31 Comments

  1. MAZARUO
    21 Luglio 2010 @ 12:27

    io penso danilo che se dovessi sceglere tra vedere il nostro vigile per i boschi o vederlo per il paese opterei senza dubbio per la seconda . vederlo ai campetti specialmente è una cosa abbastanza rassicurante per chi ha li figli nipoti ecc.per quanto riguarda velezza vuoi che prima di cominciare i lavori non si sia pianificato un piano per la destinazione del legname ai legittimi proprietari e una confinazione a fine lavori ?

  2. Danilo De Martin
    21 Luglio 2010 @ 12:52

    @mazaruo,
    in medio stat virtus. Non si tratta di andar per boschi “a ston”, ci mancherebbe, ma di presidiare il territorio quando c’è il bisogno di farlo. Nell’articolo ho ripreso a rimettermi la cintura di sicurezza, salutavo il ritorno della polizia locale dopo la parentesi “pievana” proprio perché si sentiva la vera e propria mancanza della presenza della polizia nel nostro paese. D’estate il territorio (in senso esteso) “brulica” di iniziative più o meno lecite (per non lecito intendo anche lo scorrazzare di varie tipologie di mezzi su e giù per la strada di Val da Rin senza permessi).

    Per quanto riguarda le modalità di pianificazioni cui accenni, è naturale pensare che dovrebbe essere proprio così come tu preventivi. Ma allo stesso modo è innaturale che l’amministrazione impedisca alla nostra guardia di esercitare la funzione di presidio del territorio, almeno quando si affronta un lavoro come quello di Veleza. La famosa battuta di Andreotti (a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca) è valida a tutte le latitudini.

  3. Oltrepiave fan
    21 Luglio 2010 @ 16:15

    Scoltà Tosàte!…..podè anke dime che no e fati miei(o nostre),ma ve deo distèso n’consiglio:…n’venzi che potadà (fine a se stesso)su un laoro che e da “tanto di cappello”ala vostra Aministrazion,parkè no ve proponè par algo de alternativo,ma sui fati e no sule parole!…kesto ve lo digo par esperienza,visto che n’Oltrepiave e al steso molìn:dute chi che fa sbaglia,ma chi che no fa nuja no sbaglia mai!!!….alora,visto che se persone intelligenti (spèzie tu Danilo),therka de dialogà pède la dente che therka de fèi algo,no pède chi sfondrade che no fa nuja e sa nome che batolà ,anche parchè ke tu te as dòu laoro a n’grumo de dente e lustro al Cadore:me racomando fèi pulito!

  4. Danilo De Martin
    21 Luglio 2010 @ 17:20

    @Oltrepiave fan,
    sul laoro n question no poi ncora di niente. COmuncue sapia da subito che e masa fazil dì che le centrai le serve. Le serve se le porta schei. E n teoria le dovarae portà schei, ben pì dei npiante fotovoltaiche. Io no critico al laoro (par ades) ma al metodo con cui se ncioda la guardia a fei … da guardia ai giate. No ei dito che la strada la e fata mal. Zerto me domando se l traciato dela strada (la quarta foto a dì ndo) no sea stou cambiou “in corsa”; zerto me domado, visto al potoro de duto chel material (leda mbombada, stesa foto 4) che raza de drenagio che i abie fato (doe pere, viste io niere). Là vegnarà senpre fora aga e la strada ziedarà, se i la lasa così. No ncuoi o doman ma la ziedarà. Na roba te digo: la dita che à fato nte i ane che fu l acuidoto la e falida apena finiu. Chisti me sà che i é là là. Vado a nas: subapalto de n apalto tirou pai ciavei … se dopo i ciata croda dura (anche se da un euro al metro quadro) … Mah! Spero de sbaliame. N cuanto al dialogo, se no ve se acorte, io son davoi dialogà. Come che disea Sbaiser: no son io davoi, e luore davante!

  5. Oltrepiave fan
    21 Luglio 2010 @ 18:28

    Adè te as parlòu pulìto!

  6. MAZARUO
    22 Luglio 2010 @ 09:14

    TE DAO PIENA RESON DANILO A RIGUARDO DE LA GUARDIA, MA A RIGUARDO LA STRADA DE VAL DA RIN NO . NO VEDO PARCHE POCHE DE LUORE PO DI,(MOTOSLITTE ,CAZADOR,AMMINISTRATORI,AMIGHE DE LUORE)E LA DENTE NO, PER CUI CHI CHE VO DI VADE SEMPRE NTEL RISPETTO DE CHI A PE.VA VA VUMA….

  7. onesto
    22 Luglio 2010 @ 19:51

    caro danilo no sta di a vede i dane dela strada o dele piante ades va pitosto quan che i laore e finide visto che quan che se laora purtroppo po capita che inte sti laore se taie una pianta in pi o se la strise al di de n’quoi bisogna sta inte con le spese,pitosto fararae vegni a vede i beni ambientali dute chele scrite rose su pa le piante che fa schifo ,che a scrito calchedun, se scrive col fer da segno come n’ota,chi e dane par me…..
    e dopo voi vede se chi che se lamenta par i dane camina sula strada o do par le scarpade,visto che lainte e duto un crepo e anche meda palu’.

  8. MAZARUO
    23 Luglio 2010 @ 08:53

    onesto te ha reson , bisogna lasa la dente che laore n pas, chi laore no se li fa col spazolin da dente,dopo se bete a posto duto, se spera.ma al fer da segna e 30 ane che no se lo dora pi, sorpassato.ade usa le bombolette par vede le linee.

  9. Danilo De Martin
    23 Luglio 2010 @ 11:05

    @onesto, no e i dane ala strada o ale piante al problema, al conceto de controlo, verifica e tutela da parte dela guardia l é ntin pì general. La me esperienza me dìs chesto: quan che n caporeparto me disea “ei calche problema …” no deo a vede, me bastea savé che l avea la coscienza del problema. Quan che nvenzi me vegnia dito, “ca duto ben”, alora deo a vede. Chi che à taren à dirito de tutelase e segnà le piante come che i par. No esendo al scavator n cuciarin e meo che al vede i segne da distante (me meto ntela testa dei proprietari). A laore finide se po senpre pasà co la rinconela e giavà via l color “n pì”.

    @MAZARUO, la viabilità sule strade silvo-pastorali la é regolada da na lege regional; pasa chi che à l permeso. Par avé l permeso te dovarae avé dirito (n luogo). Podon discute sul parchè tizio à l permeso e Caio no. Ma se te lase dì chi che te vo sule strade, sea Val da Rin sea Cianpeviei sea autre, te vedarae pian pianin la colonisazion dele gip, metà le sarae targade VE e soralduto TV. E po’ siente chesta: chi dele baite de Quoilo à sistemou la strada par di da le so baite. Ades calche dovinoto pasa la domenia co la moto e rompe le bale. E alora i taca a dì par comun a vede chè che se po fei …

  10. MAZARUO
    23 Luglio 2010 @ 12:16

    DANILO hai sempre ragione ma io intendevo il permesso ai residenti e forse anche ai gnoche, sara giusto avere qualche agevolazione in piu o no ?

  11. Danilo De Martin
    23 Luglio 2010 @ 13:12

    In linea di principio SI. Se fossimo in grado di comandare sulla Nostra Terra un doppio SI. Ma non è così. E quindi uno degli avvocati di Padova (toni dea pierina dice in un commento che ce ne sono di più delle mattonelle del tribunale …) avrebbe gioco facile a stabilire che … o tutti o nessuno. E in nome del popolo italiano saremmo … “condannati”.

  12. toni_dea_pierina@libero.it
    23 Luglio 2010 @ 16:17

    Ma non è possibile chiedere un accesso e sopralluogo a: ;1) Guardia Forestale; 2) Polizia Provinciale

  13. gigio
    23 Luglio 2010 @ 19:00

    E ke no sea la guardia che no vo di pai bosche? Pi de calke me amigo me ha dito ke kesto e kel ke se siente di in giro. Se polo Danilo savè algo de preciso?

  14. Danilo De Martin
    23 Luglio 2010 @ 19:25

    @gigio, niere me e vegnesto a ciatà al vicesindaco che me à spiegou al so ponto de vista reguardo a la posizion che l aministrazion à sule multe e sula bataglia che i à fato da 6 ane a sta parte par sbasale. Doman dovarae podé scrive su sto fato e me piasarae afrontà, ntel contempo, la cuestion che te evidenzie tu. Par cuanto posibile. A doman …

  15. la lotta alle multe dell’amministrazione di Lozzo di Cadore » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    24 Luglio 2010 @ 09:14

    […] amministrazione combatte la battaglia contro le multe”. Tutto ciò in relazione all’articolo mentre a Faé-Veleza si sbanca il territorio, la guardia comunale di Lozzo di Cadore è costretta a … da me scritto il giorno prima, nel quale sostenevo che, visto che palesemente la guardia comunale […]

  16. Analisi
    24 Luglio 2010 @ 09:31

    Gigio, scusa se te lo digo, ma te par che un dipendente publico al pose fei chel chel vo? No credo proprio, se no volare di che al stradin, se l vo, no l scoa pi le strade, che l’impiegato no vo pi fei carte. Un podarà rifutase de fei chel che no i spieta ma no de no fei chel che no i comoda. Ma sone fora de testa?
    Iò cognoso Chile da tante ane, se podarae di da sempre – parchè che son pi vecio de lui, e èi anche na zerta confidenza e me par che l’e sempre du pai bosche e prima de fei la Guardia boschiva l’era nte la Forestal, l’avea studiou par chel. E da quan che i a fato al consorzio con Pieve e con chi autre comun che no l’èi pi visto girà su pa la monte e da autre parte come prima. Anzi, a di al vero, e da quan che e du su Manfreda che la so presenza n giro pai bosche la e vegnuda sempre manco e de seguro no a da ese par decision soe. Che adès al sea vegnù pi vecio e no l’abie pi le forze o la prestanza fisica de vinti ane fa poi capì, val par dute sta regola, ma da ca a di che lui pose decide chel che l’à da fei no penso proprio. No stason a da i numeri! No stason a desmentease che e chesta aministrazion che a giavou al vigile dal so posto e i a metu Chile al posto sò.
    Se rieso avè notizie pi precise fazo savè!
    Na roba poi dì: se a qualche dun i fa tanta spiza de savè come che e le robe basta fei dele nterogazion a l’aministrazion e no credo che la pose fei de manco de risponde. I publici dipendenti e pagade da la dente e penso che la dente abie dirito de savè come che va spendesto i schei par le paghe.
    Gigio, te saludo.

  17. Commento a Danilo
    25 Luglio 2010 @ 21:29

    Oggi, come mia consuetudine da alcuni lustri, sono stato alla festa delle Penne Mozze a Pian dei Buoi. Dopo i tuoi interventi e le tue allusioni al presidio e controllo del territorio di Lozzo, ho effettivamente accertato che da quando il nostro comune è amministrato dal Manfreda la Guardia comunale non è più presente sull’altopiano in concomitanza di questa ricorrenza.
    Negli anni passati, se non ricordo male, la Guardia accompagnava gli amministratori e svolgeva un servizio di indicazione a quanti giungevano in Pian dei Buoi sul dove parcheggiare i veicoli in modo da evitare fastidi o incomodi nella circolazione e non parcheggiare sui prati.
    Sarà una combinazione, saranno delle idee contorte, ma, in effetti, sembrerebbe che con questa amministrazione la presenza della Guardia a Pian dei Buoi sia proprio venuta meno.
    Poi, come dici anche tu, in diverse occasioni, chissà……? forse …. a pensare male a volte ci si azzecca.
    Comunque sia, come dice un detto datato, chi vivrà vedrà.
    Buona notte

  18. Danilo De Martin
    27 Luglio 2010 @ 09:36

    @Commento a Danilo: la vita corre veloce e spesso non ci permette di porre attenzione a cose e fatti che spesso succedono davanti ai nostri occhi. Le funzioni espletate dalla Polizia Locale – Guardia comunale interessano la gente solo quando ha multe da pagare … Il problema di fondo è che l’amministrazione di un paese non può relegare le attività della Guardia alla sola parte urbana del territorio come sta di fatto facendo, con una griglia oraria tutta da discutere. Ma quando mai, se non giustficandola con una oscura macchinazione “politica”, una amministrazione si permette DI NON MANDARE la Guardia comunale a controllare, tra l’altro in piena estate, il territorio di Pian dei Buoi e delle aree contermini? E’ chiaro che è una scelta politica. Ma siccome io sono un cittadino che si pone delle domande, voglio sapere perché devo pagare una guardia per stare sempre e solo in paese. Perché non viene mandato a presidiare anche il resto del territorio. Voglio sapere perché NO!

  19. Attilio Bianchi
    27 Luglio 2010 @ 16:05

    Sono sicuro che, come per la tangenziale de Ciampeviei, ci andrò una volta terminati i lavori e poi basta. Quando si dice “perdere completamente il senso della misura tra ciò che è necessario per il transito e ciò che è abominevole”, tutto il resto non è degno di commento….si commenta da solo….Po vedaron ko i taca man su da la Madoneta….Sane e bona autonomia.

  20. Danilo De Martin
    28 Luglio 2010 @ 09:36

    @Attilio, ti dimentichi di tutto il cemento armato che serve, lì ci devono passare le betoniere, caro mio. Secondo me sarebbe più sensato usare un dumper di dimensioni “convenienti” che fa la spola (e non è detto che non lo usino). Il fatto è che devono finire i lavori entro novembre altrimenti, sembra, saltano alcuni finanziamenti. Mah! Bona autonomia.

  21. Tiziano Da Pra Falisse
    4 Agosto 2010 @ 22:38

    Da lozzese vorrei solamente porre una semplice domanda.
    Sabato scorso mi sono recato in località molenies-faè e con grande sorpesa ho incontrato questa bella autostrada boschiva (non ne sapevo dell’esistenza poichè da più di un mese non mi recavo in quei luoghi) e con maggior sorpresa non ho più trovato traccia del laghetto posto sotto la cascata di Faè… la mia semplice domanda consiste in ciò: poichè il laghetto è stato coperto e il corso dell’acqua deviato???
    Ringrazio anticipatamente per i chiarimenti.

  22. Danilo De Martin
    5 Agosto 2010 @ 08:30

    Caro Tiziano, le casse dei comuni languono ed il nostro lungimirante sindaco si è messo in testa di emulare i mitici Baldovin degli anni ’30 (il mitico Leo sta facendo girare turbina e alternatore del ’29 ancor oggi). Prima ha provato con la centraluccola di Costa, ora con la centralina di Velezza, domani magari con quella a fianco di Leo (con architettura “boniana”, prevedibilmente …). Le centraline sono da tempo considerate fra le poche fonti di finanziamento cui i comuni possono, se riescono, attingere (quello di Pieve, per esempio, vuole sfruttare le acque dell’Anfela ma … non ci è ancora riuscito). In linea generale le centraline idrauliche oggi come oggi dovrebbero poterti garantire delle entrate. Dovrebbero. Il tutto è condizionato da una serie di problemetti, problemucci e problemini che possono diventare problemoni. Non è detto, insomma, che alla fine i soldi saltino fuori. E comunque se ne riparla dopo aver pagato le spese per la costruzione ecc ecc. Se chiedi al sindaco ti darà senza indugio il paino di ammortamento dell’opera e ti farà capire da quando intascherà il primo centesimo. In linea teorica potrebbe essere vero. Poi San Tommaso vorrebbe metterci il naso ma, come è intuibile, non glielo lasciano fare. Paura? Mah!

  23. Tiziano Da Pra Falisse
    5 Agosto 2010 @ 23:56

    mah… sarà l’autostrada Molenies-Faè… ma la faranno a pagamento???

  24. Danilo De Martin
    6 Agosto 2010 @ 07:29

    @Tiziano, solo la bretella che collegherà le baite de là dal rin … (par pagà i costi del ponte)!

  25. Tiziano Da Pra Falisse
    28 Agosto 2010 @ 20:46

    Caro Danilo.
    Torno a porre i miei soliti quesiti…
    quest’oggi ho fatto una camminata fino a Molenies e poi ho voluto proseguire fino a Faè.
    Giunto lì, nella mia testa si sono presentate alcune domande alle quali non ho saputo dar risposta, ovvero:
    1) Ma dove fanno questa centralina???
    al posto del “laghetto”? Vicino alla presa dell’acquedotto? dalla parte di Veleza?
    2) Ma dove sarà la presa dell’acqua? sopra la cascata? sotto di essa?
    non riesco a capire e a comprendere, attendo illuminazioni a riguardo.
    Grazie.

    Tiziano.

  26. Danilo De Martin
    29 Agosto 2010 @ 08:33

    Caro Tiziano,
    la centralina sfrutta il salto dell’acqua per produrre energia e quindi si deve trovare più in basso possibile rispetto alla vasca di presa o, meglio, della vasca di carico (se ve n’è una). Quindi la centrale va cercata … in basso, verso Cianpo. Ribadisco che non conosco i dettagli e che in quel di Faé mi sono recato una sola volta dall’inizio dei lavori ma: la vasca di presa sarà vicino alla “Madonna”, tanto per capirci, vi saranno poi le tubazioni che forzeranno l’acqua a cadere sulle pale di una turbina che sarà posta da qualche parte nella zona di Cianpo (accessibile da Faé ma più semplicemente da Cima Gogna).

    Tuttavia, caro Tiziano, in considerazione del fatto che questa opera sarà una fonte di entrate per il nostro paese (dopo aver pagato il costo dei fattori), il sindaco sta realizzando un plastico del progetto che metterà, al più presto, a disposizione del volgo al centro dell’auditorium. Con ogni probabilità, ora che anche loro hano capito dove sarà posizionata la centralina, ne verrà data notizia sul prossimo bolcom. Si tratta solo di aspettare.

    p.s. riguardo all’aumento del salto d’acqua, qualcuno nella giunta aveva proposto di scavare un pozzo verso il centro della terra; poi qualcuno gli ha fatto sapere che tutta l’energia prodotta in più sarebbe servita ad alimentare un pompa per portare l’acqua di scarico in superficie. Hanno quindi desistito!

  27. Alternative?
    30 Agosto 2010 @ 11:58

    Se, invece di fare una nuova centralina a Ciampo con tutto quel che ne è conseguito e quello che ancora non si sa che ne deriverà, si fosse sfruttato il dislivello della vasca dell’acquedotto di Costa dietro la chiesetta di S.Rocco poi a Mezzavilla ed infine a Broilo? Si sarebbe utilizzato una condotta già esistente e con minori impatti ambientali.
    Che ne pensate?

  28. Altre alternative
    30 Agosto 2010 @ 22:59

    Ma parchè al posto de fei la central de Sotecastel no i ha sfrutou al Rodolesco

  29. Danilo De Martin
    31 Agosto 2010 @ 09:51

    @Altre alternative,
    1- no me resulta che a Sotecastel sea centrai, quindi parlon de diga (casomai la central e chela de Soverzene, o dela Gardona o de Pontesei se se va ndo …)
    2- ei le proe (da verificà) che anticamente al Rodolesco l’era sfrutou par produse energia
    3- nte ceso ei n dotazion un tubo da 1/2 police: da na parte e na piria, da chelautra ei caletou na dinamo colegada a na lampadina. Dute le ote che vado a pisà, piso nte tubo; al risultato e poco pi de n lampo, ma se colego na bateria forse da da siera me rieso a liede ntin de libro co … le me pisade.
    4- ntendo dì, zenza ofende nesun, che daparduto se po fei corente, ma par ogni posto e da fei le so valutazion …. Par esempio, al nostro lago le pien de material e quindi no l da pì le stese garanzie de produzion (tra calche an se podarae quasi serà la central de Soverzene). Bisogna desvoitalo: de chi eli i problemi??? Io lo desvoito, con dute i problemi che poi avé, se son io a tegnime i ricavi della corente che produso ecc ecc … Ma no é così.

  30. Altre altre alternative
    31 Agosto 2010 @ 13:32

    Danilo, no resta che dorà al nostro gas.
    Però guai se se destuda la fiama, sasto che fetori.
    Avanti con i fasuoi.

  31. bort52
    15 Settembre 2010 @ 18:50

    caro danilo,anche se da anni non frequento Lozzo, posso dirti che per fare la centralina hanno allargato la strada per ciampo, comune di auronzo e il sentiero e la strada silvo pastorale che porta a Velezza. Dove sta la forestale che ti fa la multa se ristrutturi un muretto a secco che sta cadendo???? Lungo il sentiero passano con le betoniere della ditta Deon subappaltatrice e se cerchi qualche responsabile nessuno sa niente.sic!!!
    saluti