raccolta differenziata a Lozzo di Cadore. Caro sindaco, i conti non tornano ...

Il sindaco di Lozzo di Cadore insegna matematica alle medie, quindi non dovrebbe essergli difficile dare risposta al seguente quesito, trattandosi peraltro di matematica elementare.

Il nostro aveva dichiarato che alla fine del’anno 2010 la raccolta differenziata era giunta al 61% (qui articolo del Gazzettino del 28.12.2010). In una successiva dichiarazione (qui articolo) assicurava che già con il mese di maggio 2011 la differenziata era giunta al 92%. E’ poi del gennaio 2012 la conferma del 90%.

A parte che il sindaco, che da solo sembrava avere qualche difficoltà ad arrivarci, pare che sotto sotto abbia intuito che il 10% di secco non dà alcuna garanzia che la differenziata sia del 90% (percentuale alquanto elevata e poco verosimile), dipendendo essa da cosa si getta nelle campane: se trovi pezzi di suocera nella carta o nella plastica non puoi dire di aver differenziato; si tratterebbe di sapere quanti rifiuti (scoaze vere e proprie) vanno a finire nelle campane della differenziata (o anche via dai Rin come osservato da @talaren). Ma l’Ecotont queste cose le dovrebbe sapere, perché non è che può conferire “a la vaca” ai centri preposti: vedremo col tempo (forse) a quante sanzioni andrà incontro.

Detto questo, torniamo alle nostre percentuali. Bisogna fare due semplici ipotesi: se la percentuale del 61% era raggiunta a fine 2010, come decretato dal sindaco, mi ritengo autorizzato a pensare che sia la base di partenza per il 2011. Inoltre, siccome il “guru della differenziata” sostiene che già con maggio 2011 si è raggiunto il 92%, mi ritengo autorizzato a pensare di poter spalmare, in crescendo, la differenza fra 92 e 61 (il 30%) fra i mesi di gennaio, febbraio, marzo e aprile: 30/4=7.5% di crescita mensile (che è più logica del pensare ad un salto “quantico” da 61 a 92 in un solo colpo, ovvio no!).

Ecco quindi stabilite le percentuali medie per i mesi di gennaio (61 + 7.5/2) 64,75%, febbraio 72,25%, marzo 79,75%, aprile 87,25% (da maggio a fine anno 2011 galoppiamo al 92% di raccolta differenziata e chissà, fors’anche oltre).

Ora, la somma dei primi 4 mesi fa 304, mentre da maggio a fine anno sono 92 x 8=736 che danno un totale generale di 1040 che, diviso per 12 mesi, dà la media di 86% (media che è di 85.3% se si considera la differenziata da maggio al 90% invece che al 92%). Secondo i dati resi pubblici dal sindaco, la media della raccolta differenziata per il 2011 dovrebbe essere dell’ …

 

86% !!!

 

Domanda rivolta al sindaco/Archimede: se la media così calcolata (ed il metodo mi sembra ragionevole) dovrebbe essere dell’ 86% con i dati da te più o meno trionfalmente decretati (e sopra documentati), come mai la media ora è, sempre da te dichiarata, del 76%. Dove si sono persi ben 10 punti percentuali ?? Io qualche idea ce l’ho.

Ah, mi dimenticavo. Non ho cambiato idea, naturalmente. In questo campo …

sei sempre uno zero (610).

4 commenti per raccolta differenziata a Lozzo di Cadore. Caro sindaco, i conti non tornano …