3 Comments

  1. Attilio Bianchi
    7 Luglio 2010 @ 01:49

    @ Danilo: Ti propongo uno stile “Nostradamus”, obbligato dal tuo perfetto stile Bolcom dell’ ultimo articolo.
    Guai a coloro che alimentano il rogo dell’ abbruciamento della sola araba fenice. Essa infatti non brucerà in IV Novembre, ma come fiamma sotterranea che viaggia di porta in porta, ben alimentata dai sibili dei draghi con la lingua biforcuta dei Croderes de le Dolomites. Dalle ceneri dell’ araba nascerà la colomba dal cuore di pietra, che proteggerà il decadente Lozzo dal progresso e dalle menti brillanti che Esso produce.
    Traduzione: hanno già appiccato la fiammella che brucerà il Sindaco, politicamente parlando s’ intende,in quanto non ricandidabile. Preferisco, e parlo per me, dire d’ora in poi Sindaco & Giunta, per ogni valutazione in merito alle scelte politiche dell’ Amministrazione Comunale. Le persone che compongono la Giunta sono praticamente gli stipendiati responsabili di svolgere una mansione specifica e mi ripeto…. retribuita. E’ giusto dunque chiamarli in causa, in quanto sono anche coloro che votano e si esprimono nel merito delle vicende che coinvolgono tutti i cittadini, in ogni seduta di Giunta e di Consiglio a cui presenziano. Stessa cosa vale, ma in tono minore, per i soli Consiglieri. Ciao e bona autonomia.

  2. Danilo De Martin
    7 Luglio 2010 @ 08:53

    @Attilio,
    hai ragione, basterebbe che i tre giuntiani (componenti la giunta) si ponessero delle domande tipo “chi siamo?”, “da dove veniamo?” “dove andiamo”. Quella successiva sarebbe “ma che cazzo ci stiamo a fare noi qui?” e così via fino a giungere a “che idea di modello di democraticità stiamo noi dando alla gente?”. Ma ti pare, caro Attilio, che tutto ciò possa verificarsi al di fuori di questa aleatoria ricostruzione metafisica? E’ più facile che un banchiere si metta a piangere commosso. E’ probabilmente più facile che ciò possa accadere fra gli altri consiglieri, ma non accadrà. Ciao e bona autonomia.

  3. Notiziona: l’amministrazione troglodita di Lozzo di Cadore diventa digitale » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    15 Gennaio 2011 @ 12:02

    […] Caro Sindaco, spiega alla gente di Lozzo perché non vuoi pubblicare via internet i vostri atti ammi… […]