Esorcismo pasquale: bastasse l'esorcista ...

Dice Fabio Scacciavillani riguardo alla soluzione della crisi che:

Gli economisti nulla possono. La Crisi italiana va affrontata da un Esorcista.[…]

[I posseduti] Oggi magari vestono loden o cravatte stile Upim, fanno sognare le suocere e vergano messaggi oscuri sul Corriere. L’aspersione dell’acqua santa non li disturba affatto, anzi a volte la sollecitano in cambio di un’esenzione dell’IMU (la tetra Imposta del Maligno Usurpatore) o di un 8 per mille.

Invita poi ad affrontare la Prova, ponendo attenzione a ciò che i posseduti hanno vomitato in questi anni (qui un semplice assaggio):

“Il nostro più grande successo negli ultimi due anni è stato quello di non essere diventati un caso tipo Grecia. Attesi al collasso, invece abbiamo tenuto bene” Giulio Tremonti, Intervista a Oggi settembre 2010.

“Gli aumenti tariffari e fiscali, per quanto rozzi, ci hanno evitato di fare la fine della Grecia”, Mario Monti, durante il viaggio in Asia, 2 aprile 2012.

“Il rischio di un crollo, del peggio, e’ abbastanza alle nostre spalle”, Giulio Tremonti 29 marzo 2011.

“La crisi è passata ora possiamo rilassarci”, Mario Monti durante il viaggio in Asia 2 aprile 2012.

Conclude proponendo un rito purificatore collettivo:

Io invece Fratelli, dico che dobbiamo seguire un rito più potente. Formiamo una catena umana da via XX settembre fino a Palazzo Chigi e brandendo ciascuno un crocefisso prendiamo a gridare ritmicamente con voci sempre più incalzanti e possenti: nefaste presenze di Andreotti, Craxi, Forlani, Cirino Pomicino, spiriti maledetti di De Mita, Formica, Nicolazzi, oscuri spettri di De Michelis, Gava, e Goria uscite da questo governo!!!!!

Liberarci dai putridi parassiti della casta politica e dal Belzebù che li possiede sarebbe un primo imprescindibile passo, poi bisognerebbe liberare dal Maligno anche la cupola burocratica statale, non solo parassitica ma mortalmente saprofaga, che alligna in ogni dove.

Ma per farlo bisogna essere illuminati. Un atto di fede che supera ogni immaginazione.

I commenti sono chiusi