7 Comments

  1. frank
    7 Febbraio 2011 @ 14:42

    Proprio ieri (6/2) ho visto un incontro pubblico (tra incontri e convegni siamo un poco inflazionati) tenuto recentemente a Belluno dall’assessore regionale Finozzi (assessorato al turismo e montagna), organizzato dall’associazione stampa (Boito) e trasmesso da TeleBelluno (forse si fa ancora in tempo a sintonizzarsi per qualche replica). A sentire le conclusioni del relatore mi sembra che la “carta di Lozzo” non gli sia arrivata sul tavolo. Che sia rimasta su quello del suo predecessore?

  2. Danilo De Martin
    8 Febbraio 2011 @ 08:35

    @frank,
    con ogni probabilità! Anche ammesso (ma non è stato così) che in quella occasione si sia dato sfoggio di “brainstorming” per dar vita alle migliori idee possibili, come osservavi tu tempo addietro, bisogna poi collegare questo “anello” della catena a quello successivo, altrimenti la catena stessa non si forma. La differenza è quella solita, quella di sempre, quella tra il dire ed il fare.

  3. frank
    8 Febbraio 2011 @ 13:39

    @danilo,
    se come fai intendere non c’è connessione tra il dire e il fare ( e c’è da incominciare a crederlo), cioè se il dire non diventa decisione e la decisione non diventa atto, siamo nell’imprecisato e nell’etereo: ogni particella fa il suo percorso improduttivo regolato dagli urti e da una molto personale teoria delle probabilità. Che futuro!

  4. Ma guarda, anche a Lozzo di Cadore i convegni costano … » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    6 Aprile 2011 @ 07:59

    […] Lozzo di Cadore i convegni costano … Della generale inutilità dei convegni ho già scritto in Boàze, móse e sociologia dei convegni (la Carta di Lozzo). Aggiungo che oggi è sempre più frequente che ti chiedano soldi anche coloro che vengono chiamati […]

  5. l’altra faccia del Concertorium » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    30 Aprile 2011 @ 08:44

    […] fosse stato il celibato dei preti non valeva nel conteggio? è stata conteggiata anche quella della Carta di Lozzo?), 6 mostre di cui una internazionale (una nazionale, una regionale, una provinciale e una locale). […]

  6. Guglielmo Tell, il Reggi Pomo ed il Cantone del Cadore » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    31 Gennaio 2012 @ 10:16

    […] il Reggi Pomo ed il Cantone del Cadore Premessa number one: sapete come la penso io e le mosche riguardo ai convegni. Premessa number doi: non ho sentito un sindaco alzare la voce pubblicamente contro il […]

  7. Lozzo di Cadore, paese di poveretti o di evasori? » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    31 Maggio 2012 @ 08:54

    […] ad altre zone sia in ambito provinciale che regionale; (b) i Befera boys sanno tutto, basterebbe fare un convegno: che il Bepi abbia […]