L'Intesa Dolomitica esce dalle catacombe

Quelli della LID si erano rifugiati nelle catacombe. Negli ultimi tempi si sono visti come si vedono le eclissi. Ma non per paura di essere perseguitati. La vera ragione va ricercata nella loro natura: quelli della LID hanno una connaturata propensione ipogea. Vivono a loro agio nelle tenebre perché loro stessi sono fatti di buio ed oscurità. Si rannicchiano negli anfratti e preparano la loro lunga quiescenza. Poi, quando percepiscono che l’ambiente è diventato favorevole, escono dalle loro tane e blaterano la propria soddisfazione.

Ma non sono più abituati alla luce. Ed allora scantonano di qua e di là, incespicano e rotolano a terra, grugniscono e si rialzano per ricadere nuovamente. Sono ipogei, quelli della LID, nati per vivere sotto la terra. Ed è lì che dovrebbero tornare. Per sempre, se possibile.

2 commenti per L’Intesa Dolomitica esce dalle catacombe

  • Simone

    Parole a caso! W LID.

  • @Simone, prova a metterle tu in fila, una dopo l’altra, delle parole a caso, come ho fatto io. Puoi essere d’accordo o meno con quanto detto, ovvio, ma non sono messe a caso, davvero, credimi. Ho creduto come tanti altri nella LID, ho creduto in Oscar De Bona, come tanti altri, prima che si rivelasse – politicamente – un sufflé. Per la candidatura in Regione il sottoscritto ha posto la propria firma, qui in comune a Lozzo, per Oscar De Bona. Per quel che ho potuto gli ho fatto tutta la pubblicità che si meritava. Una sera l’ho incontrato insieme ad altri alla Trattoria del Fantino – covo lozzese di socialisti – in un suo giro in campagna elettorale … abbiamo sentito le solite cose ma sull’Autonomia di Belluno si poteva e di doveva fare di più. Poi la vita continua, ma io ho l’abitudine di osservare, verificare, comparare. E quando ho sentito l’Oscar parlare di Autonomia possibile, mi sono cadute le braccia. Comunque, fate i bravi: forse, a fatica, siete redimibili. In ogni caso, prima di inneggiare alla LID, dovresti inneggire all’autonomia della provincia. W Belluno Autonoma.