un elemento positivo. Se il danno per il quale l’Amministrazione non ha ritenuto congrua la cifra di 75mila euri fosse da attribuire a deficienze nel corso dell’allestimento della nuova copertura e si fosse manifestato (anche) con un degrado della salubrità delle stanze (muffe varie, scrostature…), oggi si potrebbero prendere due piccioni con una fava.

Dall’operazione sanante (o sanatoria) per recuperare le nuove magagne, ne trarrebbero giovamento anche quelle [leggi tutto …]

Soracrepa e la maledizione di Tutankasermon (bis)

Dicevamo della maledizione di Tutankasermon che avviluppa fin dalla nascita il Casermona. Della cronaca prodotta dal Gazzettino sull’argomento non so nulla, ma dal Corriere ho tratto queste righe del vicesindaco che, “a proposito dell’ex caserma, chiarisce la posizione dell’Amministrazione in merito ad alcuni lavori finiti al centro di una disputa di natura economica”.

«È in atto un contenzioso con la ditta esecutrice dei lavori di rifacimento della copertura che, per alcuni danni causati, ha pensato bene di offrire attraverso un’assicurazione la cifra di 75mila euro a titolo risarcitorio. [leggi tutto …]

Soracrepa e la maledizione di Tutankasermon

Non così letale come la più famosa maledizione di Tutankhamon, ma qualche oscuro maleficio, qualche funerea fattura, deve pur avviluppare quella benedetta maledetta caserma: il Casermona (qui il link per scaricare il PDF del libro). Fin dagli albori della propria storia, fin dal progetto, essa ha subìto una nefasta stregoneria che, nel corso degli anni, non ha perso lo smalto iniziale, anzi!

Ce l’hanno raccontato, sulle pagine de il Cadore nel numero del marzo 2012, Giovanni De Donà e Walter Musizza, firmando un articolo titolato Caserma di Soracrepa: [leggi tutto …]

ex caserma Soracrepa: un nuovo tassello s'aggiunge alla saga

Alla fine de “Il Casermona e altri racconti” (qui il link per scaricare il PDF del libro) c’eravamo lasciati con questo piccolo proposito: “Il racconto della saga del “bubbone” di Pian dei Buoi, tra realtà ironia e satira, continua sul BLOZ”.

Nel frattempo le hanno rimesso le mutande (qui una fase della delicata operazione), quelle che aveva perso per merito del vento (merito, non colpa, perché la colpa fu degli amministratori che non intervennero quando bisognava). Non ho nuove immagini del cambio di biancheria perché all’altopiano [leggi tutto …]

saluti da Soracrepa

(sul retro una targhetta scintillante: “Zoccole di montagna, prossima apertura”)

ex caserma di Soracrepa da Po Croda, 10 dicembre 2016

ex caserma di Soracrepa: cambio di mutande, i lavori fervono (timelapse del 15-11-2016)

C’era un bel sole ieri e le maestranze stavano giusto rientrando dal rifocillamento in quota (gli umani subentrano dopo i primi sei sette secondi). 

(per chi volesse, c’è anche uno spezzone di 7 secondi in timelapse verso l’Antelao: le solite nuvole che corrono)

 

ex caserma Soracrepa: cambio di mutande e danni erariali

Mentre i nostri eroi comunardi stavano a guardà la sistemazione del tetto (il cambio di mutande) colabrodo della caserma (il comportamento negletto – a dir poco – dei comunardi, alla fine ha portato il conto, e sarà salatissimo: galeotta fu  la venta di quei primi giorni del 2015, qui le foto), giungeva la sentenza della Corte dei conti di Venezia riguardante un’altra vicenda legata alla Montiglio, quella “giudiziaria”, una cui prima eco ci era giunta alla fine di agosto 2015 (La Corte dei conti bussa [leggi tutto …]

il tacon del Casermona su 'Target Auronzo Tre Cime'

E’ un’apparizione fugace (minuto 11:50) che mette in risalto la coglionaggine con cui si è affrontato il problema del tetto de il Casermona. Come detto più volte, bastava un po’ di catrame con cui incollare le canadesi che “sbattevano al vento”.

No, non si trattava di fare un taccone, cosa banalissima ma già più impegnativa, bastava semplicemente evitare che continuassero a sbattere al vento, bastava evitare che quelle canadesi facessero “vela” al vento.

Poi il vento è arrivato (anzi, è arrivata “la venta”), come abbiamo ampiamente descritto. [leggi tutto …]

ex caserma di Soracrepa: un gioiello di obsolescenza

A parte la Morandini, che con la storiella dei “feed” si è rivelata “digitalmente obsoleta”, gli uneschi ci segnalano anche l’inizio della ricerca del secolo, la catalogazione delle strutture obsolete nel Sito Dolomiti UNESCO. Alla parola “obsoleto” ho reagito in modo naturale e mi sono detto che noi qui a Lozzo – sodomitici – abbiamo un gioiello di obsolescenza: la ex Caserma di Soracrepa.

Quale caso di studio migliore?

Stallì, un cesso tra le Dolomiti. Un vomito uscito dall’amministrazione comunale. Almeno cinque anni di abbandono assoluto. Un [leggi tutto …]