1 Comment

  1. frank
    7 luglio 2012 @ 12:10

    Non servono tavoli comuni ma persone comuni, serie preparate e motivate, che stanno attorno ai tavoli