1 Comment

  1. pagaapo
    2 Gennaio 2010 @ 20:18

    Voi dite ‘na roba, che ‘ndiretamente la se lea a chè che te à dito: ‘na òta ‘n asesor del comun de loze a dìto chesto: a fèi opere publiche che dute vede e la mèo roba par l’opinion publica, ma no e dito che sea la meo da fei…. (basta vede che pui ‘nte ‘n’ocio che ‘i a fato al palazo pelegrini – che somea de èse a Marghera ‘nte cantier de le navi, dopo i vàrda se i cuèrte de le ciàse che te vo fèi o sistemà à la pendenza stile cadorin e se i luniminai no ‘i sea pi grande de ‘na cucia de ‘n ciàn…. ma me fermo senò bisognarae ore e ore pa’ scrive dute le porcarie che ‘i à fato fin ades) ma chel che volèo dì e chesto: se te va ‘ntel comun, come ministrator, te po’ sempre fei i afari tuoi…. se vien fato ‘na strada te pos fèila pasà agnò che te ‘ntarèsa come che te po fèila pasà da ‘nautra parte schivando ‘ntò tarèn…come che te pò fèi modificà le aree da fabricà e via discorèndo….. ma cheste e solo ‘na minima parte de chè che i fa e de chè che i pò fèi.
    E solo chi che no e tanto desedàde che no’ se rende conto de ‘ste robe.
    Anzi, sèi anche che ‘i èra dude ‘n zerca de dènte da mete ‘nte la so’ lista ‘mprometèndo anche vantadi sui suòi luoghe e su le soe ciase se ‘i avarae ciapou la cariega.
    A la fin bisognarae che prima de duto chi che se mete ‘n politica ‘i abie la cosienza a posto e no ‘i pense solo ai afari suoi e de chi che i gira ‘ntorno.
    Ma se sa….. fin che le robe le continua a dì ‘nte sta maniera…..pagaapo e sempre pì neto.