26 Comments

  1. Pagaapo
    20 Giugno 2010 @ 13:44

    Bèla, proprio bèla. ‘Nsieme a le fede de Lucio Mosito dirae ben anche ‘l mus de Amadio, ma dato che chel no e pì doraron i doi o tre mus che ‘nte l’aministrazion e che comunque ‘ie bèlo dude a metese ‘n mostra. E proprio vero….. ie come le mose su la m…a e ogni ocasione l’e bòna par dimostrà che ie dele mose.
    Ma staron atenti parchè ca de ‘ntin la monte la farà le ale verso calche autra parte; al Pupo i dis che l’e de chi da Domiege, al Rifugio Ciareido l’e sote Auronze, la caserma de Sora Crepa no la e pì, par adès, del Comun…….. ma agnò diraron a finì de ‘sto pas.
    ‘Na fortuna che èi le braghe co la cinghia ben strenta se no và a fini che i me ciava anche le mudande.
    ….à.. me desmenteèo, ma parchè no i metarà ‘nota par dute ‘na cros stampada su pan crepo via pa la strada che va a Bajon par definì agnò che finise ‘l comun de Loze e taca chel de Domiege?……….no èi pì tanta memoria che me son anche desmenteou che forse no i à i schèi par ‘sta roba o che forse i l’afrontarà quan che i sbararà a ‘na ciamorza via da chele parte là e par dimostrà che i e su chel da Loze i ciatarà fòra i schèi.
    Pore noi….sempre pèdo.
    Lozzo SVEGLIATI!

  2. Griso
    20 Giugno 2010 @ 14:37

    Danilo, ma tu pensesto de vero che chi d’Auronze i se tolarae chi tre
    impiastre? Varda che i sa fei i so affari meo de noi. Forse no i li tolarae neanche gratis…
    Era pì giusto che L’Amico avese metù ‘l nome de un zerto paese de la Puglia, che ades no me recordo: la geografia no i la cognese a la Tipografia Piave de Belun ma, almanco, i podea ese pì coerenti, no te par?…’Ntin a ‘l ota i lo fa fei ‘l sindico de Lienz….sarae ‘l colmo
    (de fortuna, par neautre).

  3. Farfalla
    20 Giugno 2010 @ 18:26

    Credo che Pagaapo, questa volta sia andato sopra le righe… confini e luoghi in alta quota sono nettamente individuabili, basta impegnarsi un attimo con i documenti….

  4. Pagaapo
    21 Giugno 2010 @ 06:56

    Farfala de òro, ma se no i l’à fato fin adès se vede che algo à da èse. O i fa comodo che no sea definida la question o à da èse ‘ntin pì complicada la facenda de chel che se pensa.
    Sane

  5. geko
    21 Giugno 2010 @ 09:06

    siete sempre i soliti, non riuscite a vedere oltre la punta del vostro naso, la montagna è di tutti non di auronzo o di lozzo sveglia siamo nel 2010 ciao montanari

  6. Danilo De Martin
    21 Giugno 2010 @ 09:10

    @geko, investo un minuto del mio tempo. La montagna di Padola non è la montagna di Santo Stefano. Quella di Lozzo non è come quella di Longarone. Quella di Selva non è come quella di Sovramonte. Finito il minuto.

  7. Lozzese
    21 Giugno 2010 @ 13:15

    Mi riallaccio a quanto scritto un po’ da tutti:
    Tutto è di tutti (in senso astratto, come l’aria che respiriamo) ma in considerazione che i confini sulla carta ci sono e che il nostro sistema si basa anche su quelli, riterrei più che corretta una individuazione in loco veritiera, piuttosto che sentire storielle da bar o da post battute di caccia.
    Ne trae vantaggio tutta la comunità ed è bene che le comunità sappiano quali sono i confini geografici del “proprio” territorio.
    A me che una montagna sia di un comune invece che di un altro poco importa, importa che sia veritiera l’appartenenza o meno a quel determinato comune – almeno per mia cultura personale.
    Ciao

  8. Farfalla
    21 Giugno 2010 @ 16:07

    Basta prendere una carta Tabacco 016, quella indica i confini dal 1953 per volere degli uomini e per documenti sottoscritti….Mi farebbe piacere invece conoscere il parere di qualche “lozzese” sull’ ipotesi della costituzione (nel contesto Unesco) del Parco delle Marmarole, Sorapiss ed Antelao….argomento concreto che verrà trattato in una conferenza il prossimo 17 luglio. Conoscere l’opinione degli interessati potrebbe essere utile per il prosieguo o meno dell’ iniziativa.. Grazie

  9. Danilo De Martin
    21 Giugno 2010 @ 16:46

    @Farfalla,
    quando Pagaapo parla di “croce” fa riferimento ad un punto nello spazio determinato con grande precisione. La carta Tabacco foglio 016 cui tu fai riferimento è una 25.000, dove un centrimetro equivale a 250 m. Nelle questioni ventilate da Pagaapo non sarebbe di alcun aiuto. Probabilmente ti volevi riferire ad una delle carte catastali a scala 1:2000, ma anche queste potrebbero non essere sufficienti in certi frangenti. A Valsalega, per fare un esempio, c’è una bella croce su un masso che indica, oltre ogni ragionevole dubbio, che lì in quel punto c’è un confine: un centimetro in là c’è Auronzo, un centimetro in qua c’è Lozzo (stabiliti alcuni punti “fissi”, subentra poi la questione delle “linee di confine”, ma questa è un’altra storia).

    Ma arriviamo al tema che tu definisci concreto, quello del Parco delle Marmarole, Sorapiss ed Antelao. Io ho una mia idea, ma quello che non capisco è per quale motivo l’opinione di “noi interessati” potrebbe essere utile per il prosieguo o meno dell’iniziativa (che non capisco se sia la conferenza del 17 luglio cui accenni o il Parco in sé).

  10. MAZARUO
    21 Giugno 2010 @ 17:23

    PARKO !!!!!!!vade retro satana,ma piuttosto che i trevisane a caza a loze, che tu danilo forse no te sa ma sote sote e duto un gorgoglio par fei veni i contadin a caza ca,sul nostro, forse e meo istituilo e usase. sane

  11. Pagaapo
    21 Giugno 2010 @ 19:11

    Farfala, Danilo à scrito giusto. Iò ‘ntendèo ‘na cros stampada (incisa) su pan crepo de dimension che nesuna persona e ‘n grado de spostà e che ‘l metarae fin a storie de botega e dute, anche i pì mus, savarae agnò che finise un comun e taca chelautro.
    No credo de domandà de dì su la luna.
    Sane

  12. oltrepiave fan
    6 Agosto 2010 @ 15:39

    Quiz basato sulle conoscenze storico-topografiche,dedicato solo ed esclusivamente per Lozzesi doc:

    I LàNDRE: dove sono?…………superficie catast.(circa)?………….

    CAREZèI:dov’è?………….superficie catast.(circa)?………………

    Piàn de Masòn:dov’è?………….superficie catast.(circa)?………………

    Forzèla bassa:dov’è?………….superficie catast.(circa)?………………

    Giòu gran:dov’è?………….superficie catast.(circa)?………………

    Konfìn:dov’è?………….superficie catast.(circa)?………………

    Kasèra de Konfìn:dov’è?………….superficie catast.(circa)?………………

    PREMIO PER CHI RISPONDE ESATTAMENTE: copia autentica del vòlto del Smotazìn

  13. Oltrepiave fan
    6 Agosto 2010 @ 18:26

    Io tifo per Dany!!!

  14. giovanni
    26 Maggio 2011 @ 17:50

    Bhè hò letto un pò di commenti a questa lettera la stessa incommentabile …che dire complimenti a tutti !In questi tempi “magri” dove la coesione la sinergia tra popolo ,paesi,rifugi dovrebbe essere unica mettento da parte stupidi campanilismi e ragioni miope….si dovrebbe essere contenti che la stagione di un bel rifugio “qualunque esso sia ” sia andata bene e se lo è stata “guarda la casualità” è stato anche grazie a tanta gente che non hà invidie ,gelosie,o mentalità dell’800 ma che crede davvero nella sinergia tra la gente ,che non si rode vedendo i migliori affari di uno rispetto ad un altro ….ma anzi nè gode …e se hà potuto dare una mano meglio! Un grandissimo merito và al nuovo gestore che ci credeva e ci crede…e i fatti gli stanno danno ragione alla faccia di chi è capace soltanto e sempre di criticare e lanciare zizanie e malelingue …per fortuna c’è anche gente altruista ,non invidiosa,ottimista che crede che con un buon lavoro ,dedizione ,e sinergia queste nostre valli possano rilanciarsi sia in termini turistici che sociali….

  15. giovanni
    26 Maggio 2011 @ 17:59

    e meno male che il titolo di questo sito anzi “sottotitolo” digita la frase:POLITICAMENTE AVANZATO …..AVANZA CHEEE?! e poi si leggono certe cose ? mah ! forse …è una frase autoironica una maniera per auto-prendersi in giro ..altrimenti non mi pare si trovi uno sbocco alla ragione logica.

  16. Danilo De Martin
    26 Maggio 2011 @ 18:05

    @giovanni, è POLEMICAMENTE AVANZATO, non politicamente. Non solo non sài scrivere, non sài neanche lèggere. Hài capito o nò?

  17. giovanni
    31 Maggio 2011 @ 19:56

    attaccatevi sempre al “alle piccinerie bravi/bravo ” un segno indelebile di una mentalità intelligente e moooolto aperta …si..verso il cortile di casa vostra e non oltre ….siete semplicemente ridicoli.

  18. giovanni
    31 Maggio 2011 @ 20:02

    politicamente o polemicamente conta poco signor professore dei miei stivali 🙂 il concetto è sempre comunque l’ostesso mentalità limitate “non oltre il proprio vicino di casa o confini ” critiche di ogni tipo e modalità , chiacchiere da bar ,e fatti zero! proposte zero…questo è l’atteggiamento giusto per mandare avanti una società ,un comune,una valle.bravi! continuate cosi! ci rendete fieri di essere cadorini!

  19. giovanni
    31 Maggio 2011 @ 20:13

    signor de martin date le sue dichiarazioni consapevolmente scissioniste “in termini che le montagne non sono tutte uguali ” diverse secondo lei rispetto alle enormi distanze di Longarone,Selva di cadore ,piuttosto che Sovramonte….o altre zone ….le consiglio in maniera amichevole una accurata visita oculistica data la sua marcata miopia accentuata su diversi argomenti sulle zone montane nostre e non..in maniera che possa correggere tali difetti visivi …e chissà .. mi contatti saprò darle se vuole indirizzi utili per centri ottici convenienti e professionali

  20. Danilo De Martin
    1 Giugno 2011 @ 08:28

    @giovanni, immagino che i tuoi errori sintattici in questo (l’ostesso) e nei commenti precedenti siano dovuti alla foga delle tue incursioni su questo e su altri blog/forum. Devo dire che come “troll” sei anche educato e te ne do atto. Nel disprezzare i contenuti di questo blog hai fatto riferimento allo slogan da te letto “politicamente avanzato” per “rincarare la dose”. Ti ho solo segnalato che è “polemicamente avanzato”, senza alcuna pretesa che tu cambiassi idea. Se poi per te non fa differenza …

  21. Puore noi
    1 Giugno 2011 @ 08:34

    Giova’,
    ma da dove salti fuori? Quale è stata la tua maestra che ti ha insegnato i primordi della sintassi? E’ vero, per te “il concetto è sempre ‘L’OSTESSO’, sia politicamente che polemicamente”. Andiamo proprio bene, non c’è dubbio alcuno. E’ proprio il caso di essere fieri di essere cadorini. Ma, in conclusione, quali sarebbero le tue lungimiranti idee…polemiche o politiche che siano? Fatti sotto e vediamo da vicino quanto vali!!!

  22. Danilo De Martin
    1 Giugno 2011 @ 09:07

    @giovanni (20:13), se provassi a ridurre la velocità delle tue letture ti accorgeresti che i concetti espressi vanno interpretati in un altro modo. Le indagini di carattere socio-economico ed etnico-culturale devono (tutte ed in qualsiasi luogo) operare con dei filtri. Se usi un “filtro a maglie molto larghe” quella zona montuosa che chiamiamo Alpi può essere vista come una entità omogenea. Ecco che gli 11 milioni di abitanti (o 13 a seconda dei territori considerati) di questa area possono essere considerati “cittadini” di una unica “nazione alpina”. Quando entri nel dettaglio e le maglie si fanno molto strette, le differenze saltano agli occhi anche a livello locale, e ti assicuro che sono rilevanti. Se tu avessi modo di dare un’occhiata alla geografia dello spopolamento, ti accorgeresti subito che nella sola montagna bellunese vi sono molte “montagne”, diversissime fra loro. Mettere in luce queste differenze aiuta a capire che i problemi della montagna non possono essere risolti con soluzioni standard. Solo come esempio, mettere in piedi una stalla sociale a 1200 metri di quota pone problemi logistici ed organizzativi diversi da quelli che affronti se la tua area di riferimento è a 800 metri. Se vuoi prendere un primo contatatto con questa realtà delle “montagne diverse” puoi consultare alcune comparazioni a questo indirizzo (aree montane aggregate). Per una disamina più profonda sulla realtà bellunese puoi scaricare questo pdf.

  23. Lozzese curioso
    1 Giugno 2011 @ 18:05

    Tosate,….se davoi a perdeve te n’goto de aga!
    Ardà che i Giornaliste no iè nuove a cheste robe.
    es:quante ote ià scrito che Cortina e nte l’Alto Adige?….e le Tre Zime?
    …alora no capiso ke ke sea de mal anche se i se a sbagliou sul Rifugio Ciareido?!?!?!
    No e parcaso che son davoi a feise la così detta “guerra dei poveri”?
    …e meio che pensone a algo de pi concreto!!!

  24. giovanni
    1 Giugno 2011 @ 20:22

    Ribadisco che da un punto di vista personale penso che questo sito sia molto negativo perchè non solo “amplifica ,alimenta” il lato negativo di un modo di pensare critico e scissionista …ove di questi tempi ci sarebbe bisogno di mentalità positive di sinergia e coesione tra enti vari e cittadini ..ma continua ad alimentare “un virus” che per decenni è stato ed è il vero male delle nostre vallate …continuando a trasferirlo di generazione in generazione ;invidie ,malelingue,critiche ,mentalità negative,telefonate rigorosamente anonime magari per un vicino di casa che nella sua baita hà sostituito 2 finestre (per fare un esempio banale)”troppi film western?” ..un modo uno stile di pensare che si infila come un male incurabile nelle maglie della società cadorina …figlio di quei nostri avi misogini e diciamocelo pure anche un pò ignoranti se non si capisce che è anche questo uno dei veri mali del giorno d’oggi che blocca per esempio il turismo ,fa fuggire i giovani dalla montagna,blocca lo sviluppo sociale e non tra cittadini, allora proprio non ci siamo e la maggior parte di questi articoli …non fanno altro che basarsi su frivolezze,piccinerie, incitando soltanto un modo
    di pensare molto negativo …
    Guarda caso non si legge una riga che possa far trapelare un minimo di mentalità positiva verso qualcuno o cose da fare o fatte sarà soltanto un caso ?

  25. giovanni
    1 Giugno 2011 @ 20:46

    Per fortuna almeno che le nuove generazioni Cadorine figlie dei social network (quelle tanto criticate )hanno e stanno imparando che ci vuole ,sinergia,solidarietà tra cittadini,altruismo e non egoismo.
    Ci vorrà qualche decennio ma forse saranno soltanto loro crescendo con certe mentalità buone e sane salveranno queste valli ..”si spera almeno”.
    Personalmente ritengo che se esistesse una sorta di Autority per i buoni o i cattivi siti internet questo sito andrebbe totalmente cancellato..ma si sà nel mondo ci sono le buone e le cattive cose ,il marcio e il sano,insomma…se c’è anche (IL BLOZ) poco male …di sicuro il messaggio che fà passare è quel che è.. ma non importa .
    Tanto come dice un proverbio (se tutto va bene siamo rovinati) dunque sito o meno cambia poco.
    Complimenti comunque …perseverate nella vostra “missione” mi pare che state ottenendo negli anni sempre più condivisione da un sacco di utenti..
    Auguroni

  26. Danilo De Martin
    2 Giugno 2011 @ 08:07

    @giovanni, per scrivere quello che stai scrivendo basta un generatore automatico delle “solite cose da dire”. Entra nel merito delle cose, benedetto figliolo, e non rimestolare la solita minestra dei buoni e cattivi. Sai perché a 3-4-5- anni si possono vedere geni musicali (come Mozart) ma non si vedono geni matematici? Perché determinate facoltà che sono proprie del pensiero matematico si formano solo intorno ai 14 anni. Non ce n’è, bisogna aspettare quell’età. Per la satira dev’essere lo stesso. Per te lo è di sicuro.

    Fatti un blog e pontifica, la stoffa ce l’hai. Non costa niente. E fatti anche una coca (in slow mo, naturalmente …):