20 Comments

  1. nontipassaunca**o
    15 Giugno 2011 @ 10:43

    visto che non hai niente da fare, se non andare in giro a rompere le scatole, sappi che il comune ha spostato le ramaglie spendendo 10 mila euro.Soldi che servivano ad asfaltare un po di strade. Complimenti. Va al mare o candidati invece di passar le tue giornate al pc.

  2. Danilo De Martin
    15 Giugno 2011 @ 11:41

    @nontipassaunca**o, ammetto di avere un disturbo ossessivo-compulsivo nei confronti del computer che sto vanamente contrastando da anni. Tutti i giovedì mi psicanalizzano ma sembra davvero che non ci sia più niente da fare. Pensa che per il computer sono dimentico persino di una bambola gonfiabile, ungherese, cucita a mano, che ho usato per anni. Ho scritto all’Ecomont perché non so come smaltirla. Va pompata (d’aria) ogni tre giorni perché ha qualche perdita, ma tiene botta che è una meraviglia (almeno fino a quando l’ho usata). Se ti interessa ….

    Nel circuito clandestino di scommesse (gestite via computer, naturalmente) davamo 1 a 1 il costo di 12.000 euri dell’asporto, tutto compreso. I 10.000 euri di cui ci parli erano di poco superiori. Troppo prevedibile. Io, comunque, confido nelle opposizioni per un dettagliato rapporto sui costi finali.

    Detto questo, io, che c’entro in tutto ciò?

    p.s.: se non l’hanno asporatata questa notte, e non possono averlo fatto, la ramaglia è ancora lì (sia chiaro che nei 12.000 di cui sopra, questa ramaglia era già compresa)

  3. talaren
    15 Giugno 2011 @ 13:27

    Danilo, preparati, il prossimo passo sarà una richiesta da parte di @nontipassaunca**o di risarcimento per tutto il tempo che gli fai perdere obbligandolo a leggere il tuo blog, tempo che avrebbe potuto sfruttare in maniera molto più produttiva…

  4. Paesano di Lozzo
    15 Giugno 2011 @ 17:52

    @nontipassaunca**o: Evidentemente hai il prurito nella parte opposta della bocca nel leggere quanto viene smascherato da Danilo. Danilo ha ragione da vendere a segnalare le porcate che questi pseudo-amministatori fanno diuturnamente; Dispiace solo constatare che è la minoranza che si sta comportando come il tuo pseudonimo-nik-nome. Secondo la tua tesi allora a Napoli fanno bene a buttare i rifiuti per strada, così con i soldi che risparmiano per la raccolta e lo smaltimento possono fare qualcosaltro! Ma fammi il piacere……..!
    Se fossero un minimo più accorti e non ragionassero con la parte che ti ho poco prima ricordato, programmerebbero tutte le fasi dei lavori: smaltimento dei rifiuti, materiali, ramaglie e quant’altro, non nasconderebbero sotto il tappeto la polvere. Probabilmente non sanno contare fino a tre (figuriamoci il 2 + 2).
    Sarei curioso di vedere se qualcuno denunciasse questi misfatti alla magistratura, mandando anche le fotografie, cosa ne salterebbe fuori.
    Non credo che la passerebbero liscia.
    Ma ricordati che il territorio è di tutti, non solo di chi amministra e dei loro elettori, è anche di chi non li ha votati e di chi nemmeno è andato a votare.
    Spero tu possa riflettere bene e renderti conto che quanto hai scritto è stato solo, forse, una frettolosa constatazione.

  5. frank
    15 Giugno 2011 @ 17:58

  6. Lozzese curioso
    15 Giugno 2011 @ 19:30

    Lozzesi quì presenti:è meglio che abbassate i toni,perchè qualcuno sta esagerando e non sta facendo fare una bella figura ai Lozzesi!(FARON LA FIGURA DEI GREDE E DEI BOLKE!)

  7. Attilio Bianchi
    15 Giugno 2011 @ 20:58

    Bravo Danilo…questo è il giornalismo che tutti vorremmo vedere anche a livello provinciale. Qualche dossier sulle spese del BIM etcc… LOZZO VIVA non aveva nessuna nozione di porta a porta ed è stata pungolata dal programma dell’ opposizione… il vero porta a porta ancora non c’è , si paga ancora al metro quadro per tutto il 2011 e la differenziata in questi termini sommari, come le ramaglie al campo, sono il segno di un pressapochismo sia in considerazione delle risorse umane presenti in Lozzo sia per la metodologia di applicazione. In primis partire con le possibili ed esose multe per chi sbaglia HANNO GENERATO CENTINAIA DI ” MICROINCENERITOTICASALINGHI…. cusine e camineti a gogò…. IE ANE LUSE LONTANE DA LA DENTE E I STA SERADE ‘NTE CIASA A PONTIFICA’ ….PATETICOS

  8. Cagliostro
    15 Giugno 2011 @ 22:20

    Caro redattore,
    ogni paese è caratterizzato dalla presenza di soggetti la cui materia grigia è significativamente presente ed operante e da altri soggetti che hanno la lingua non molto coordinata con il lobo cerebrale (od una sua specifica parte) che presiede al raziocinio. Le offese e la ignoranza di ritrovano in tutti i Blog, quindi bisogna mettere nel conto che anche nel tuo appaiano personaggi non proprio dotati di acume e di felici intuizioni (mettiamola giù così, in modo molto soft per un senso di carità cristiana…).
    Detto questo, lascia che mi complimenti con quanto scrive il solito Attilio e soprattutto con i ragionamenti sviluppati da “Paesano di Lozzo” il cui pensiero interamente condivido.
    Oggi leggo che Lozzo ha raggiunto – lo dice il sindaco – quota 92% in fatto di raccolta differenziata. Se è davvero così, complimenti vivissimi. Tuttavia mi sia consentito esprimere alcune mie considerazioni ed anche alcune perplessità. Il risultato tanto pomposamente messo in luce è forse stato calcolato con il metodo Ecomont? Non vorrei che si trattasse di quell’adagio per il quale Dracula viene nominato presidente della Associazione Donatori di sangue….Dico questo perché sò che il Comune di Ponte nelle Alpi, primo comune virtuoso a livello regionale (ed anche nazionale?) ha impiegato anni ed un notevole sforzo da parte di amministratori e cittadini per raggiungere l’obiettivo (e non partiva dai livelli negativi palesati dal nostro Comune con il noto vessillo della maglia nera per ben tre anni!!). Vorrei tanto poter dire – anche per amor di patria – che le mie perplessità sono del tutto infondate e che Manfreda & C. hanno fatto il miracolo con una stressante azione divulgativa ed un monitoraggio costante e puntuale. Se però guardo a come si gestiscono le discariche di rifiuti speciali (su aree vincolate sia sotto il profilo ambiantale che urbanistico), allora i miei dubbi aumentano e mi viene il sospetto che il tentativo di nascondere i detriti sotto terra (tentativo poi precipitosamente trasformato in riesumazione ed asporto quando la marachella è stata disvelata) trovi un riscontro nella divulgazione di un dato che appare oltremodo elevato sia in fatto di ‘celerità’ nel suo raggiungimento che in considerazione proprio della contestualità della sua divulgazione con il farsesco, mirabolante episodio della discarica abusiva.
    In fatto poi di ‘lezione’ a lorsignori per l’episodio delle Astre, sembra che certa autorità tutoria abbia fatto visita in Municipio e subito dopo il ‘tappeto’ e quanto sotto di esso nascosto sia sparito…
    Mi chiedo però: con la documentazione fotografica, fornita su questo Blog, dell’intera faccenduola, la Forestale provinciale potrebbe sempre intervenire in maniera più pressante e far pesare la ‘negligenza’ (vogliamo chiamarla così?) con una sanzione pecuniaria come prevede la legge. Senza contare che il doppio lavoro (coprire, scoprire, trasportare altrove ecc.) avrà avuto certamente un costo salato (chi dice 10mila, chi dice 12 mila Euro) che sarebbe giusto venisse saldato dai responsabili, senza intaccare le esangui casse comunali…

  9. rabis
    17 Giugno 2011 @ 07:13

    Mi sorge un dubbio: se Lozzo è arrivato al 92% di quanto è aumentata la quantità di secco nelle frazioni di Pinie e Cima Gogna? Se qualcuno ha dei dati ….

  10. i parcheggi del campo sportivo, l’Opera Romana Pellegrinaggi e la pio-massa » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    17 Giugno 2011 @ 08:34

    […] oh che meraviglia, al campo di Lozzo è ancora ferma lì quella ramaglia […]

  11. frank
    17 Giugno 2011 @ 08:41

    @rabis
    beh, Piniè è frazione di Vigo; Cima Gogna di Auronzo. A meno che i lozzesi non facciano…turismo “scoaze” (ipotesi che non prendo in considerazione)

  12. talaren
    17 Giugno 2011 @ 12:17

    @frank,
    prendi pure in considerazione qualsiasi ipotesi, non siamo tutti santi nemmeno qui (non è il comune il primo a dotarsi di discariche abusive?).
    Tralasciando questi casi, se la percentuale è stata calcolata correttamente, si riferisce comunque ad un periodo non significativo, la raccolta è appena iniziata, c’è gente che sta ancora aspettando di riempire il bidone per la prima volta, ignorando il fatto che per quest’anno non vengono ancora conteggiati i conferimenti.
    Abbiamo poi anche “ricicloni interessati”, quelli che si aspettano un notevole calo dell’imposta sui rifiuti; quando si accorgeranno che così non è (o che per quest’anno si paga ancora a metro quadro), vedremo come cala la percentuale…
    Naturalmente spero di poter essere smentito e che Lozzo diventi veramente un modello da cui gli altri possano prendere esempio, ma per il momento non vedo ancora il caso di fare tutta questa pubblicità sul gazzettino!

  13. Viva la Puglia
    17 Giugno 2011 @ 12:50

    @Talaren,
    osservazioni corrette, puntuali e… pertinenti…Complimenti soprattutto per la critica allo smaccato trionfalismo. Magari fosse così e le cifre venissero confermate da un trend positivo di medio periodo!! Temo, invece, che si tratti di ‘trionfalismo’ strumentale che fa il paio con la vicenda discariche…

  14. picon
    17 Giugno 2011 @ 17:25

    @talaren,anch’io sono un disinformato che pensava venissero già conteggiati i conferimenti.Pasienza. In famiglia ci siamo abituati a dividere, direi scrupolosamente, i vari rifiuti e questo penso possa succedere a tutti. Quindi, a parte la pubblicità ingannevole fatta, penso sia quello che tutti cercavamo di ottenere. Meno immondizie e meno tasse.
    Sono certo, sempre rapportandomi al mio nucleo famigliare, che produciamo molte meno “scoazze”. Un appunto che farei agli amministratori, ovvero all’ufficio tecnico, è che secondo me dovrebbero verificare se non c’è la necessità di aumentare i prelievi dagli altri cassonetti, ho notato che in diverse parti del paese rimangono a lungo strapieni. Quindi non dobbiamo farci nessuna meraviglia se poi troviamo dei rifiuti al loro esterno.
    Sane.

  15. talaren
    18 Giugno 2011 @ 01:10

    @picon
    giustissimo, me n’ero dimenticato: settimane, a volte mesi, con i bidoni che traboccano (e non si parla di un singolo bidone, ma dell’intera distribuzione sul territorio comunale), zone non coperte per centinaia di metri da VPL e carta (le borse con il vetro e la carta pesano, farsi un bel po’ di strada con un carico di rifiuti per poi magari trovarsi i bidoni pieni,.. e ti girano… mi vien da pensare come facciano poi gli anziani…), bidoni dell’umido tanto puliti da allevare centinaia di mosche pronte ad assalirti appena tenti di conferire il rifiuto (e non sono un tipo schizzinoso, parlo di veri e propri assalti alla persona!).
    Trionfalismi, come dice @Viva la Puglia, atti a vantarsi con l’opinione pubblica esterna al paese, ma all’interno, per molti, sanno un po’ di presa per…

  16. Uno di Prou
    18 Giugno 2011 @ 10:06

    A Prou mancano addirittura i bidoni per il vetro-lattine-plastica e per la carta-cartone. Si vede che le nostre tasse sono diverse da quelle degli altri concittadini. Giustamente dice Talaren e gli anziani ed vecchi? Non si pensa anche per loro? Che poi vengano ancora per le porte a vedere del mio voto che li mando a cag..e!

  17. Attilio Bianchi
    18 Giugno 2011 @ 21:01

    @uno di prou: si vocifera che il camion per la raccolta delle campane VPL è troppo grande e non passa, urgerebbe una soluzione…. ma par luore tempo no mancia e la calma e la virtù dei forti….. fin cuanche chi che no viagia a ritmo 27 del mes no se rompe i zebedei…. sane

  18. La differenziata, se a Prou ci fossero le campane per il vetro e per la carta? Almeno al 99% … » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    19 Giugno 2011 @ 14:06

    […] raccolta differenziata ed ultimamente partorite dall’amministrazione (da un commento di  Uno di Prou): A Prou mancano addirittura i bidoni per il vetro-lattine-plastica e per la carta-cartone. Si vede […]

  19. Analfabeta
    20 Giugno 2011 @ 08:52

    Pian tosate ke i e davoi fei un sforzo sovrumano do par Broilo, po’ tociara’ anche a voi, calma ! ! !

  20. ma allora, che cos’è l’accumulo di ramaglia presso il campo sportivo di Lozzo di Cadore? » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    20 Giugno 2011 @ 12:40

    […] cos'è l'accumulo di ramaglia presso il campo sportivo di Lozzo di Cadore? In un mio precedente articolo sull’argomento mi ripromettevo di approfondire… “tra il serio ed il […]