13 Comments

  1. bepi sgorla
    13 Marzo 2010 @ 09:25

    Io, a suo tempo, l’avevo semplicemente definito “Palazzo Mubarak” per sottolineare come la sua collocazione sarebbe stata ideale in Egitto, non in un paese di Montagna. Vedo che la tua fantasia, caro Danilo, è più fervida della mia, ma entrambi abbiamo reso bene l’idea. I nostri vecchi erano adusi a “licenziare” proverbi di una saggezza unica… Al caso di specie si attaglia bene quel detto che ricordo, grosso modo, così: “Gusti é gusti, disea chel che se ciuccea le ciauze”. Interessante sarebbe che la Minoranza (sarà in grado?) verificasse il costo per progettazione preliminare e definitiva, per l’assistenza lavori e quant’altro e poi rendesse il tutto di pubblico dominio… Arte sarà anche arte, la modernità sarà anche questa, ma l’occhio vuole comunque e sempre la sua parte… La diversificazione delle commesse progettuali servirebbe, oltre che per far giustamente “mangiare” una pluralità di soggetti, anche per variare opportunamente gli stili architettonici. Spero di essere stato chiaro.

  2. pagaapo
    13 Marzo 2010 @ 14:17

    Bondì, son ancora cà! no e da feise maraveia de ‘sta schifeza…par no definilo ‘n còmedo. parchè se trata veramente de ‘n obrobrio. Ma ‘l se lea ben co la cesa nuova e ‘l condominio dei borca……duto ‘n parfèto stile Cadorin, come anche le fabriche fora par Piniede coi cuerte zenza ale e tonde. Vien da ride par no piande e….scusa tanto Caro Danilo se lo digo, ma pensà de entrà (o de feine riconose) come dènte Ladina co le so tradizion ecc. e daspò vede ‘ste robe ca vien sieriaente da domandase…….ma chi che guarnea al paes quan che i domandea de fei su ‘sti “cèse” vardeieli i progeti o i lasea fei su pur che i faze? volarae vede se un citadin “normal” domandase de fèi su ‘na ciasa o ‘n palazo con chele carateristiche, chele forme, chi materiai e vede se i lasa fèi…….. ma forse a autre le rason.
    Ma ‘l pèdo e che chel che e stòu fato restarà par ane e ane e sote i òce de dute ‘n modo che dute vedarà ‘na scarpa e ‘n zocol.
    Sane a la prosima.

  3. Barnabo canon
    13 Marzo 2010 @ 14:59

    Son du a Genova e ei vardou pardavoi na imbacazion da crociere, ei pensou la podarare somea, ma chesta e pi bela. Po me son dito almanco chela ha la piscina e no la è in piaza de Loze….

  4. zorro
    13 Marzo 2010 @ 15:07

    E chel che é pedo, caro Pagaapo, é che i se vanta de avé ottegnù ‘l finaziamento regional, come se chi no fosse schei de dute neautre, come se fosse schei regalade da chissà chi. Invenzi é schei de dute i cittadini, biciade ‘nte chel bel obrobrio. Spende 900mila Euro (no sei se i bastarà) par na roba del genere, a me modo de vede, vo dì seguì la politica ‘n voga dal Volturno ‘n do. Asto capiu l’antifona?! ‘L criterio dei nostre vece l’é du a feise benedir. ‘N cuoi comanda chi che se ciama “oligarchi”, omin zenza nesun criterio, pien de boria, che crede de avé sempre reson. Volgarmente, se può dì però che i la fa sempre fora del vas…., ma a Loze, a la fin fin, i li vota sempre. Se vede che va ben così!! Sane.

  5. pagaapo
    13 Marzo 2010 @ 16:25

    Zorro……’sto palazo, tradusesto a “la Danilo”… e come la colazion co ‘i crauti e la nutèla….. ‘l se sposa perfetamente co’ l’ambiente de ‘ntorno.
    E da augurase che almanco quanche i buratinai va a dormì dute ‘ste robe i porte via la son coi pensieri de le ca…e che ià fato.
    Pèdo sarae se i se ‘ndormenza subito beandose de ‘ste malegrazie.

  6. BIANCHI ATTILIO
    14 Marzo 2010 @ 06:09

    Al bel de Loze e che l’ e come che era l’ stomego de Barba Zuilo…..al padise duto…”la tenda d’ israele”,”al condominio d’i Borca” e anche, speron ultimo,”olcoloz”.Va però recordou che 300.000€ e stade stanziade con la cassa mutui depositi e prestiti, ia beteste al comun, skei solo de ki da Loze, con chi skei se betea a dì la casera de le armente par fei al formai de Loze e vegnia fora anche ‘n macelo comunal……..sane

  7. Danilo De Martin
    14 Marzo 2010 @ 08:34

    Marnifo, te me bete n crisi. Laseme scrive n talian …
    Nel tuo sintetico commento, che non pubblico, usi una espressione che potrebbe essere interpretata come offensiva. Mi spiego. Tu citi anche un nome, e fin qui niente di male. Io, per esempio, non ho parlato di Boni, l’architetto che ha progettato il corpo aggiunto di Palazzo Pellegrini, quella che ho chiamato la “Cosa”, perché non è Boni il “mio problema”. Quando dici “se te vo fei algo a loze…va da boni” oppure “morale dela storia chisti “eletti” senza boni no i sa fei niente!!!”, tutto OK. E’ la parte centrale relativa alla “schifezza” che potrebbe suonare offensiva. Perché tu non fai capire che si tratta di una “schifezza architettonica”, quindi di un giudizio di carattere estetico. Anche io non ho esitato a definirlo “olco”, definizione che mi suggerisce la mia capacità di “giudizio architettonico”.

    Gli architetti definiscono le “schifezze” da loro prodotte così: “uso inconsueto degli spazi“. Se tu Marnifo avessi scritto …”se te vo fei un uso inconsueto degli spazi a loze…ciama boni” avrei potuto pubblicare “tal quale” il tuo commento, perché il tuo giudizio avrebbe avuto una valenza architettonica.

    Dopo i politici, e ben distante da essi, gli architetti sono i più grandi mistificatori della realtà. Insieme ai politici sono gli unici che, anche se fanno “schifezze”, pardon, “uso inconsueto degli spazi”, percepiscono comunque un lauto onorario.

    N.B. gli onorari sono così alti perché una parte di essi vengono usati per sostenere i supporter che, a comando, devono tentare di convincerci che “quella schifezza” è tale perché noi siamo zoticoni. Se non lo fossimo, sarebbe sublime ed immortale arte.

  8. la sede Unesco a Lozzo di Cadore presso Palazzo Pellegrini » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    14 Marzo 2010 @ 07:41

    […] Alcatraz … Alcaloz … Olcoloz […]

  9. Danilo De Martin
    14 Marzo 2010 @ 09:37

    Non c’è trucco, non c’è inganno.

    Qualcuno mi ha detto che ho “artefatto” l’immagine, che se fosse espressa con l’insieme degli altri edifici “sarebbe tutto diverso …”.

    E’ vero, ho artefatto l’immagine, nel senso che l’ho scontornata per rendere al meglio la sublime armonia delle linee. Il contesto l’ho poi presentato attenuato, come si usa spesso in questi casi. Ma se lo si vuol vedere per intero, nessun problema. Ecco la “Cosa 2”.

  10. pagaapo
    14 Marzo 2010 @ 08:45

    Tilio,… ma sesto mato…. chi…da Loze à da fèi algo autro….la casera de le vace la e Tarfernerizada…chi da Loze no à pi voze… (se par chel gnanche vace….a quatro giambe… a doe diverse)…’n capitol…. e pò se i va su pa la monte i vede che che vien fato da la “banda” de le dopiete e de chi de “le baite” e chesto no va ben. La monte la e solo dei luore….guai a ‘ntrigase.
    Scherzo, sarae ‘na bèla alternativa visto ‘l periodo de crisi de ‘ntin de duto.
    Se podarae (dènte da Loze) seà le vare ciapando anche i contributi che ciàpa Taferner, ciapà i contributi pal pascolo dele bestie….però (e sempre un però), par l’inverno bisognarae che cadò a fondoval sea ‘na stàla ‘n grado de tegnile inte dute (bisognarae fèila….anche chesto crearae ocupazion); bisognarae che dopo la dènte, almanco de Loze, capise che ‘l late, la carne ecc. e da comprali da ‘sta “società”…l’idea l’e bèla….. svilupandola, forse, con le ideee de Roberto e de Mauro (e magare anche de calche autro), la podarae ciatà aplicazion.
    Su sta roba cà, come anche su autre robe che te avèe proposto, “i buratinai” dovaràe fei ‘na bèla riflesion….ma come che èi dìto prima e dei ‘ntarès (anche se miseri) che se scontra. Dì sul pulpito e preà che “‘l Signor li guide” e nuncià prinzipi sane e giuste e ‘na roba….dopo fei chel che se vò e ‘nautra (basta vede la trasparenza de publicà su ‘nternet le delibere par intiero….. fin che era ‘n pè l’aministrazion de Sandro le vegnìa publicade… poco dopo che e dude su sti cà …basta… se no la dènte vien a savè masa e no va pi ben…..e come che era la mesa na òta…’n latin che la dènte ripetèa a memoria le parole e no capia ‘l significato e guai che i liedese la bibia parchè che èra roba dei pree….)
    Sane…. par adès basta così se nò rua ‘l diau e me ‘mpira con a forcia o ‘l me brusa.

  11. bepi sgorla
    14 Marzo 2010 @ 19:28

    Pagaapo,
    Il vero motivo per cui “lor signori” hanno smesso di pubblicare su internet il contenuto delle delibere (e si sono limitati ad elencare soltanto oggetto e numero cronologico) è stato in verità perché, all’ inizio della scorsa Legislatura, un redattore del Corriere delle Alpi è andato a spulciare in una di queste delibere ed ha trovato significativo e degno di nota un intervento scritto del capo gruppo di minoranza dell’epoca, vertente sulla questione “Caserma di Sora Crepa”. Il giornale ha scritto qualche cosa che ha fatto mandare in bestia “la compagnia cantante” e così è scattata la farsesca censura. Il “Gatto” ha fatto lo sgnorri, mentre la “Volpe” si è anche meravigliata delle critiche della gente giacché, bontà sua, ha affermato che le delibere “sono perfino esposte all’albo pretorio del Comune”… O ci crede fessi tutti quanti o proprio non sa che l’esposizione è prevista per legge e con termini temporali ben precisi.
    A questo punto siamo arrivati al Furbicipio!!!Hai ragione tu, meno la gente sa e meglio è (per loro). E neanche si vergognano quando qualcuno gli fa presente che altri sindaci della zona, più democratici, questo sistema divulgativo moderno lo usano da tempo.Devono essere stati a lezione da un certo personaggio che va ora molto di moda… E poi non mi sembra bello che abbiano modificato quasi subito una metodologia divulgativa introdotta dal compianto Sandro Da Pra.

  12. BIANCHI ATTILIO
    14 Marzo 2010 @ 20:14

    @pagaapo: caro pagaapo, a so tempo, maggio 2009, ero desto a vardame i contributi UE e par ciapali volea avé da 55 vace ‘n su, d’ istade se podea betele ‘nte stala de Luzio mosito, lui me disea che se podea fei….. par comprà na linea da 800 lt. par fei formai a norma volarae dai 40.000 ai 50.000€ ….. al pastor dovin l’ avaresone anche ciatou… da loze … ma disea tu a Loze par fortuna avon dute na paga che rua da Roma e de secondo mestier don a caza…chè ocorelo fei al “formai de la monte” o ‘l “Salame de San Laurenzo”. Ade son davoi pensà de fei “La compagnia del ciodin”, son belo ‘na desina, po don dute da metà setembre su par la val d’i poorse, valsalega, ciampeviei a ciantà da le zinche de bonora e a curà su ciodin….. Duto chesto po someà fora luogo rispeto a Olcoloz, ma con chi 300.000€ de la dente de loze, voi di senza “vincoli”, se podea da laoro a doe o tre persone, fei guadagnà ‘n franco a tanta dente e ‘norgoglì al paes……cosi ki skei a olcaloz no da laoro a nisun e al restarà voito e fredo come l’ auditorium e la caserma de soracrepa…. sane e grazie

  13. elementi del degrado urbano lozzese: il palazzo Pellegrini-Mubarak – apriti sesamo! » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    28 Luglio 2010 @ 08:48

    […] forme di degrado che sfuggono alla nostra percezione. Il palazzo P-M è una di queste. Non perché sia un olcoloz, valutazione di carattere meramente architettonico, ma perché risulta ancora chiuso, nonostante i […]