l'oscuramento di vajont.info, le copie di Google e le 'battaglie processuali' di Tiziano Dal Farra

Alcuni sapranno che l’oscuramento di un sito per irraggiungibilità dell’ ip cui è associato (ciò che è successo a vajont.info nei giorni scorsi), non comporta necessariamente l’oscuramento totale dei contenuti del medesimo. Google, per esempio, tiene traccia delle pagine memorizzando una loro copia cosiddetta “cache”, che normalmente non è oggetto di oscuramento.

Cercando su Google site:vajont.info (l’operatore site: permette di elencare solo le pagine relative al sito specifico), quindi, si possono visualizzare i link che al momento risultano non raggiungibili ma, al contempo, è possibile visualizzare la copia cache di quella stessa pagina (non sempre e non per tutte e con qualche limite di visualizzazione). Per farlo basta passare col mouse sopra il link che si desidera esplorare così da attivare (sulla destra) l’icona delle “freccette laterali”, cliccando sulla quale è possibile accedere al link della copia cache.

Così facendo ho raggiunto questa pagina, delle tante disponibili, alla fine della quale Tiziano Dal Farra, dopo aver descritto alcune delle vicende processuali che lo hanno visto partecipe (per diffamazione), racconta sul video che segue alcune vicende legate alla sua battaglia ed alla tragedia del Vajont. Non che da questo piccolo frammento si possa farsi un’idea precisa di quello che rappresentava il sito vajont.info oscurato e l’attività del proprio responsabile, ma può rappresentare un buon punto d’inizio per chi avesse voglia di approfondire. Devo dire che il sito risulta ben più interessante di quanto volesse far credere in una sua dichiarazione  l’on. Paniz, cui si deve la denuncia (in tandem al prode Scilipoti) per diffamazione in seguito alla quale vajont.info è stato oscurato.

p.s. Un altro sistema per bypassare l’oscuramento di un sito è quello di collegarsi a Wayback Machine, digitare il nome del sito, e navigarlo … dagli albori ai nostri giorni (ovviamente il discorso vale anche per i siti perfettamente funzionanti, dei quali si può prendere visione di come i medesimi si siano evoluti dalla nascita al momento dell’osservazione).

2 commenti per l’oscuramento di vajont.info, le copie di Google e le ‘battaglie processuali’ di Tiziano Dal Farra

  • Ciao.
    Io sarei l’interessato. Sì, abbastanza buona – ma inutilmente farraginosa – l’opzione “cache di Google”.
    Suggerirei di usare semplicemente i DNS di Google http://www.webnews.it/2012/02/15/google-public-dns/
    e il vajont.info, e qualsiasi filtro/censura svaniscono alla velocità della luce. Come ben sanno i cittadini di Siria, Iran, Cina & Corea del Nord. Mancava giusto un testadipaniz per farVI diventare come LORO.
    Poi, ovvio, ci sono decine di alternative da vent’anni. Ma qualche *ignorante* zelante non ne aveva ombra:
    COPIARE/FAR GIRARE/DIFFONDERE (grazie!)
    –>> Per vedere questo e/o altri siti bloccati basta cambiare dns.
    Una guida su come fare la trovate qui: http://www.cambiodns.com/home.php

    O utlilizzare provider come questo: http://www.comodo.com/secure-dns/

    Con pazienza.
    Provate prima questo (e se non lo vedete…) http://www.vajont.info/libri.html
    … proverete quest’altro metodo: http://anonymouse.org/cgi-bin/anon-www.cgi/http://www.vajont.info/libri.html

    Morale: fatevi un segnalibro di QUESTA paginotta:
    http://anonymouse.org/anonwww.html e digitate/incollateci il link che “non si apre”.
    In Verità in Verità vi dico… Fate questo, in Memoria di me. Amen.
    ==========
    http://it.kioskea.net/faq/612-modificare-il-file-hosts
    Se il sito http://www.vajont.info è elencato nella lista dei siti consentiti del file Hosts, l’accesso è immediato. Se il sito è elencato nella lista dei siti vietati nel file Hosts, l’accesso è bloccato.
    Ma, se non si trova nel file, il vostro provider (ISP) che si collega con l’indirizzo IP del sito richiesto.
    Modificando il file Hosts, è possibile :
    – negare l’accesso a determinati siti,
    – accelerare l’accesso a siti che si preferisce e di cui si conosce l’indirizzo IP,
    – eludere il divieto di accesso ai siti di sicurezza causati da alcuni programmi dannosi.
    Modificare il file host è semplice, gratuito, innocuo e reversibile.
    COME modificare il file Hosts ?
    Dove si trova il file Hosts originale?
    – Il file originale Host si trova qui —> C:\WINDOWS\system32\drivers\etc\hosts
    :::::::::

    Dessert: Dear Tiziano Dal Farra,
    Thank you for continuing your Web site hosting with GoDaddy.com!
    In accordance with your hosting agreement your account has been charged for the hosting period.

    RECEIPT NUMBER: 405379729
    CUSTOMER NUMBER: xxxxxxxxxxxxxx
    QTY ITEM PRICE
    1 Hosting – Web – Deluxe – Linux
    – 1 year (recurring)
    Length: 1 Period(s) € 60.24
    1 Hosting – Shared – Deluxe – Linux – Renewal – 3 years (recurring)
    Length: 1 Period(s) € 188.82

    1 Hope for Haiti Donation € 0.64

    Subtotal: € 249.70
    Shipping & Handling: €0.00
    Tax: € 52.30
    Total: € 302.00

    (e… Alè…. Ciao, Calpurnio. Altri tre anni di *oscuramento* garantiti: rasségnati. Rassegnàtevi)

    Colgo l’occasione per ringraziare una volta di più chi me li ha prestati
    Ciao

    Skype: Tiziano Dal Farra; mail: tiziano@vajont.info; cell/SMS: 3396503360

  • Ciao.
    Finora, ho visto/letto passare di tutto, da parte di gente (o presunta tale, giornalisti/blogger o presunti tali) che a differenza vostra non hanno mai aperto/saputo dei contenuti di vajont.info.
    NOTIZIA: aggiornata ieri QUESTA paginotta qui.

    http://www.vajont.info/sequestro226providersIT.html

    COLLE ISTRUZIONI per l’uso, e qualche opportuno link da CLICCARE.
    E speriamo…
    Moltissimo ALTRO MATERIALE foto/video nei MIEI albums PUBBLICI di FaceBook (chi ce l’ha): https://www.facebook.com/media/albums/?id=1478315756

    Grazie (scusate il disagio, STO lavorando per VOI)
    ..::::::
    Teseo: “Mi chiedo se anche il leone avrà qualche sua battuta da dire”.

    Demetrio: “Non c’è da meravigliarsene, signore. Può ben dire la sua il leone, quando ci son così tanti asini in giro a dir la loro” (William Shakespeare)