4 Comments

  1. Attilio Bianchi
    23 giugno 2010 @ 12:27

    IN FATTO DI DESTINAZIONE D’ USO DOVREBBERO ANDARE A SCUOLA DAL “GAL” E CHIEDERE CON QUALI CONTRIBUTI SIA STATO IN GRADO DI RISTRUTTURARE I ROMITI….IMPAREREBBERO MOLTO I “NOSTRI”. LA REALTA’ E’ CHE LORO HANNO TEMPO SINO A FINE 2013, CIOE’ SEI MESI PRIMA DELLE ELEZIONI DEL 2014 PER CERCARE UNA SOLUZIONE CHE DIVENTEREBBE, FORSE, VOLANO DI UNA POSSIBILE RIELEZIONE….IL FAMOSO LETARGO PRE-ELETTORALE CIOE’ SI DIVENTA FRENETICI E FATTIVI 6 MESI SU 4 ANNI E MEZZO, QUELLI PRE ELETTORALI APPUNTO…” E SE VEDE”. IN QUANTO AL TITOLO NON CREDO CHE PIEVE ABBIA VOLTATO LE SPALLE A LOZZO, E’ LOZZO CHE STA ANDANDO IN DIREZIONE OPPOSTA AL RESTO DELLA COMUNITA’. SOLO IL FATTO DELLA POLIZIA LOCALE DOVREBBE FAR RIFLETTERE CON QUALI FINALITA’ LOZZO ADERI’ ALL’ EPOCA A TALE STRUTTURA….SANE E BONA AUTONOMIA.

  2. Danilo De Martin
    23 giugno 2010 @ 14:12

    Io credo che stiano aspettando che a Caralte finiscano i lavori per il centro “gemello”, così da sincronizzare le due aperture. Una questione scenografica quindi.

  3. Oltrepiave fan
    24 giugno 2010 @ 08:00

    Ciao, Attilio hai perfettamente ragione!……..dove e come hanno raccimolato con tanto sacrificio i soldi necessari per la ristrutturazione dei Romiti e per il Multipsichycal Lab?…….MISTERI DEL FANTOMATICO CENTRO CADORE,patrimonio dell’Unesco: anzi cattedrali nel deserto dell ‘unesco!!!

  4. ecco a voi tutte le vetrine del Cadore » BLOZ – il blog su Lozzo di Cadore Dolomiti
    26 giugno 2010 @ 12:24

    […] a voi tutte le vetrine del Cadore Non contenta per l’indiretta voltata di spalle a Lozzo a favore del più titolato Auronzo nella corsa a sede della fondazione Unesco, la Ciotti prova a […]