Bond, le fusioni e le diminuzioni delle tariffe

Bond e la “bondata” della settimana. Si parla della fusione di Vas e Quero.

“Mi auguro anche che con questa fusione sia ipotizzabile diminuire le tariffe”, conclude Bond. “Sarebbe un segnale molto positivo”.

Come andranno a finire le unioni (soprattutto quelle montane) lo sappiamo già: una fogna a cielo aperto! Qualità dei servizi sotto le scarpe e costi sopra i capelli. Difficile prevedere futuri più rosei visti i precedenti: penso alla cir-convenzione (di incapaci) relativa ai servizi di polizia locale centro cadorina di qualche anno fa (vedi approfondimento in antefatti fallimentari alla fusione dei comuni centro-cadorini: servizio associato di polizia locale ‘Centro Cadore’).

Non occorre quindi scomodare la Madre di Tutte le Vergogne: la gestione dei sindaci di Bim-Gsp.

Ma qui si tratta della fusione fra comuni che, perlomeno, comporta di ricondurre la responsabilità della gestione amministrativa ad un solo soggetto, il sindaco, contrapposto al maleodorante collegio sindachesco unionista. Il Bond si augura, non ne è certo, si augura che sia ipotizzabile (quante certezze condensate in una frase) diminuire le tariffe (facciamo dello 0,3% o vi sembra troppo?).

Riassumiamo: uno si augura di ipotizzare una dimunizione che non definisce. Che sicumera!!

L’apoteosi è quando dice che “sarebbe un segnale positivo“: lo stato di merda costringe i millenari comuni a fondersi perché i soldi di tasse che esso rapina alla gente servono solo a mantenere il balanzon, e il cittadino dovrebbe – se mai si verificasse una diminuzione delle tariffe, come se i costi di funzionamento di una amministrazione che gravano sul cittadino fossero rappresentati solo dalle medesime – percepire il tutto come “segnale molto positivo”?

Anch’io mi auguro qualcosa: che una pattuglia di alieni, di qualsiasi colore possano essere, prelevi il consigliere regionale del PDL per fargli fare un giretto nell’universo. Non per sempre – anche se della sua mancanza nessuno se ne accorgerebbe, ma per il tempo necessario a fargli conoscere la particella di Dio. Un evento questo che avrebbbe la stessa probabilità di verificarsi della diminuzione delle tariffe vagheggiata dal nostro.

 

1 commento per Bond, le fusioni e le diminuzioni delle tariffe