parlamentari italiani: che fossero dei 'gran bastardi' lo sapevamo, ma non fino a questo punto ...

I parlamentari italiani sono i più pagati d’Europa. Non solo, la loro presenza in aula (che sarebbe il loro lavorare) è la più scarsa. Lavoce.info riporta un grafico a supporto di un articolo di Matteo Pelegatti che vale molto di più delle classiche 1000 parole.

Si nota l’abominevole posizione dei parlamentari italiani rispetto a tutta la compagine europea (cerchietto rosso). Il grafico mette in relazione lo stipendio percepito in rapporto al PIL pro capite del paese di appartenenza. L’uomo comune capisce subito che gli stipendi percepiti in tutta Europa, fatta eccezione per l’Italia, sono molto correlati alla ricchezza del paese, al PIL pro capite prodotto.

L’articolo fa notare che un criterio equo (ed io aggiungo anche incentivante)  per determinare lo stipendio di un parlamentare potrebbe essere quello di commisurarlo al benessere economico goduto dai propri concittadini, ossia al valore del PIL pro capite. In questo caso il parlamentare italiano potrebbe aspirare ad uno stipendio nell’intorno di 50.000 euro corrispondente al PIL pro capite italiano che è di poco inferiore a 30.000 € (vedi rette tratteggiate). Il ché equivale a dire che dovrebbe percepire un terzo dello stipendio attuale.

Fuori dai coglioni, tutti. Abolitevi, altrimenti vi aboliremo.

8 commenti per parlamentari italiani: che fossero dei ‘gran bastardi’ lo sapevamo, ma non fino a questo punto …

  • […] dei 150.000 € percepiti dai nostri parlamentari rispetto alla media europea di 50.000 €, vedi questo articolo.   Condividi, segnala o […]

  • Cesare

    Anche con qs manovra i nostri parlamentari si tirano fuori, i tagli riservati a loro vengono dimezzati cosi’ come la manovra che prevedeva la loro riduzione di numero, viene affossata! Sarebbe ora di andare a prenderli a calci nel culo, ad uno ad uno! Stanno rovinando il paese, e’ ora che la popolazione tiri fuori in cosidetti co…… e metta fine ai loro misfatti.

  • Uno che ne ha piene le p@lle

    Fino a qualche tempo fa ero convinto che un governo di centro destra, visto il nulla di fatto in tanti anni del centro sinistra, avrebbe sistemato il paese (l’Italia)!
    Mi sto rendendo sempre più conto che così non è stato e che non sarà mai!
    Tutti pensano solo alla loro sedia e al loro portafoglio-interesse.
    Nessuno che pensi e faccia realmente gli interessi del Popolo.
    Dal dopoguedrra in poi, a partire dalla DC, hanno solo e sempre pensato ad avere consenso elettorale, regalando pensioni bebi, creando uffici e posti pubblici inutili dove collocare i loro protetti-elettori con il cosidetto voto di scambio e dove trovare rifugio in casa di trombature politiche.
    Nessuno dei politicanti vuole rimetterci neanche un centesimo, allora alziamo le aliquote IVA e spremiamo ben bene il Popolo.
    Non si meravigli nessuno se prima o poi succederà una rivoluzione (VERA) come sta accadendo nel nord Africa.
    Qui da noi, con la finta democrazia, ci governano e ci mungono fino all’inverosimile; ci lasciano fare (apparentemente) quello che vogliamo, ma ci spremono più dei limoni.
    Non credo che durerà ancora per molto.
    Anche la Lega, con le sua tante chiacchere da bar, non ha fatto una emerita mazza per il Popolo Italiano. Solo slogan populisti, ma di concreto meno di zero.
    Non che il centro sinistra sia migliore, sono tutti dei farabutti!
    Morale, almeno per quel che mi riguarda, mai più a votare.
    Questo sarebbe il giusto segnale per ‘intera classe politica!
    Se nessuno andasse più a votare saranno costretto ad andare fuori da sotto le p@lle.
    Riflettete bene.

  • talaren

    Anch’io ne ho le p@lle piene, ma sinceramente non vedo come questo famigerato astensionismo possa risolvere tutti i nostri problemi.
    Non capisco come si possa continuare a dire “io non voto, e se non votano anche gli altri gliela facciamo vedere…”, sembra l’atteggiamento dei bambini capricciosi che tengono il muso quando sono in disaccordo con qualcosa.
    A quanto mi risulta, se anche in Italia andassero a votare tre persone, due per X e una per Y, vincerebbe X, e a nessuno fregherebbe niente dei milioni che non hanno votato.
    Ai fini pratici, quelli che non votano non dicono “io protesto contro questo sistema”, dicono semplicemente “fate quello che volete, a me non interessa”.
    E non hanno alcun diritto di protestare sull’esito delle elezioni poi.
    Io ho votato questo governo, disapprovo quello che sta facendo in questo momento, ma sono ancora sicuro di aver scelto per il meglio tra ciò che c’era sul vassoio.
    Mi sento schifato di come sta andando la politica negli ultimi tempi, mi sento schifato da X, Y e Z, ma alle prossime elezioni andrò a votare lo stesso, perchè uno tra questi dovrà governarci, e vorrei che fosse il migliore/meno peggio tra i disponibili.

  • […] Senza merito” che, come già successo per i compensi della Casta parlamentare (ripresi anche sul BLOZ), mette in relazione quelli della Casta regionale con il prodotto interno lordo (PIL) della regione […]

  • mau55

    ma gli scienziati che ci governano hanno mai visto quei gironi danteschi
    (infernali) che sono molti uffici pubblici dove cittadini elemosinano
    un assistenza infermieristica per i propri anziani indigenti o alle poste (mezz’ora di media di attesa per ritirare raccomandate o altre
    faccende) e l’elenco delle storture, ingiustizie ed altro potrebbe arrivare a………marte

  • Anonimo

    ammazzarli tuttiiii

  • jim

    Sono tutti uguali,facce toste,disonesti,falsi,del bene del paese non gliene importa nulla,e noi continuiamo imperterriti a votarli perche purtroppo non c’è nient’altro da fare,sono dei figli di puttana,ma prima o poi qualcuno si incazzerà e finalmente vedremo qualche testa saltare,necessita di passare alle maniere forti,bisogna dare un segnale e fargli capire che non siamo dei coglioni e che non possono e non devono tirare troppo la corda,sono ormai passati 40 gg dal voto e ogni giorno che passa è un giorno buttato nel cesso,l’italia è ferma,è ferita nel cuore e nell’anima,questi bastardi la devono pagare,se penso ai “nostri” politici locali mi va il sangue al cervello..e poi vanno in pensione e percepiscono 10 20 30 mila €,e quando muoiono(si spera)tutto passa alle famiglie,ai parenti,ma come si puo andare avanti cosi?