Perché in Veneto si può (e si deve) votare il referendum /2 (dell'una e indivisibile)

Un’altra pillola dall’articolo di Carlo Lottieri relativo al perché in Veneto si può (e si deve) votare il referendum per l’indipendenza (qui la prima):

E’ ovvio che se fai una cosa, fosse anche una cacata, all’inizio si presenta in forma unitaria. Così gli Stati: avete mai visto uno stato che, formandosi, non dichiari la propria unità? E poi: riuscite ad accettare l’idea che i famosi padri costituenti, quando scrissero che questa repubblica delle banane è “una e indivisibile“, ci abbiano legato le mani, a noi popolo, per l’eternità?

Va detto: secessione e Stato moderno sono nozioni incompatibili, e questo per la semplice ragione che, nella loro astratta dogmatica, gli Stati si rappresentano come necessariamente unitari, salvo poi prendere atto che in varie circostanze hanno luogo disgregazioni e distacchi. Ma i processi indipendentisti hanno spesso successo de facto, anche se neppure sono pensabili de jure per chi pretenda di restare prigioniero delle categorie elaborate dalla giuspubblicista moderna. Questa scissione tra il dogma e la realtà è comunque solo l’ultima riprova del fatto che le nostre istituzioni pubbliche poggiano su una qualche teologia politica: su una mistica del potere senza la quale non potrebbero reggere.

Quando l’attuale Costituzione parla della Repubblica italiana come di un’entità “una e indivisibile” è ben chiaro agli storici delle idee come quella formula sia di matrice giacobina e provenga, di conseguenza, da una cultura intollerante: che nei fatti non ha più vero diritto di cittadinanza all’interno del confronto pubblico. È la sopravvivenza di un passato già sconfitto. È quindi curioso che quelle tre parole vengono talora presentate come l’argomento decisivo contro ogni richiesta di autogoverno, come l’asso pigliatutto, come la prova provata che non vi sarebbe alcuno spazio per la minima discussione su ogni ipotesi d’indipendenza di una comunità. Il discorso sarebbe insomma chiuso ancor prima di aprirlo. Ovviamente non è così e per più di un motivo.

I commenti sono chiusi