2 Comments

  1. Massimo
    13 luglio 2012 @ 17:07

    Questi dati più che ‘liberati’ mi sembrano in libertà condizionata. Fornire una tabella sotto forma di una scansione in PDF che senso ha nel 2012? Se proprio non volevano fare i brillanti (usando un formato Open), almeno un Excel sarebbe andato bene. (link: http://www.dolomitiambiente.com/news/comunicati/)

  2. Danilo De Martin
    13 luglio 2012 @ 17:17

    @Massimo, ssssssst, fai piano che se il liberatore di dati ti sente è capace di toglierci anche il PDF (che come dici bene, delizia degli “open data”, è SCANSIONATO, neanche trattabile l’hanno reso) e … paff, cadiamo di nuovo nell’oscurità e ci tocca aspettare una nuova rivoluzione.