a proposito di fioriere (e dei 35.000 euri 'di avvocati' per la caserma di Soracrepa)

Anche oggi ho innaffiato alcune fioriere de comun (per tirare su quei famosi punti che mi serviranno per criticare gli aministradores). Ho avuto l’occasione di parlarne scherzosamente con una non più giovane signora che mi ha detto:

Brao,brao! Anche io son duda calche dì fa a mete do fior nte le fioriere de comun. Te sas, puarete, no i à pi tante schei da spende, e alora … se se po dà na man. Me é ben vegnù mal de schena al dì daspò, e me l ei portou davoi par calche dì, ma son contenta lo steso.

Al che avrei voluto ridere con gusto ma mi sono trattenuto, abbassando la testa e guardando un po’ in giro per dissimulare questo prorompente desiderio. Ma la signora se n’è accorta e mi ha detto:

Chè asto da ride sote i bafe? Ei dito algo de mal?

Mi sono quindi spiegato, con queste parole: No, no. E’ giusto fare del volontariato. Rispetto sempre chi fa volontariato. Anch’io quando mi dedico al Parco della Memoria sono un volontario.

E alora, chè asto ciò tanto da ride?

No, niente. Cioè, qualche giorno fa mi è capitato di leggere una delibera di spesa dell’amministrazione comunale per 35.000 euri per gli avvocati della causa della caserma di Soracrepa.

Po’ no l é ncora finida?

No, no! Veramente, questi sono gli ultimi 35.000 euri in ordine di tempo. Perché precedentemente – negli ultimi anni – ne sono stati spesi, vado a memoria, altri 26.000 + 8.000. Insomma, diciamo 70.000 euri di spese legali, senza contare quelli precedenti e non mettendo in conto tutto il resto dei costi, compreso il riacquisto dello stabile, altrimenti … .

Orpo de baco!

Vedendola leggermente angustiata ho tentato di confortarla con queste parole: “Ma ela la continue pura a fei volontariato. La lo faze prima de duto par ela, po pa la dente de Loze. E col mal de schena dovese bate a la porta, la proe a pensà a chi 70.000 eure, la vedarà che i pasa subito”.

Aì fiolon, ca mo l é bela.

ex fioriera ex brolo de Sior Tita a Prou

32 commenti per a proposito di fioriere (e dei 35.000 euri ‘di avvocati’ per la caserma di Soracrepa)

  • Cagliostro

    @redattore,
    credo che la tua disamina circa le spese legali per la vicenda Caserma Montiglio, pecchi per difetto. Mancano sicuramente le parcelle di ben due avvocati bellunesi, quindi il conteggio dovrà essere rivisto ed aggiornato. A lume di naso, abbiamo superato tranquillamente i 70.000 euro come da te indicato. Se poi, nel conto, mettiamo le perizie (più o meno opportune, vedi lo scopo prefissato di quella commissionata dal Comune-e non dal Tribunale come affermato da lor signori- all’arch. Boranga, perizia tutt’altro che “asseverata”, come volevasi far credere), i viaggi, le trasferte, i rimborsi spese, le spese di giudizio e quant’altro, si noterà come l’onere ‘indiretto’ dell’intera transazione sia ulteriormente lievitato nel tempo…E fermiamoci qui, per amor di Patria…

  • Analfabeta

    tosate, dove ave fiducia, vedare che bela struttura turistica che i tira fora , kisti no scherza, i vo e i sa fei turismo !!!

  • y

    @Danilo,
    senza nessun rancore e nessuna ironia ma solo per capire la tua opinione o quella di chiunque voglia intervenire.
    Premettendo che io non ho una personale idea sulla vicenda casermone, ti chiedo:
    ritieni sbagliata l’acquisizione del casermone? se si perchè? Perchè i costi complessivi sono stati troppo elevati? Perchè non ritieni che sia un bene importante per vari motivi e quindi sia giusto che la proprietà sia del comune? Perchè non lo vedi un bene che potenzialmente potrebbe essere strategico in un futuro e al momento molto speranzoso, rilancio turistico dell’altopiano? Avresti preferito che il casermone andasse all’asta e chi lo prendeva lo prendeva?
    Ripeto chiedo senza nessun recondita intenzione se non quella di capire diverse opinioni in merito alla vicenda. Grazie

  • Tamarindo

    @y,
    se non hai una personale idea su di una vicenda complessa e piena di inghippi (spesso, magari, creati ad arte), documentati prima di porre quesiti retorici. Vista la tua vicinanza con la attuale gestione della cosa pubblica, chiedi di vedere le ‘carte’ dal 1995 ad oggi e poi saprai farti una precisa idea su scopi, modalità, iter seguito, negligenze, omissioni (dolose? colpose?) e quant’altro messo in luce durante l’intero dipanarsi della vicenda. Ma, a dire il vero, le tue retoriche domande potrebbero trovare una risposta esaustiva anche semplicemente andandoti a leggere quanto scritto sulla materia in questo stesso blog (rendiconto mai smentito).

  • @y,
    come sempre: si guarda al dito e non si guarda alla luna. E’ come chiedermi se sono contrario alla raccolta differenziata. No, non lo sono, ma questo non mi esime dal sottolineare tutte le puttanate e stronzate dette sull’argomento, a vario titolo e da vari personaggi fra i quali molti amministratori, raccolte qui nel BLOZ. E’ come chiedermi se sono contrario alle “fonti energetiche rinnovabili”. No, non lo sono, ma questo non mi esime, tutte le volte che vedo un impianto fotovoltaico, dal pensare a quanto testa di cazzo sia questo stato che li incentiva, a quanto abbia drogato il mercato, ai coglioni italioti (fra loro moltissimi amministratori) che si battono il petto e non hanno ancora capito che gli incentivi lo stato va a prenderli tassando il consumo energetico di ognuno di loro (noi) (argomento che qui non ho trattato solo per amor di patria …). E’ come chiedersi se “è meglio una donna ricca, intelligente e bella o una brutta, stupida e senza una lira” (cit. Catalano).

    Ho sempre sostenuto, e a suo tempo glielo ho detto anche al sindaco, che la caserma la compri col cuore/affetto ma non certo con la testa/ragione. L’acquisizione di un bene, sia esso la caserma o una spilla da balia, va sempre commisurata al suo costo (lo conosciamo noi, questo costo?) ed ai benefici che ne potrai trarre. Prova tu a fare un calcolo di tutti i costi legati all’operazione, tutti, anche quelli che non si vedono immediatamente perché sono sotto il tappeto: quando lo avrai fatto presentamelo e ti darò una risposta più esaustiva. Non ho mai detto che la caserma non sia un bene importante. Non ho mai detto che non lo vedo utile al “rilancio” turistico. Rilancio? Perché, è mai stato “lanciato” in passato al punto da poter pensare oggi ad un suo “ri-lancio”? Ad ogni buon conto, attenzione alle portata delle illusioni. Il turismo di Pian dei Buoi dà lavoro a due famiglie e a qualche garzone: rilancialo fin che vuoi (doveroso provarci), il PIL che ne potrai trarre sarà comunque, a livello comprensoriale, ri-di-co-lo (senza contare i costi “collettivi” per il serio mantenimento della viabilità: quanto sarebbe il costo sociale di una riasfaltatura e di una seria messa in sicurezza della strada?).

    Per quanto riguarda la tua ultima domanda “sull’asta”, è un po’ come se mi chiedessi se preferisco essere sodomizzato o meno da qualcuno. Dovendo subire l’oltraggio, tutto dipende dal beneficio che ne posso trarre. E nel caso della caserma si torna al punto di partenza: vai dal sindaco, fatti fare un piano dettagliato dei costi subiti e da affrontare, fatti poi fare un piano economico di ipotetico rientro e ne parliamo.

    Al di là di questa considerazioni, a questo indirizzo trovi l’elenco di tutti gli articoli (e, più importante ancora, di tutti i relativi commenti) che vertono sulla “storia” della caserma di Soracrepa. La vicenda è intricata ma qualche elemento “nuovo” lo puoi sempre trovare. Poi, se vuoi mangiare sempre alla solita mangiatoia, be’ … accomodati.

  • Z

    Dubito che mai daranno una risposta veritiera con cifre analitichie alla mano!
    Intanto, però, “ci mangiano” anche con il BIM GSP con il conti fatti alla pene di cane. BRAVISSIMI amministratori. Verrà prima o poi il giorno dei forconi.

  • y

    @Tamarindo,
    in questo blog si vanta, da parte di più soggetti, un altissimo livello di documentazione in merito alla vicenda, quindi mi sembra lecito chiedere a chi ne sà più di me. Ritengo sia il metodo giusto per seguire il consiglio di Danilo e non mangiare sempre alla stessa mangiatoia. Sbaglio? In quanto all’altro tuo commento ho l’umiltà necessaria per sapere da solo di non essere un gran scrittore. Ho peccato di presunzione non rileggendo prima di premere il tasto “invia”. Perdonami ti prego se questa mia negligenza ha turbato la tua sensibilità nei confronti della lingua italiana.Cercherò di stare più attento.
    @Danilo,
    se ho ben capito la ragione avrebbe dovuto sempre sconsigliare l’acquisizione del casermone, seguendo una logica dei costi rispetto ai benefici secondo te. Per una ragione di cuore si sarebbe a tuo avviso potuto derogare cosi come è stato fatto dall’attuale amministrazione.Qual’è secondo te una cifra massima che avrebbe giustificato questa scelta di cuore. Al momento attuale da quanto ho capito siamo arrivati a 320.000 euro (dati dalla somma dei 250.000 sborsati per l’acquisto più 70.000 di spese legali, dati naturalmente che ho trovato su questo blog). Mettiamo che come dice Cagliostro siano addirittura superiori e arriviamo a 350.000 euro. Tu cosa avresti fatto tenendo in considerazione la totalità degli aspetti che hai espresso tu?
    Voglio sapere la tua opinione a sensazione. Capisco che per una risposta precisa ci sarebbe bisogno di un’analisi più approfondita, ma cosi a sensazione cosa pensi avresti fatto se dipendeva da te?

  • @y,
    certo che sei un bel tipo: prima non ero neanche soldato semplice, non avrei potuto criticare nessuno se non dimostrando di aver fatto di più e meglio ed ora mi appiccichi i gradi di generale e mi inviti a pontificare. Ricordi?:

    @ Danilo De Martin,
    dal mio punto di vista è meglio tardi che mai specialmente quando qualcuno mette il proprio tempo a disposizione della collettività . Ma tu, che da quanto asserisci sei molto più aquila e sei molto più sveglio, cosa hai fatto per la collettività in questi due anni in cui i nostri amministratori hanno dormito? Taiou quatro bruse ? Scrito un libro co i schei dela Comunità Montana? Se invece hai fatto di più hai ragione di criticare, altrimenti è meglio tacere perchè se tutti parlassero e millantassero e basta, nemmeno in ritardo di due anni nulla verrebbe fatto.

    @Danilo
    Non sono d’accordo. Tu inquisisci sempre tutti presupponendo che tu sapresti fare di meglio,per cui a mio modo di vedere millanti capacità non dimostrate o dimostrabili.comunque possiamo anche dire che la mia ignoranza mi ha portato ad usare un verbo sbagliato e chiedo perdono in quanto sono sicuramente meno bravo di te nell’esprimermi e nello scrivere, ma comunque il succo del discorso rimane invariato: dimostra le tue capacità superiori a chi ci amministra e avrai tutto il mio rispetto, anche se suppongo che con il mio rispetto ti ci pulisci il de “dre’” !

    @Danilo,
    NO ! Devi fare un buco di 79.999.999 euro. Cosi avrai dimostrato che hai saputo far meglio. Per il momento non mi sembra tu non abbia dimostrato ne di saper far meglio ne peggio. Per cui il mio dubbio rimane.

    E poi scava più a fondo e vedrai che i costi sono un tantino più ampi. E poi fatti fare dal sindaco quel piano di rientro senza il quale nessun ragionamento è possibile. Se ho costi per 100 e benefici per 200 … E poi, in relazione al commento in cui dici che il tuo “dubbio rimane”, ti lascio in compagnia di uno che, come te, ha sempre avuto dubbi nella propria vita: non disperare, come vedi sei in buona compagnia.

  • y

    @Danilo,
    prendo atto che dopo tutto il casino che hai fatto sul tema casermone ora non sei nemmeno convinto che sia stata una scelta sbagliata quella fatta dall’amministrazione. Devi valutare il piano di rientro. A me sembrava che tu lo reputassi uno degli errori più evidenti dell’attuale gestione comunale. E invece scopro che non hai abbastanza elementi per valutare. Scopro che non escludi a priori che forse la scelta di cuore avresti potuta farla anche tu.

    e invece scopro che forse ti ha più infastidito l’enfasi usata nei discorsi del sindaco

  • @y,
    sei come Gigi Marzullo: ti fai le domande e poi ti dai anche le risposte. “A me sembrava ….”: ancora dubbi?? “E invece scopro che …”: queste, invece, sono certezze? Fai progressi immediati, un talento nascosto. Scava, scava. Il piano di rientro lo devi fare tu, io lo devo valutare, certo: FALLO. Io non sono nessuno: non escludo a priori proprio un bel niente. Non sono all’altezza, RICORDI? Enfasi??? Quella non era solo enfasi. Sono passati due anni da allora e non te ne sei ancora accorto: i fatti parlano da soli e dicono che quelle espresse sul bolcom erano gigantesche, colossali cazzate.

  • y

    @Danilo,
    io devo fare il piano di rientro??? Con cotanti esperti superdocumentati saccenti che frequentano questo blog io devo fare il piano di rientro ??? E’un elemento che tu sostieni imprescindibile per eventualmente giustificare la nota decisione, giusto? E quindi perchè criticare e condannare la scelta fatta dall’amministrazione prima di valutare ogni elemento? Ah forse ho capito: per sputtanare non serve nessuna analisi approfondita, basta un pò di LIVORE, mentre per giustificare una scelta anche vagamente opportuna bisogna smuovere il gota degli economisti mondiali che promuovano uno studio dettagliato? Tutto chiaro ! L’assaggio a questa mangiatoia non è di mio gradimento quindi spero mi verrà conferito quell’incarico che tu hai suggerito al sindaco. Non ti sarò mai abbastanza grato per la raccomandazione ! Grazie di cuore.
    Spero solo di avere il tempo di fare le scuole serali per perfezionare le mie capacità di scrittura della lingua italiana. Non vorrei mai perdere già all’uscita della prima copia un lettore attento e dotto come Tamarindo indispettito magari da qualche mio errore!

  • @y,
    è il sindaco ad essere bravo a fare piani di rientro. Così ho scritto:

    “E nel caso della caserma si torna al punto di partenza: vai dal sindaco, fatti fare un piano dettagliato dei costi subiti e da affrontare, fatti poi fare un piano economico di ipotetico rientro e ne parliamo” (08/06/2013 alle 09:51)
    E poi fatti fare dal sindaco quel piano di rientro senza il quale nessun ragionamento è possibile. Se ho costi per 100 e benefici per 200 …” (08/06/2013 alle 20:54)

    Non mi pare che tu sia il sindaco, o no? Nell’ultimo messaggio il mio FALLO era relativo a quanto già scritto ed appena evidenziato (fallo fare …). Non avrà importanza ma è meglio saperlo: l’incarico di caporedattore sarebbe volontaristico, credo. Spero davvero te lo diano: ogni promessa è un debito e così il sindaco, con colpevole ritardo, ma meglio tardi che mai, potrebbe dar corso a quanto detto/scritto 4 anni fa, diversamente resterà una mancata promessa (non dimenticarti di me: nel giornalino dovrà pur avere un posto anche il BLOZ). Tutto chiaro dici? L’uomo dai mille dubbi ha trovato la via delle certezze? L’ho detto subito che avevi dei talenti nascosti. La mangiatoia non è di tuo gradimento? Mi dispiace e neanche avevo intuito d’essere “sotto esame”: comunque qua la mangiatoia è sempre rimasta aperta e continuerà ad esserlo (anche se il fieno lo do fuori io in qualità e quantità, come è giusto che sia). Se non ti va dritta con il giornalino, considera la catechesi, ci sei tagliato.

  • abc

    Sono state fatte tre interrogazioni al sindaco con argomenti: Caserma Soracrepa-Pannellli Loreto- Tariffa Tarsu paragonata a Calalzo, se ci sono risposte potete pubblicarle? grazie

  • y

    @Danilo,
    perchè dare a me quest’incombenza? perchè non hai mai pensato di includerla nelle interrogazioni al sindaco che hai preparato, oppure di crearne una apposita ? Magari alla luce di questo famigerato piano di rientro avresti potuto avere avere un qualcosa in più per accusare di incompetenza l’attuale amministrazione. Ma lo sò già che mi risponderai che non ti servono ulteriori prove ma ti bastano quelle che hai. In questo senso sei molto prevedibile.

  • @y,
    tu quoque y. Eppure sei stato tu ad ispirarmi il post il titolare di questo blog è un livoroso. Non ti ricordi che cosa dissi verso la fine?

    Io sono un giullare. Ed il giullare si prende sempre gioco del Re.

    (e talvolta gli toglie anche le mutande).

  • Joker

    …..le mutande è meglio che le lasci dove sono…..
    per il resto vorrei vedere se spenderebbero così anche i loro soldi. soldi GUADAGNATI (e non percepiti per il solo fatto di essere….) con il sudore del loro lavoro e non…….MEGLIO TACERE!
    Che si vergognino, sempre che sappiano cos’è il significato di questo termine!

  • frank

    Il Bel Paese non smette mai di sorprendere. Per chi “vede” dall’esterno
    Belle e ruspanti queste baruffe (chioz) lozzotte

  • Cagliostro

    @Joker,
    dici bene, certi soggetti hanno smarrito (o non hanno mai posseduto) il senso della vergogna. Io direi che, in certi casi, si è perfino palesata una certa dose di spudoratezza… L’uso del denaro pubblico dovrebbe essere ‘trattato’ con maggior oculatezza rispetto allo stesso uso delle risorse personali… Invece c’è chi vive di politica (con la p minuscola) e pensa che il popolino sia composto soltanto da creduloni, da “bevitori dei vuove de dugo”.

  • Cagliostro

    @frank,
    per uno come te che vede le cose dall’esterno, le baruffe (chioz) lozzotte possono apparire “belle e ruspanti”. Per chi le diatribe le vive dall’interno del paese e conosce le cose in modo anche soltanto sufficiente, ha presenti certi retroscena, ha la percezione di certe ‘incrostazioni’ di interessi e di lobbies, di certe mene per cui se sei amico degli amici tutto ottieni, altrimenti…, ebbene, se provassi tutto ciò, ti assicuro che il divertimento non ci sarebbe proprio, almeno da parte di chi ha un minimo i sale i zucca!!

  • frank

    @cagliostro
    vedi Cagliostro è tutta “colpa o merito” della relatività. A 1500 metri in linea d’aria (e penso che valga la reciprocità) si vedono le “cose” in maniera meno impegnata ma ti assicuro che i “problemi politici” che si vivono qui sono gli stessi: strappi “dialettici” tra maggioranza, minoranza, regole, associazioni; soluzioni ai problemi o atti spesso opinabili; poca gente impegnata che arriva a “mordersi il fegato” e tanta tanta indifferenza. Occupiamo scomparti diversi della stessa barca e la salute è una sola.

  • Cagliostro

    @frank,
    il clou di tutto il tuo discorso è racchiuso nelle ultime parole:”…e la salute è una sola”. Certo, uno pensa: non vale la pena pendersela! Ma poi ci sono altre implicazioni, ci sono i figli, la loro educazione, il loro incerto domani, il senso dell’onestà e della dirittura etico-morale da inculcare loro, ed allora uno non lascia perdere e prova a “combattere”, a dire la propria opinione…al di là della sofferenza epatica!!

  • […] @y che nei giorni scorsi poneva domande (e si dava risposte di marzulliana memoria: vedi commenti a questo articolo) in relazione alle vicende della ex caserma di Soracrepa, è giunta l’ora di @abc, animato […]

  • […] medesi legali, tuttavia, mentre si fregano le mani (hanno trovato una buona occasione per continuare a spennare il pollo), segnalano “la necessità di costituirsi …” (e così avverrà: mar. […]

  • […] del pool abbiano lesinato aggiuntivo impegno ed energia a sostegno della vertenza (gli ulteriori 35.000 euri di spese per avvocati lo testimoniano oltre ogni ragionevole […]

  • nessuno

    L’acquisto della caserma Soracrepa:

    Il fabbicato era di proprieta’ comunale si e’ perso grazie alla fideiussione firmata da un sindaco.

    Il riacquisto di tale manufatto doveva avvenire a totale spesa degi amministratori di maggioranza
    di quella amministrazione e passarlo poi al comune!

  • Pulcino

    Ma cosa volete che riacquistino a fare una scatola del genere? non sono nemmeno capaci di mantenere nell’ordinaria manutenzione la strada che conduce a questo immobile, come tutte le altre, …buche, tacconi pietosi, muri che crollano…….. e volete pretendete che spendano ancora denaro pubblico per quella cosa? ma fatemi il piacere! (i campi da tennis e dintorni in Pradelle sono un esempio tangibile)
    Vero è che chi è stato causa o concausa di quel fattaccio dovrebbe tirare fuori gli euro dalle loro proprie tasche. Ma qui l’Alcalde, i Giullari ed i Peones abbassano le orecchie……cane non morde cane.
    Poi va a fare il capo del BIM……….che tristezza e che pena! in compenso si fa bene i fatti propri.

  • jim

    Si vocifera che la strada del genio verrà sistemata(bene) quest’autunno.

  • @jim,
    dici “sistemata (bene)”: “bene” è una categoria dello spirito di insolita estensibilità – o comprimibilità – a seconda della bisogna. Hai presente le “ringhiere” del famoso intervento “trovare i soldi non è stato facile” ?!?!? Detta altrimenti: “bene bene disse Irene, vedendo le sue figlie piene … di grazia, naturalmente”. Una cosa è però certa: ce n’era bisogno. Ora passa la parola anche fra i cazadores: che si mettano d’accordo prima sugli orari di intransitabilità della strada. In autunno, dici: prima o dopo il prelievo forzoso sui nostri conti che farà il governo barzelLetta?

  • jim

    Purtroppo la democrazia in Italia finisce nel momento delle votazioni,dopodiche si crea una specie di dittatura di gruppo,se decidono di prendere i nostri soldi, noi poveri plebei non possiamo farci niente.Tornando al discorso della strada hai ragione,era ora,mai visto un disastro peggiore.

  • y

    Se è vero che la sistemano…….sarebbe ora…ce n’era bisogno……….MEGLIO TARDI CHE MAI…………che dici Danilo?

  • @y,
    alcuni interventi sulla strada sono essenziali (non parlo del fondo, parlo dei sostegni e relativi cedimenti). Mi dicono che la strada per Ciampeviei è messa maluccio, e che anche quella di Val da Rin non gode di buona salute. Vuoi che ti faccia vedere lo stato del primo tratto di quella di Molenies (quello che inizia subito dopo il ponte in salita)? E poi: 28.000 euri sono stati spesi per fare un cesso (intendo proprio la cagadora e le pareti che la nascondono) al museo della latteria … Traduco: bisogna vedere il progetto, il progettista (sono sempre i soliti che lo mettono nel culo agli sprovveduti sindaci e quello che abbiamo non mi pare che su certe cose sia una gran cima), gli interventi pianificati, il loro costo e la resa in termini, appunto, di costo-beneficio. Dire “sistemare una strada” vale tanto quanto dire “don a tolese algo” (al bar). Basta guardare le ringhiere!!!

  • […] poche parole, basteranno quei 35.000 euri o (vedere al riguardo a proposito di fioriere e dei 35.000 euri ‘di avvocati’ per la caserma di Soracrepa), per essersi accorti del ritardo con tale ritardo (scusate la ripetizione ma … a tre anni di […]