7 Comments

  1. Peppe er tosto
    8 febbraio 2011 @ 10:13

    A loro (ai crucchi) il superfluo, a noi ci tolgono anche l’essenziale.
    Questo in base all’assunto che la “legge è uguale per tutti”, oppure l’altro in base al quale i doveri, come i diritti debbono essere assicurati a tutti i cittadini??!!…
    NB Ieri sera, in una intervista televisiva, il buon Durnwalder ha avuto la sfacciataggine di dire che la prov. di Bolzano non parteciperà ai festeggiamenti per l’Unità d’Italia giacché l’Alto Adige si considera austriaco ed accetta la sua attuale situazione, molto pragmaticamente, soltanto in presenza della speciale autonomia concessa da uno Stato (il nostro) che loro considerano terra straniera.

  2. Lozzese curioso
    8 febbraio 2011 @ 18:04

    basta sbarà monade tanto par di algo!,a reson Durnwalder:se fose puster farae compai!!!

  3. Peppe er tosto
    9 febbraio 2011 @ 12:11

    @lozzese curioso,
    me par che se ca é un che “sbara monade” chel no son zerto iò.
    ‘Mpara a entrà ‘ntel merito de le considerazion che é stade fate. E se no te comoda vive ‘nte un paese libero e democratico te può sempre cambià. Per esempio ‘un paese par té podarae esse ‘l Sudan o lo Jemen, te as l’imbarazo de la scelta…

  4. Cagliostro
    9 febbraio 2011 @ 12:54

    Caro Lozzese curioso,
    scusami, voglio farti un appunto: sei troppo laconico e categorico nei tuoi giudizi. Perché non provi a ragionare un pochino? Ti pare che Durnwalder e la ‘sua’ gente avrebbero in Austria i benefici enormi che hanno ottenuto e continuano ad ottenere entro i nostri confini? Senza contare le ragioni storiche ed i trattati internazionali che suffragano la italianità di quelle terre!! Ora Lega e PDL hanno perfino ‘svenduto’
    il monumento alla patria sulla piazza di Bolzano in cambio di un voto in
    commissione bicamerale!! Non ti pare che ci sia qualche cosa di osceno in tutto questo?
    Altro ragionamento: Ti pare forse giusto e corretto che noi dobbiamo subire la concorrenza sleale per un turismo fatto di contribuzioni a gogò a loro riservate ed a noi negate? Siamo o non siamo contigui?
    Io non voglio che siano tolte loro risorse, ma almeno sia dato anche a noi un certo, indispensabile sostegno (magari non per competere ad armi pari, ma almeno per sopravvivere!!…)

  5. Lozzese curioso
    10 febbraio 2011 @ 11:30

    Sono 50 anni che noi Cadorini ripetiamo sempre le stesse cose,ci lamentiamo di continuo ed eleggiamo storicamente e statisticamente dei rappresentanti a dir poco incompetenti ed individualisti.adesso basta parole e contuinuare a prenderci in giro!cerchiamo almeno di imparare dai nostri vicini,che voi ignoranti chiamate krucchi o ciarnièi!Ricordatevi però che i Krucchi e i Ciarniei hanno radici storiche e culturali molto profonde e radicate che difendono giorno per giorno,mentre noi cadorini abbiamo fatto del servilismo e dell’individualismo la nostra bandiera e così non si va avanti ma indietro!

  6. Cagliostro
    10 febbraio 2011 @ 18:36

    Non credo di essere “ignorante” solo perché, al posto di definirli ‘austriaci’ o ‘tedeschi’, ho usato una definizione corrente che ha preso campo nel gergo comune e che, a mio modo di vedere, non è per niente ‘dispregiativa’, ossia quella di “crucchi”. Noto comunque che, anziché stare in tema rispondendo alle mie precise domande, si preferisce usare un linguaggio alquanto generico e…demagogico.
    Evidentemente, caro “Lozzese curioso”, tu non sei il mio interlocutore ideale e, nel contempo, io non lo posso essere per te.
    Un cordiale saluto.

  7. Lozzese curioso
    11 febbraio 2011 @ 08:33

    va bene,hai ragione!

    Però adesso mi concedi di dire la famosa frase:”….amministrare i Cadorini non è difficile ma è inutile!”