6 Comments

  1. frison
    29 Maggio 2010 @ 11:53

    Il nostro beneamato sindaco deve essere, nella sostanza, un emulo del Berlusca. Per il solo fatto di aver ottenuto il consenso popolare, il nostro ritiene evidentemente di essere al di fuori ed al di sopra di ogni umano controllo di merito sulle sue azioni. Ritiene di poter operare senza tener conto delle opinioni degli amministrati e, soprattutto, delle vere e concrete esigenze dei cittadini. E così si reputa il depositario della verità e di un potere assoluto che prescinde da ogni possibilità di critica. Dispone del denaro pubblico per investimenti discutibili e non immediatamente “remunerativi” ai fini di soddisfare vere e concrete esigenze della gente. Paga consulenze e parcelle legali a iosa. Stabilisce priorità a suo giudizio insindacabile, trascura il sostegno vero alla parte debole della popolazione ma salva la faccia riempiendosi la bocca di auspici e di belle parole sul “bolpar”. Altri sindaci, invece, cianciano meno e sono certamente più concreti, basti pensare ai fondi di solidarietà per i disoccupati…
    Io condivido quanto sopra scritto da Ghino di Tacco: questo è un sindaco che più presto se ne va e meglio è (a patto che non venga sostituito però da qualche suo allievo, nel qual caso si cadrebbe dalla padella alla brace!!).

  2. Pagaapo
    29 Maggio 2010 @ 14:56

    Ghino e Frison, me sà che avè proprio rasòn (fa anche rima).
    Bèle, pi de dute, le ultime doe righe de Frison e che me gòdo a ripète E’ UN SINDACO CHE PIU’ PRESTO SE NE VA E MEGLIO E’ (A PATTO CHE NON VENGA SOSTITUITO PERO’ DA QUALCHE SUO ALLIEVO, NEL QUAL CASO SI CADREBBE DALLA PADELLA ALLA BRACE).
    Anche parchè che ‘i alievi no i po’ discostàse dai “maestre” (se fa pàr dì) se no i li fa un torto e i se la lea al deido e ‘le fàta.
    I se avarae scavòu la busa da sole.
    No son ‘ncora dù ‘n piaza parchè à tacòu a piove màsa e alora èi volesto liede e comentà algo autro.
    Me scusarè.
    Ri-sane

  3. Griso
    31 Maggio 2010 @ 19:09

    Caro Pagaapo,
    credo ché chel che à dito Frison, e che tu te ciate degno de nota tanto che te lo riporte ‘n maiuscolo, sea solo un auspicio de chi che no può pi de i luore (me riferiso a chi che da massa tempo spadroneggia ‘ntel “Palazo botanico”). Io condivido duto, ma son deluso de i me paesane che manifesta pocio ‘ntares par le robe de comun. Secondo me chesta apatia, chesto menefreghismo e da ritegnì a la stregua del chel che i farei dispete a la sò femena….e savon chè che ‘l à fato. Par dila ciara e neta, le scoaze, par esempio, le paga chi da loze e se la parcela é gravosa, chesto dipende dal sora manego.
    Se vien fate scelte strambe e se vien sprecou schei de comun al posto de fei algo par fei fronte a la crisi, chesto rientra ‘ntel ‘ntares de dute. Se su da la Manadoira se fa tacoi pedo del bus (varda ca de sora)
    chesto riguarda dute chi da loze. ‘Nsoma no se può fidase del primo che capita a Loze e se mete ‘n testa de fei ‘l capon ‘nte municipio (e magare ‘l pensa prima de duto ai fate suoi…), dopo vedon le conseguenze. Sarae ora che la dente se desede e la valute i fatti, no vardà solo le aparenze. Sèi anche iò che un che và ‘nte Ciesa, de solito, dovarae esse ‘na braa persona, ma al dì de ‘ncuoi no basta fidase e basase solo su chesto e daspò votali e delegà duto alle solite combriccole…..Penso de esse stou ciaro asei…
    Comunque, à reson Ghino e anche tu e Frison à fei le valutazion che avé fato. Spero che ciatede seguaci.

  4. De Rossi chiede al Sindaco la restituzione delle chiavi della ex caserma di Soracrepa a Pian dei Buoi » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    1 Giugno 2010 @ 17:09

    […] Nota bene (1): si veda a questo proposito quanto scritto recentemente da Ghino di Tacco (punto 1), di cui riporto qui un passo: «… La gestione della vicenda “custodia” fatta in […]

  5. Pagaapo
    2 Giugno 2010 @ 20:16

    ‘Ncuoi era festa e me son fato ‘n gireto pal paes e èi visto che e stòu fato dei tacoi de asfalto ‘ntin cà e ‘ntin la, forse agno che i à fato alaciamenti nuove al gas. Da calche parte èi visto che ‘i à fato dele ics (X) che forse sta a segnà che la sote à da èse ‘na plòta de ghisa o ‘n chiusin de l’aquedoto.
    Iò me domando… ma quan che ‘ à biciòu l’asfalto no’ i podèa tegnì a largo chel che e stòu squerto? Adès se manciàrà algo ‘i à da di a vede agnò che e la plòta e così i perde tempo sia par ciàtala che a desquerdela……ma fin che pago iò va duto ben……
    E chesta e la nostra aministrazion!
    Come che son ciapade.
    Gnanche ‘ntel Burundi i guàrnarae così!
    Autro che taìà la spesa publica, bisognaràe taià algo autro……
    Sane.. che domàn me tocia levame bonora e di a ciàpame calche schèo che co le tàse chi del “palazo botanico” daspò biciàrà do pal cèso.

  6. ANALISI
    3 Giugno 2010 @ 00:11

    @GHINO: NELLA VALANGA DI INETTITUDINI MUNICIPALIZZATE ( E NE HAI TRALASCIATE PARECCHIE) AD ESSERE SOMMERSI SONO SOLO I CITTADINI. MA BEN GLI STA’ NEL MODO IN CUI VOGLIONO FARSI RAPPRESENTARE DALLE “ECCEZIONI” E NON DA PERSONE CHE VIVONO LA LORO STESSA REALTA’, CHE SAREBBERO QUINDI PIU’ PROPENSE NEL RISOLVERE LE NOIE O LE ASPETTATIVE DEL QUOTIDIANO, PIU’ VICINE AI VERI BISOGNI. ” ECCEZIONI ” DECISAMENTE RETRO’ SE CALATE NEL MONDO GLOBALE DEL TERZO MILLENNIO …. DISPIACE CHE SOLO IN POCHI ABBIANO QUESTA VISIONE DI INSIEME A-SETTICA…ALE’ LOZZO!!!!