Piccoli, Bond e la coglionaja

Cavolo, da una postazione fissa in Antartide hanno da poco scoperto le impronte delle onde gravitazionali lasciate sulla radiazione cosmica di fondo che, se confermate,  alimenterebbero la teoria dell’inflazione cosmica, ossia l’ipotesi che l’Universo si sia espanso ad una velocità incredibile (il Big Bang, uno starnuto galattico di proporzioni … cosmiche).

E mentre in Antartica si fanno ‘ste cose qua, a Feltre un drappello di pidiellini produce pidiellume di altissima qualità (nel PD c’è il piddume, nel PDL c’è il pidiellume, ça va sans dire). Trattasi di Piccoli (il peones forzista), Bond (capogruppo regionale del PDL-FI-(ex-NCD-XYZ) e Donazzan (una, lì). Quale sarebbe la str… anezza tirata fuori dal cappello questa volta?

ripristinare la naja, scuola di vita

“Il servizio militare fu scuola di vita, fu palestra per uscire di casa per la prima volta comprendendo la parola dovere prima di diritto, aiutò generazioni di italiani fino alla leva del 1984 a sentirsi popolo, garantisce ancora oggi che vi siano centinaia di migliaia di italiani perbene, di volontari nella Protezione Civile, nella conservazione della memoria, nei tanti servizi per il bene delle nostre comunità gratuitamente. Ripristinarla è un dovere”.

A dirlo in una nota congiunta sono l’assessore regionale Elena Donazzan, il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli ed il capogruppo di Forza Italia per il Veneto in consiglio regionale Bond.

“Presenterò una proposta di legge nei prossimi giorni per il ripristino di un  servizio obbligatorio sia civile che militare – ha detto Piccoli – anche perché la leva, è bene ricordarlo non fu abrogata, ma sospesa e credo che a qualche anno di distanza vada detto con chiarezza che fu un errore”.

“Non sarà di 12 mesi – ha detto il senatore Piccoli – ma personalmente ricordo come il CAR (Centro Addestramento Reclute) fosse già formativo per il breve periodo (4 settimane e poi il giuramento ndr) in cui veniva svolto da noi giovanissimi alpini, ma valeva per tutte le armi.”

“I giovani hanno bisogno di riferimenti, di valori,  di messaggi educativi forti e il servizio militare è principalmente educativo”, conclude Bond, ”l’Italia ha bisogno di ritrovare la giusta via e di avere un po’ più di schiena diritta e credo che la presenza degli Alpini dell’associazione e di quelli in armi oggi a Feltre a ricordare i nostri caduti sia un monito per ricostruire la società attorno a questi esempi”.

Per onestà intellettuale va detto che str… anezze di questa levatura non riescono a dirle neanche quelli del PD quando sono galvanizzati dai loro burattinai.

(domanda ai generatori di pidiellume: se il volontariato maschile è oggi tale perché in passato i suoi componenti hanno detto signorsì a qualche testa di cazzo graduata, quello femminile da quale alta esperienza formativa sgorgherebbe?) 

 

I commenti sono chiusi