lo sfruttamento idroelettrico in provincia di Belluno: fatti anche tu una turbinetta, è rinnovabile /3

Questa è un’estrazione a campione delle svariatissime concessioni di sfruttamento ad uso idroelettrico che la Regione Veneto rilascia agli odierni pionieri 🙂 , appunto, dell’idroelettrico (qui e quo quelle precedenti). Fra i quali c’è il pioniere più lungimirante, Energie Comuni s.r.l., costola della galassia BimBumBam (attraverso la perfida sorella Bim-Gsp, baldraccona notissima alle cronache) che a Lozzo di Cadore subentra all‘Azienda Giovanni Baldovin Carulli di Leo Baldovin, questa sì e per davvero fra le aziende cadorine pioniere in questo ramo di attività, allungando essa le proprie radici fino al 1915 anno in cui impiantò lungo il corso del Rio Rin la prima officina di produzione dell’energia elettrica:

La ditta dei fratelli Baldovin Carulli aveva costruito nel 1915 una centralina in fondo al paese in località “Ronzie“, su progetto dell’ing. G. De Zolt. Nel 1916 erano già state costruite le opere “…per derivazione d’acqua dal Rio Rin presso l’abitato di Lozzo di Cadore per produzione di forza motrice a scopo industriale e precisamente per lavorazione del legname…”.

Avvicendamenti storici di cui siamo spettatori. La storia non si ferma ed il progresso avanza inesorabile …

  • Materia: Acque — DECRETO N. 89 del 05/06/2013 (BUR N. 51 del 18/06/2013)
    Concessione di piccola derivazione d’acqua dal torrente Maè, in comune di Forno di Zoldo, ad uso idroelettrico, già assentita alle società Trelettra s.r.l. e Zoldo Energy s.r.l. in solido, con Dgc 25.6.2001 n. 122. Domanda di voltura a favore della società Idroelettrica San Giovanni s.r.l. in dat…
  • Materia: Acque — DECRETO N. 90 del 07/06/2013 (BUR N. 51 del 18/06/2013)
    Concessione di piccola derivazione d’acqua dal torrente Orsolina in comune di Borca di Cadore e San Vito di Cadore (BL) a uso idroelettrico. Domanda della Società En&En S.p.A. ora En&En s.r.l. presentata in data 21.02.2007.
  • Materia: Acque — DECRETO N. 91 del 07/06/2013 (BUR N. 51 del 18/06/2013)
    Concessione di piccola derivazione d’acqua dal torrente Ausor in comune di Sovramonte (BL) a uso idroelettrico. Domanda della Società En&En S.p.A. ora En&En s.r.l. presentata in data 26.9.2006.
  • Materia: Acque — DECRETO N. 92 del 07/06/2013 (BUR N. 51 del 18/06/2013)
    Concessione di piccola derivazione d’acqua dal torrente Codalonga in comune di Colle Santa Lucia e Selva di Cadore (BL), a uso idroelettrico. Domanda della Società En&En S.r.l. in data 13.06.2006.
  • Materia: Acque — DECRETO N. 93 del 07/06/2013 (BUR N. 51 del 18/06/2013)
    Concessione di piccola derivazione d’acqua dal torrente Rio Rin in comune di Lozzo di Cadore (BL) a uso idroelettrico. Domanda della Società ENERGIE COMUNI s.r.l. presentata in data 12.06.2008 a rinnovo, voltura e variante sostanziale della concessione assentita con Decreto n. 103 del 14.06.2005 …

 

13 commenti per lo sfruttamento idroelettrico in provincia di Belluno: fatti anche tu una turbinetta, è rinnovabile /3

  • Alessio Zanella

    Ciao Danilo, che il mandatario del documento in questione fosse la regione Veneto, su richiesta di esproprio da parte di una sorellastra del Bim, credo l’ avevamo capito tutti. La mia indignazione e CREDIMI, l’ indignazione del destinatario della lettera, non è tanto quella di di venire a conoscenza della creazione , o meglio, del ripristino di un’ opera di rilascio dell’ acqua gia esistente per creare energia elettrica, ma il modo in cui il proprietario del fondo è venuto a conoscenza della cosa. Sarebbe bastato che un amministratore comunale ( scrivo amministratore da non confondere con dipendente comunale, visto che in passato alcuni paesani mi hanno criticato non conoscendo forse la differenza tra le due cariche) si fosse preoccupato di parlare personalmente con il proprietario del terreno che il Bim si presta ad espropriare, e si fosse giunti ad una tranquilla , certa e civile soluzione della cosa. Viviamo in un paesino di montagna, dove tutti conoscono tutti, dove ancora , SPERO, il contatto personale e la chiarezza delle azioni sono ancora impostate su una linea di rispetto reciproco e di reciproca comprensione. Sono convinto, che in alcune particolari situazioni, alcuni degli attuali amministratori comunali abbiano peccato di esagerata sensazione di onnipotenza, trascurando le basilari forme di educazione civica, a favore in alcuni aspetti di personalismi e favoritismi non consoni e non accettabili da persone ” ELETTE “. Amministrare un Comune non è certo cosa facile, specialmente in questi momenti estremamente difficili, ma a prescindere dalle attuali difficoltà, credo che il ritornare ad una realtà più genuina e sana, consona alla nostra stessa natura e cultura da montanari, non possa che far bene al nostro caro paese. Approfitto per farti i complimenti circa la tua simpatica e sana satira che non può essere presa come offesa ma forse come incentivo ad un miglioramento.

  • […] ispirata da quanto scritto in seguito da Alessio Zanella (ed originariamente postato come commento). Oltre alla scimmia, quella di non vedo non senso non parlo, si potrebbe pensare allo struzzo (con […]

  • y

    Era ora che si sentisse il primo discorso pre-elettorale.

  • H2O

    QUANDO MI ARRIVERA’ LA BOLLETTA DEL BIM-GSP CALCOLERO’, SULLA BASE DEL PREZZO AL CUBO DELLA VECCHIA BOLLETTA IL CONSUMO DI QUELLA NUOVA E PAGHERO’ IL DOVUTO, I DEBITI FATTI DALL’ INCURIA DEGLI AMMINISTRATORI INCAPACI SE LI PAGHINO LORO….. E TUTTI QUELLI CHE LI HANNO VOTATI.
    @Y: NON VEDO L’ ORA DI SENTIRE I DISCORSI PRE-ELETTORALI DELLA LISTA
    “LOZZO MORTA”…. FUNIVIA DA CIMA GOGNA A PIAN DEI BUOI…. SOLDI DEL BIM ALLE FAMIGLIE BISOGNOSE E DISOCCUPATI…. SORPRESONA SU PALAZZO PELLEGRINI E TANTE E TANTE BALLE…. MA LA REALTA’ PURTROPPO DEGLI ULTIMI 10 ANNI E’ SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI….CANTAVA TENCO:
    Ma tu non credere,no, che appena s’alza il mare gli uomini senza idee, per primi vanno a fondo.

  • y

    Io non vedo l’ora di sentire tutti i discorsi pre-elettorali ma sognerei sinceramente più di tutto di vedere una lista denominata “Bloz per Lozzo”, in cui finalmente il tanto sparlare e criticare si trasforma magicamente in idee, progetti, proposte. Una lista in cui le tanto millantate capacità e conoscenze finalmente si materializzano. In poche parole finalmente la rinascita del nostro amato paese.

  • […] il tedioso ronzio del moscone calaltino, ecco giungere (te pareva) quello lagnoso di @y che mi tira per la giacca sulla questione elettorale e la conseguente elezione del […]

  • H2O

    @y: CARO Y,SEI DISINFORMATO, MA NON E’ UNA NOVITA’ PER QUELLI CHE SI BEVONO ” I VUOVE DE DUGO DEL DUO”, IL PROGRAMMA “PER LA GENTE DI LOZZO” ERA IN BUONA PARTE “BLOZ PER LOZZO”. ESISTONO ORAMAI E PURTROPPO, IN DEMOCRAZIA, DUE PROFESSIONI, CHI E’ BRAVO A RACCATTARE VOTI CON PROMESSE FARLOCCHE PAI TORDE E CHI INVECE PRESENTA PROGRAMMI E NON LECCA IL CUCU’, DEMOCRATICAMENTE 2/3 DEL PAESE PREFERISCE CHI LECCA IL CUCU’…. CHE’ CHE SE VO NO E MAI DE MASA
    IL PAESE E’ CON L’ ACQUA ALLA GOLA E NON SOLO IN SENSO METAFORICO, MA PER FORTUNA DEI POCHI CHE VOGLIONO ESSERE INFORMATI DANILO C’ E’ DAL 2009 ED IL LAVORO CHE FA E’ NOTEVOLE E QUESTO BRUCIA A CHI HA TANTE MARACHELLE DA NASCONDERE… TUTTO POI SI FERMA QUI,INFATTI, SE CI FOSSE LIVORE O ASTIO, DUE O TRE QUESTIONI SAREBBERO POTUTE BENISSIMO SFOCIARE IN DENUNCIA CON CONSEGUENZE INFAUSTE PER IL DUO….. A PARTIRE DALLA DISCARICA ABUSIVA DELLE ASTRE… MA VISTO CHE VOI SIETE PRATICI E RESPONSABILI DOVRESTE PAGARE VOI L’ AUMENTO DELLE BOLLETTE GSP COSI’ CHE SAREI MATEMATICAMENTE SICURO CHE LA PROSSIMA VOLTA NON LI VOTERESTI PIU’… IO COMUNQUE, COME SCRITTO PRIMA, PAGO IL GIUSTO… AL RESTO E DUTO VOSTRO … DE CHI CHE NO FA CIACOLE MA DEBITE COI SKEI DE CHI AUTRE…

  • y

    @H2O,
    praticamente tu te fa parte de chel 1/3 de furbe e io de chel 2/3 de mone ?

  • Nane da Reane

    Io no sei chi che e al tordo o chi che e al mona o al furbo, io sei che par colpa de tante che no e stade n grado de fei polito al so incarico ades ne ruarà conte salade da pagà. Chesto no e giusto! E i luore che dovarae pagà, anche de fonda soa.
    Se chesti e i nostre aministrator forse e mèio no èse aministrade da nesun.

  • H2O

    Son torde dute e doi parchè nisun dei doi ha roto ‘l viero col balon ma pagon disteso par giustalo…..io forse…pì no che si….no.

  • Leonida

    Ave volesto feive comandà par 10 ane dai cazador, ades no stare lamentave!!!

  • Cagliostro

    @Leonida,
    cosa intende dire con quel “avé volesto feive comandà”? Un conto è se si rivolge a chi li ha votati, altro conto è se si rivolge all’intera Comunità…Seppur contenuta, una minoranza di non “osannanti” (anzi, di critici) esiste anche a Lozzo. La lobby dei ‘cazador’ poi, non mi risulta sia così compatta al seguito del Duo di Piadena, o sbaglio?
    Quale è quindi la sua conclusione? Forse quella della ineluttabilità, ossia del fatto che ce li dobbiamo tenere a prescindere? Anch’io credo sarà difficile rompere…l’incantesimo, ma le vicende umane hanno sempre un ché di precario. Io confido che le cose, per il vero bene dei cittadini, possano evolvere e portare a qualche cosa di meglio della condizione attuale, e ciò a dispetto di certo pessimismo che aleggia in tutti noi. Ora arriveranno le bollette GSP e i “vuove de dugo” sarà più difficile berli…Se le nostre povere tasche risulteranno alleggerite, ringraziamo l’inventore della bella ‘trovata’…

  • Leonida

    Me son rivolto ai tante ke li ha votade e ke ades i se ha akorto ki ke ia votou no de zerto a ki ke no li ha votade.