6 Comments

  1. talaren
    21 settembre 2011 @ 10:33

    Ogni tanto mi chiedo se Bond capisce quello che gli esce dalla bocca. A cosa serve a noi, bellunesi, montanari poveri, il taglio dell’autonomia dei cugini ricchi. Con i soldi che ci tornano ora non riusciamo a sopravvivere, con gli stessi soldi che ci torneranno poi idem, solo ci troveremmo in buona compagnia (forse). Filosofia del mal comune mezzo gaudio, vorrà dire che tireremo avanti a proverbi…
    Mi ricorda quello che ha detto: “Mi son dovuto alzare alle 4 stamattina; ho acceso la radio al massimo, non vedo perché se sono sveglio io gli altri debbano dormire”…

  2. il presidente di Federalberghi Belluno Dolomiti testimonial della sindrome di Stoccolma » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    9 agosto 2012 @ 14:39

    […] da un bellimbusto politichese come Bond posso capirlo, ma non da chi vive il dramma della spudoratezza di uno Stato italiano che […]

  3. dai parlamentari veneti: auspicata una proposta di legge riguardante i troppi privilegi delle ‘speciali’ » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    3 settembre 2012 @ 16:17

    […] aquila sta volando nei cieli bellunesi. Auspica dunque, l’illustrissimo De Martin seguendo le orme del tisaniere, che tutti i parlamentari veneti riescano a sottoscrivere una proposta di legge riguardante i […]

  4. anonymous
    7 settembre 2012 @ 16:07

    Bond ha ragione da vendere.
    L’autonomia del TAA è anacronistica e quella della provincia di Trento è un insulto alla Storia!

  5. Danilo De Martin
    7 settembre 2012 @ 18:03

    Ok, oltre alle tisane può provare a vendere anche le sue ragioni, magari ne viene fuori anche un business. La storia è sempre quella: non è togliendo agli altri l’autonomia che si risolvono i problemi della provincia di Belluno. Quello che bisogna fare è lottare per ottenere le stesse prerogative d’autonomia. Purtroppo il PDL non ha alcuna idea di cosa voglia dire autonomia e federalismo e continua a farci mungere da Roma per riempire le casse di buona parte delle altre regioni.

  6. quelli del PDL, la specialità veneta e gli asini che ragliano » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    5 aprile 2014 @ 10:12

    […] del PDL (Bond in quel caso) ragliavano contro la specialità e l’autonomia di Trento e Bolzano (quello che segue è solo un esempio […]