voto sì (ma m'aspetto anche quello con la fi...)

Un po’ troppo biondo per i miei gusti (per fortuna non ha gli occhi azzurri). Anche la dizione lascerebbe trasparire una velata inflessione semi-ariana, più che ladina. L’avrei visto anche un po’ più in carne. Ma passi. Però uno spot con una figa giovane e atletica ce lo devono mostrare prima del 22 ottobre. Ne ho visto giusto un paio che facevano skiroll lungo la strada per Casera Razzo che sono la fine del mondo.  

(poi v’arriva anche lo spot lungo, quello con tanti “sì”…)

 

mamma ho (quasi) perso il residuo fiscale

Al Barometro della finanza pubblica dell’Osservatorio sul Federalismo (pubblicato da Unioncamere Veneto & Consiglio regionale) sono “abbonato” da lunga data:

…La informiamo che sul sito www.osservatoriofederalismo.eu è disponibile il n. 2/2017 del Barometro della Finanza Pubblica, il report statistico mensile curato dal Centro Studi di Unioncamere Veneto. Rinnovato nella veste grafica e nell’articolazione interna, il Barometro fornisce un aggiornamento sistematico sulla struttura ed evoluzione della finanza pubblica italiana. 

Sicché mi ci ficco… scoprendo con disappunto, almeno a guardare la tabella della sezione 3-Residuo fiscale, che il residuo fiscale [leggi tutto …]

ecco di chi sono i cosiddetti soldi europei tanto sbandierati

(astenersi piddini, piddioti, piddoni e, soprattutto, piddeuristi; questi ultimi sono piddoni al cubo; i piddoni sono piddini coglioni; i piddioti sono piddini col ruolo di utili idioti; i piddini e basta sono brava gente anestetizzata e sprofondata in letargo da cui non possono – non vogliono – uscire)

Non è la prima volta che la CGIA sfodera i dati di bilancio dei vari paesi UE a dimostrazione (ad uso e consumo dei bifolchi di casa nostra) che l’Italia è contributore netto, cioè dà più soldi alla [leggi tutto …]

questione indipendentista: informazioni sulle prossime elezioni regionali in Veneto

(riporto in articolo ciò che @talaren ha qui scritto in commento)

di talaren

Scrivo questo commento non per motivi propagandistici, ma a titolo informativo per quelli che non sono aggiornati sulla questione indipendentista.

Alle elezioni per il parlamento provvisorio veneto di qualche settimana fa hanno votato circa 1.600.000 veneti, e il parlamento così costituito si riunirà per la prima volta il 25 aprile a Venezia.

Il referendum sull’indipendenza di marzo 2014, vinto con l’89% di sì su oltre 2.300.000 votanti, è stato certificato a dicembre da una società informatica [leggi tutto …]

15-20 marzo 2015 - Elezioni del Parlamento Veneto

@Talaren ce l’aveva ricordato or sono due settimane fa:

Mi allaccio al discorso sull’autonomia qui sopra per portare a conoscenza di chi non fosse aggiornato sui discorsi indipendentisti che il 15 marzo ci sarà la votazione online per eleggere il Parlamento Provvisorio della Repubblica Veneta indetta da Plebiscito.eu.

Ora, sicuramente molti saranno dubbiosi e penseranno non serva a niente (anch’io l’ho pensato qualche volta), ma votare non costa niente (non si è obbligati a pagare come nelle primarie del PD), e se non dovesse servire a nulla, [leggi tutto …]

Tosi, legaiolo tricolore (della nuocitudine al consenso)

Non ho mai nascosto il mio disprezzo (politico, nè) per questo legaiolo tricolorato (per esempio qui e quo). Ma il tontolo è in grado di fare seri danni, avendo uno stupefacente (fumano, fumano) stuolo di seguaci. Dispiace per il Veneto, già taglieggiato a livello nazionale, che può rischiare di finire in mano ai Poveri Dementi, che più feccia non si può, così da ricevere il colpo finale.

L’agone è più largo, ovvio, e anche il contendere è di altra caratura, ma ecco quello che diceva il [leggi tutto …]

Scotland: day of destiny (ne riparliamo tra una generazione, o forse meno)

Solo perché resti il segno del “supporto” dato allo Yes al referendum sull’indipendenza della Scozia (è vero, sono un po’ fuori tempo ma… ho una tedesca per le mani che mi fa impazzire).  E per gli indipendentisti adesso è l’ora di volgere lo sguardo verso la Catalogna…

Scozia verso il voto per l'indipendenza: Cameron chiama a sé gli scozzesi per proteggerli da un mondo molto pericoloso e insicuro

Seguo da anni gli accadimenti in quel di Scozia e Catalogna legati alla voglia d’indipendenza che si manifesta colà. Il prossimo 18 settembre gli scozzesi si troveranno di fronte alla scelta sopita ma agognata (per tre secoli o giù di lì) di votare a favore o meno della propria indipendenza dal Regno Unito.

Fino a pochi giorni fa il NO veniva dato in vantaggio – vi sono pesanti incertezze sul fatto che, geopoliticamente, la conquista dell’indipendenza possa essere un vantaggio rispetto alle promesse messe in campo [leggi tutto …]

Il segreto del successo della Svizzera: la concorrenza fiscale

L’Italia gna fa (neanche a premerla). Bisogna provare – urge – con il Veneto Indipendente ed un occhio alla Svizzera. Tratto da un articolo di G. Piombini su Movimento Libertario:

Il segreto del successo: la concorrenza fiscale

Mentre nell’inferno fiscale e burocratico italiano dal 2007 a oggi gli investimenti esteri sono crollati del 58 per cento, la Svizzera continua ad attirarli come un magnete. Il 59 per cento delle società straniere che hanno insediato il loro quartier generale in Europa, come Hewlett-Packard, Gillette, Procter & Gamble, Ralph [leggi tutto …]

aspettando Luca Zaia (alfiere della battaglia indipendentista del Veneto)

Quando scrivevo:

(per non alimentare false speranze, io sono fra quelli che stanno ancora aspettando che Zaia – sì, ci credo ancora – un giorno, raccogliendo attorno a sé tutte le forze indipendentiste venete  – non vedo altri in grado di coagulare il consenso necessario per terrorizzare il vandalico mostro italiano – svegliandosi dal torpore attendista pronunci la famosa frase “al mio segnale scatenate l’inferno …“.)

intendevo dire proprio questo:

[…] Cosa stia succedendo in Veneto i lettori di questo giornale lo sanno bene, dunque non serve ribadirlo [leggi tutto …]