il titolare di questo blog è un livoroso

Attenzione, warning, achtung: il titolare di questo blog è un livoroso. Ma il problema più grande è che, nonostante l’abbia scritto, non me ne rendo conto. E questo configura il caso come sommamente pietoso e se non proprio unico, certamente raro.

Dell’essere livoroso lo sostiene @Y in un commento dall’alto delle ordinate a cui si è aggrappato (a seguito del quale ho già dato una prima risposta).

2) forse tutti si sono resi conto che i due massimi esponenti del blog “ia stufou anche i sante”. Il redattore perchè non riesce a non far trapelare un livore personale e che informato su tutto manipola le conoscenze in suo possesso facendo trapelare al cittadino ignorante medio, che meno tempo ha sicuramente di lui di informarsi, soltanto ciò che vuole e che gli aggrada, distorcendo a volte la realtà . […]

Non riuscirei quindi a non far trapelare un livore personale! Personale? Nei confronti di chi?

Ma povca di quella tvoia, come dice il neoleghista Tvemonti!

Ammettiamo pure che sia livoroso. Ma se lo sono, – e c’è tutto il BLOZ a dimostrarlo – lo sono nei confronti di Monti, Napo Capo, Bersani, Maroni, Paniz, Patroni Griffi, D’Alema, Casini, Bossi, Calderoli, Berlusconi ed il già citato Tvemonti, per non parlare di quelli del PD e dell’apoteosi raggiunta con quelli del PDL. Ed in ambito locale Zaia, Finozzi, Bond, Toscani, Reolon, Capocelli. Fra tutti si salvano solo Giannino di Fare per Fermare il Declino e il Movimento 5 Stelle (con qualche riserva).

Ma vuoi vedere che il livore personale cui si riferisce @Y riguarda solo il sindaco! Cacchio, non c’ero arrivato subito. La sottigliezza mi è sfuggita, non era nell’immediato alla mia portata.

Mi sarebbe quindi concesso di essere livoroso con tutti i bellimbusti citati ma non con il sindaco? Chi è questo sindaco (disse Maroni di Berlusconi: chi è questo B?) ? Ci conosciamo? Ho qualche dovere in più nei suoi confronti che non abbia già nei confronti degli altri?

Livore?

  • quando senti un Berlusconi che dice a riguardo del pareggio di bilancio che è stato il solo a tentare di convincere Junker che la cosa si poteva fare ma solo considerando il PIL sommerso dell’Italia, non sapendo che il sommerso è conteggiato nel PIL sin dal 1992;
  • quando vedi Napo Capo europarlamentare che fugge inseguito dal cronista tedesco che gli chiede conto dello scandalo dei rimborsi di viaggio;
  • quando senti quel ragioniere polveroso di Monti parlare del fenomeno Grecia – caso di studio per capire l’importanza dell’Europa – pochi mesi prima che la stessa finisse a pane e yogurt (seguita da Portogallo, Spagna, Italia e – sempre che vi interessi – le prime fessure si vedono anche da Napoleone);
  • quando ascolti un Bersani che ti dice che il PD non c’entra niente con MPS dove nel consiglio della Fondazione che lo controlla 13 dei 16 consiglieri sono di nomina del partito PD;
  • quando vedi i cortinesi che se la son fatta sotto di rietro dalla Corea dove si sono decisi i mondiali del 2017 ed il relativo sindaco che si aggrappa sugli specchi;
  • quando segui le appassionate missioni dei sindakos in casa Bim-Gsp che si comportano come le mosche su una boaza di vacca, ché il gregge a cui li ho ogni tanto accostati appare in confronto più disciplinato di una compagnia di SS;

e poi in ambito lozzese …

  • quando segui la pagliacciata del vicesindaco in colegamento telefonico col sindaco da Soracrepa e poi vedi che la caserma resta chiusa per due anni di fila e tutti muti;
  • quando senti l’assessora all’urbanistica dire “trovare questi soldi non è stato facile” quando tu sai che fanno parte di una delibera di giunta regionale che distribuisce fondi a 560 comuni su 581;
  • quando vedi la minoranza che scrive un articolo sulla differenziata che pare ingenuo e invece è un candelotto di dinamite acceso nelle chiappe dell’amministrazione;
  • quando poi segui le stronzate sparse ai quattro venti che riguardano la lungimiranza nella raccolta differenziata;
  • quando leggi su una ringhiera fatiscente da almeno 10 anni … “questa ringhiera verrà sostituita, la zona verrà temporaneamnete recintata, ci scusiamo per il disagio vi chiediamo un po’ di pazienza”;
  • quando ti capita in casa il bolcom ed è una festa, un tripudio …..

Quando tutte queste cose mi si presentano davanti agli occhi non posso fare a meno di confutare, schiacciare questi pidocchi, inseguire queste pulci spudorate e spiaccicarle.

 

Divertimento!

 

No, con il livore non scrivi i 1.400 articoli che ho finora pubblicato. Il livore ti consuma e ti spegne al volgere di una sola luna.

E’ con il divertimento che li ho scritti, con il sorriso sulle labbra.

Anch’io ho le mie giornate buie. Ma io ho con me l’acciarino. Qualcuno fra voi invece vive ancora nelle tenebre, o nell’assenza di luce, come diceva Albert.

Io sono un giullare. Ed il giullare si prende sempre gioco del Re.

(e talvolta gli toglie anche le mutande).

 

 

103 commenti per il titolare di questo blog è un livoroso

  • Lozzese curioso 2

    …..e alora giavònli le mudande che e ora passada!!!

  • Cagliostro

    @Danilo,
    siamo evidentemente ritenuti il contraltare del Duo di Piadena, il ché non è propriamente un disonore…Forse siamo abbastanza complementari: tu ‘Giullare’, io serioso ed autoreferenziale, collocato su di un ‘pidistallo’ dal quale guardo con compatimento i poveri cittadini lettori-elettori giudicandoli talora ‘dilettanti’, talaltra ‘improvvisati’ o, peggio, ‘disonesti’. Ma va bene così, anche questo fa parte del confronto e nessuno, dico nessuno, può pretendere di avere un consenso generalizzato, specialmente quando si dicono e si scrivono verità molto scomode…Comunque io sono convinto più che mai che il Bloz serve, eccome se serve!!!

  • y

    Non avendo la padronanza della lingua italiana dell’egregio Cagliostro sono andato a guardare sul dizionario il significato del termine “livore”, volendo assicurarmi di non aver usato una parola sbagliata per esprimere il mio concetto. Non nego di aver tirato un sospiro di sollievo quando ho letto il significato, ovvero “sentimento di invidia o di rancore”. Almeno per metà ci ho azzeccato, in quanto invidia lo escluderei. Chi invidia il Sindaco al giorno d’oggi? Cosa c’è da invidiare? Lo stipendio? Il fatto degli impegni e delle responsabilità quotidiane? Le rotture di palle istituzionali? Una volta almeno il Sindaco, cosi come il Parroco e il medico condotto, erano ritenute delle persone importanti in paese, delle autorità, oggi non li bada più nessuno. Quindi per metà ho sbagliato in quanto il Redattore non lo vedo assolutamente invidioso del Sindaco (anche perchè non si può essere invidiosi di un qualcuno che si reputa molto meno capace di se stessi). Che lo reputi meno capace non lo dico io, lo dicono gli articoli che descrivono le presunte nefandezze del primo cittadino. Rimane quindi il rancore. Cosa avrà combinato il Sindaco per avere il rancore del Redattore? Avrà solo amministrato male a suo giudizio? Qualcosa di personale? Si aspettava di avere un’influenza sull’ amministrare, cosi come in passate legislature, che non gli è stata accordata? Mah! Non si sà.
    Detto questo può essere che mi sbaglio. Nel senso che io differenzio il sindaco, verso cui secondo me il redattore nutre un “livore”, dagli altri personaggi citati nell’articolo, verso cui invece nutre un senso critico e rabbioso molto comune fra tutti in questo periodo.
    In questo caso porgo le mie scuse per aver mal interpretato ed essere stato forse un pò troppo malizioso.
    Mi consenta invece caro redattore di ringraziarla per le risate che suscita in me quando butta là delle frasi esileranti. Una su tutte la frase con ad oggetto la “manipolazione” a conclusione della risposta al mio commento nell’altro post.
    Saluti a tutti

  • Cagliostro

    @y,
    quando tu lodi in modo così mellifluo e sibillino gli interlocutori, senza però entrare nel merito della ‘materia del contendere’, i casi sono due: o vuoi sottilmente prendere in giro il tuo contraddittore, oppure vuoi eludere gli argomenti sollevati per evidente carenza o assenza di valide argomentazioni che possano costituire un minimo incentivo al dibattito. E mi spiego meglio. Tu citi il sottoscritto soltanto di “straforo” nell’atto di dare una qualche risposta, meglio nel tentativo di elaborare una replica al redattore in modo sì erudito ma, a mio parere, non molto efficace e convincente. Ecco quindi che “all’egregio Cagliostro” tu attribuisci una mera “padronanza della lingua italiana”, senza null’altro aggiungere a riscontro del mio intervento del 23 u.s. (ore 14.53) contenete precise controdeduzioni a quanto da te asserito rivolgendoti a tale “X”, chiamando in causa sia il redattore che lo scrivente. Sottile sottolineatura di indifferenza ed irrilevante considerazione nei miei confronti? O, lo ripeto, mancanza di capacità argomentativa conseguenza di carenza di ‘appigli’ e valide motivazioni? In ogni caso il problema è tuo, soltanto tuo! Sei comunque sempre in tempo ad ovviare ed io sarò sempre disponibile a dartene atto e, magari, a continuare il confronto con te.
    Per quanto attiene il merito del tuo interloquire con Danilo, io reputo che spetti, eventualmente, a quest’ultimo il vero diritto di replica. Per parte mia, voglio sommessamente esprimere la mia personale opinione. Il tuo sottile distinguo sul significato del termine ‘livore’ e la conseguente disamina applicativa circa l’invidia ed il rancore, appaiono fittiziamente speculativi ma, ripeto, molto soggettivi e non propriamente efficaci. Secondo il tuo assunto, l’invidia è da escludere, nel caso di specie, perché un tale negativo sentimento sarebbe riferito ad uno “status” attualmente molto svalutato. E nel sottolineare ciò, formuli domande retoriche circa “gravosi impegni e responsabilità quotidiane”, “rotture di palle istituzionali”, giungendo a sottilizzare perfino in merito ai compensi derivanti dalla ‘famigerata’, non invidiabile ‘carica’. Ma allora perché tutta questa smania di arrivarci, perché tutti questi sforzi per raggiungere l’agognata postazione? Forse perché, ad esempio, oltre alle gratificazioni dirette, esiste tutta una serie di gratificazioni (e cariche) di corollario? Vedi come il tuo assunto non appaia del tutto convincente!?! Ed i risultati di tali azioni istituzionali, a tuo avviso, par di capire, così onerose e mal retribuite, sono sotto gli occhi di tutti e ben documentate in questo bloz. Per quanto concerne l’ipotesi del rancore, sentimento che dovrebbe suscitare ripulsa in ciascuno di noi, trovo la tua domanda su “cosa avesse mai combinato il sindaco…” per lo meno alquanto pleonastica. Il sindaco, al di là di non meritare un così squallido sentimento come quello sopra citato, considerata la sua discutibile azione amministrativa, i suoi risultati invero scadenti od opinabili ed il suo modo di atteggiarsi con buona parte della cittadinanza, merita sicuramente, a mio giudizio, tutto il biasimo e la censura possibile.

  • io stò con y

    Penso che y abbia fatto un analisi corretta,lo dimostra il fatto che cagliostro ha solo preso in considerazione tutte le negatività del bolcom,a suo dire,e non ha per esempio elogiato il sindaco per aver trovato i fondi necessari per il tetto del ciareido.Questo prova, a mio avviso,che i giudizi del sopra citato siano reali senzaltro, ma dovuti anche a qualcosa di personale.Le critiche ci possono stare e come ha detto giustamente danilo se non sei daccordo con il bloz fai a meno di leggerlo,ma lasciatemelo dire,a volte esagerate marcandole con offese del tutto gratuite.

  • @io sto con y,
    io no. Un sindaco, tra l’altro presidente di vallata, che per 9 anni va alle assemblee del Bim-Gsp e alza la manina per dire che “tutto va bene madama la marchesa”, per me (come valutazione politica), non vale una sega. E quello che per 6-7 anni di fila fa la raccolta differenziata del Burkina Faso, a cui per tre anni di fila gli viene appioppata la maglia nera – fra i 581 comuni del Veneto – come peggior raccolta differenziata e poi, dopo aver finalmente avviato una raccolta sensata sia per la chiusura della discarica di Mura Pagani sia per l’incalzare della minoranza che ha scoperchiato la storia della prima maglia nera, va “in piazza” a battersi il petto sparando percentuali del 92% se non vergognose perlomeno improbabili, vale ancora meno.

  • Cagliostro

    @io stò con y,
    per quanto concerne il tetto del Ciareido, io ricordo lo “sberleffo” fatto dal sindaco ai suoi concittadini per non aver dimostrato eccessiva generosità nella contribuzione (e questo, con la drammatica crisi che stiamo vivendo, ti pare cosa politicamente assennata?). Elogiare il sindaco per i finanziamenti per il Ciareido? Forse anche tu e, con tutta modestia anche il sottoscritto, sedendo in quel consesso avremmo ottenuto il contributo da quel generoso erogatore di pioggie contributive che è il Consorzio!! Ma che cosa ha fatto l’esimio capataz per evitare che gli utenti pagassero il ‘buco nell’acqua’, provocato dalla società controllata Bim-GSP? Non è forse Manfreda uno dei teorizzatori dell’aumento tariffario del 30%?
    Provami poi che io abbia qualche cosa di personale nei confronti del suddetto signore ed avrai la palma del Pulitzer lozzese!! Quello che scrivo, lo scrivo documentandomi e per amor di verità e del mio paese!!! Provami poi che io abbia mai offeso, in modo gratuito, il personaggio e quelli della sua corte!! Non bisogna essere generici facendo affermazioni categoriche non basate su alcunché di documentalmente provato. Io ho sempre mosso critiche di natura politica circa la conduzione fallimentare della Cosa Pubblica nella nostra realtà. Ed ho perfino dato atto al sig. Manfreda di non aver provveduto a maggiorare le aliquote IMU (anche se avrebbe potuto provvedere ad un opportuno, leggero ritocco all’ingiù… e la cosa avrebbe avuto il sapore di lungimiranza e di acume eminentemente politico, oltre che di soddisfazione per i propri cittadini, i quali avrebbero potuto menare vanto maggiore descrivendo le benemerenze di un sindaco audace, sensibile ai problemi economici delle famiglie e dei disoccupati). Riconosco che l’arma dialettica in mano al sindaco è quella delle esigenze di bilancio…; ma qui si aprirebbe tutto un discorso tecnico su di una spending review non attuata, o attuata male, e sulle effettive realtà delle evidenze delle risorse disponibili…

  • io stò con y

    Ripeto,le critiche ci stanno,ma l’accanimento che avete voi due va oltre gli errori di questa amministrazione,che sicuramente come avete spesso fatto notare ci sono,ma dovete anche ammettere che ci sono state delle cose positive,io ne ho citata una,nel compenso credo che questa amministrazione non sia stata poi tanto negativa,la mia considerazione precedente voleva sottolineare il fatto che non avete un sistema di giudizio oggettivo,poiche avete nei loro confronti un antipatia radicata,non siete sereni e di conseguenza non lo sono i vostri commenti.

  • @io sto con y,
    apprezzo il tuo equilibrio di giudizio e accetto tutte le critiche ma capirai anche che non sta a me elencare le belle cose che avrebbe fatto questa amministrazione: ci pensano già loro con il bolcom-pravda e con i vari lecca-lecca che distribuiscono in giro. Guarda che i meccanismi tipici di “prima e seconda repubblica” si applicano a tutte le latitudini e sono meccanismi ben oliati e ben noti. Non serve leggere autori come Chomsky per capire come funziona la creazione del consenso. Siamo uomini di mondo e sappiamo per filo e per segno come si fa a “onde i polis”, tanto nel ghetto dei paesuccoli quanto nei grandi centri di potere. Voglio dire che se vuoi andare a pettinare le bambole con il sindaco non c’è nessuno che te lo impedisce. Ci sono 8400 comuni in Italia con altrettanti sindaci e nessuno di loro è stato costretto ad assumere la carica. La spesa pubblica dei comuni, eccettuato quest’ultimo anno, è in aumento progressivo da almeno 15 anni, segno che o per spesa corrente o per investimenti i soldi da spendere non solo ci sono sempre stati ma sono andati col tempo aumentando. Trovi quindi eccezionale che un sindaco – qualsiasi sindaco – faccia anche qualcosa di buono? E’ la normalità. Dovrebbe essere la normalità. Il bolcom è nato per questo, per portare in tutte le case la speranza e l’elenco delle cose fatte. L’ho già detto: le campane del bello e del buono suonano a tutte le ore. Ma devono suonare anche quelle del brutto e cattivo.

  • Cagliostro

    @io stò con y,
    i tuoi giudizi, che superficialmente appaiono così equilibrati e sensati, in realtà risultano con un grado di soggettività esorbitante.
    Come fai a dire che il mio sistema di giudizio pecca di “antipatia radicata” nei confronti di lor-signori quando ti ho appena dimostrato, nel post precedente, che ho saputo anche riconoscere oggettivamente, almeno in un caso, qualche cosa di buono messo in luce dal conducator? Io non nutro simpatie od antipatie per chicchessia; il mio metro di giudizio è basato sulle cose, sui fatti che considero (magari sbagliando, ma sempre in buona fede, credimi)giusti o sbagliati, opportuni od inopportuni, utili o dannosi per l’intera collettività. L’asprezza del confronto non significa che ci sia mancanza di serenità, malanimo o valutazioni strumentali. E poi, perché dovrei avercela a titolo personale con qualcuno? La storia giudica gli uomini dai loro atti, non se si è stati simpatici o antipatici, bensì se si è stati capaci o incapaci, sensibili ai bisogni degli amministrati o tendenti a curare i propri interessi e quelli della propria fazione. E qui mi fermo credendo di aver detto abbastanza per chi ha indipendenza di giudizio, materia grigia a sufficienza, occhi per vedere ed orecchie per intendere…

  • Cagliostro

    @io stò con y,
    dimenticavo di dirti che una Amministrazione che si rispetti viene valutata anche, e soprattutto, con il metro delle realizzazioni concrete rapportato al grado di manchevolezze, scelte sbagliate, omissioni più o meno gravi (colpose?, dolose?) e dalla gravità degli atti “iniqui” messi in campo senza una informativa puntuale, senza alcuna trasparenza, senza una attenta valutazione delle conseguenze del proprio operare. Quando le cose negative superano di gran lunga quelle, eventualmente, positive, ne va della credibilità politica di chi ha agito in questo modo ed una tale amministrazione necessariamente appare per quello che è e per quello che ha fatto di negativo o per quello che ha omesso di fare. Estremizzando, anche del Duce si diceva che ha fatto cose buone (la previdenza, le bonifiche, la battaglia del grano ecc.) ma poi ne ha fatte molte di più di cose negative e drammaticamente dannose (soppressione della libertà, eliminazioni di avversari, leggi razziali, entrata in guerra). Tutto questo per farti capire certe conseguenze a cui portano affrettati giudizi assolutori.
    Voglio farti memoria di fatti incontrovertibili di questa amministrazione che lasciano molto perplessi in fatto di corretta gestione della cosa pubblica:
    -gestione invereconda vicende baite e casermone;
    -svendita appartamenti sopra la Cooperativa;
    -gestione lavori museo Latteria;
    -acquisto terreni in località Vellezza a prezzi esorbitanti, senza alcun parametro esposto in delibera;
    -politica gestione raccolta rifiuti con ben tre medaglie nere;
    -indecorosa vicenda discarica abusiva campo sportivo con mancata quantificazione oneri da supporre molto consistenti;
    -revoca delibere precedenti perequative in fatto di oneri tarsu per i Lozzesi della diaspora;
    -edizioni bol-com autocelebrative, con presumibile utilizzo di risorse pubbliche e diffusione attraverso l’opera di dipendenti (senza alcuna voce riservata alla minoranza);
    E se vuoi che allunghi la lista di omissioni e manchevolezze, basta che tu lo desideri… Per ora penso che possa bastare, anche perché non voglio tediarti troppo e farti fare una indigestione…

  • Analisi

    io sto con y: auspico tu possa divenire il terzo geometra da affiancare ai due già a ruolo nell’area tecnica del comune; con tutti i cantieri aperti a Lozzo servirebbe proprio!

  • X

    @io sto con y
    Se non vuoi vedere quello che è evidente fallo pure ma non dire agli altri che, per vedere la piramide di Cheope (cumulo di schifezze) che hanno fatto e stanno facendo i tuoi protetti, stanno usando il setaccio o la lente d’ingrandimento!
    Lo sperpero del denaro e risorsa pubblica è evidente anche al più ingenuo delle persone.
    Non si può sempre mascherare o nascondere il tutto con patine e tappeti.
    Prima o poi le magagne escono, come, ad esempio, quel piccolo elenco stilato da Cagliostro.
    …….ed altro e molto altro ancora ce ne sarebbe……..
    E’ anche vero che chi non fa non falla, ma qui di falla e falle ce ne sono troppe!

  • Cagliostro

    @Analisi,
    il rafforzamento di quell’organico lo ha voluto ‘penna bianca’ perché un tecnico soltanto proprio non ce la faceva a sbrigare il troppo lavoro. E poi bisognava smembrare l’altro settore, quello dei vigili per intuibili e precisi scopi. Risultato: fallimento del consorzio istituito tra i vari Comuni del Centro Cadore, mancanza di una guardia boschiva e carenza nel servizio di controllo e prevenzione reati attinenti il codice della strada, nonché nel servizio di controllo dell’intero territorio comunale.

  • y

    Caro amico che stai con me,
    ti ringrazio per l’appoggio ma mi tocca dire che non devi essere tanto sano di mente. Come fai a sostenere che quest’amministrazione ha fatto qualcosa di buono? Non vorrai mica sostenere che hanno fatto bene a vendere (o svendere come dice Cagliostro)appartamenti che fruttavano dai 30 ai 80 euro mensili ciascuno di affitto che a lungo andare non avrebbero nemmeno coperto le spese di manutenzione. Oppure non vorrai dire che hanno fatto bene a ritenere il casermone un bene che doveva restare del paese e adesso dopo un paio d’anni dall’acquisizione (credo due ma non sono sicuro) non sono ancora stati in grado di tirare fuori quattro soldi per fare un progetto di ristrutturazione, eseguire i lavori inaugurarlo e darlo in gestione. E poi pensa alla discarica del campo sportivo. Da quanto ne sò si erano permessi “de sgualivà via” terra e ramaglie. Pensa che inquinamento impressionante. Par fortuna che e dente atenta a ste robe in giro. Dente ambientalista sicuramente che mai inquinarae te stà maniera.
    Concludendo secondo me il rafforzamento dell’organico si è reso necessario per mettere in piedi la redazione, la tipografia nonchè la distribuzione delle varie edizioni del bol-com. Quindi la ritengo a mio parere una scelta assolutamente necessaria per il mezzo di comunicazione del regime. Ma una domanda: il dipendente trasferito svolgeva mansioni di Guardia Boschiva, visto che si sostiene che ora ne siamo privi? Altra domanda: in che maniera questo spostamento avrebbe influito sul fallimento del servizio consociato di vigilanza?
    Scusa Cagliostro se non ribatto su tutti gli argomenti ma, e non la uso come scusante, il mio tempo per informarmi sulle cose è sicuramente più limitato del tuo e di quello del redattore per cui faccio quello che posso.
    come sempre saluti a tutti senza alcun “livore”.

  • io stò con y

    Non mi sembra di aver detto che questa amministrazione è senza peccato,anzi ho precisato che di errori ce ne sono e che danilo e cagliostro li portano tempestivamente agli occhi dei lettori.A mio avviso chiamarlo penna bianca in questo contesto è offensivo,è un mio parere e penso di poterlo esprimere come voi esprimete i vostri liberamente.Non stò dalla parte di nessuno,ho un mio pensiero e un mio metro di giudizio,se devo criticare sicuramente non paragono apollonio ad un nazista solo per fare del pessimo umorismo.Se queste non sono offese,scusatemi

  • io stò con y

    y ho detto che è stato fatto ANCHE qualcosa di buono,faccio un analisi a 360 gradi,si è vero sono maggiori gli errori su questo blog,se parlate con una persona della giunta comunale vi farà una lista di lavori svolti,DOCUMENTABILI OVVIAMENTE.Vi ricordo che questo è il secondo mandato di fila.Tutti malati di mente a lozzo.

  • Cagliostro

    @y,
    meno male che la verità vera è saltata fuori: non hai tempo di documentarti!! E’ per questo che ami sparare “amenità” a sproposito, per di più usando un umorismo da dozzina? Se non puoi documentarti, evita di farti difensore (occulto?) di persone e fatti degni di miglior causa ed attenzione. Ma veniamo ai fatti: tu cerchi di minimizzare tutto ma dimostri di essere alquanto partigiano (se non proprio incline alla faziosità). Mi sai dire quello che ci facevano certi corpi dello stato, in Municipio, la mattina che lorsignori hanno provveduto con urgenza alla riesumazione della coperta ‘marachella’, trasportando il malloppo altrove? Dove, non si sa!! Con mezzi adeguati? Dubito molto. Perché non esiste (a meno di una mia svista) alcuna determina che fissi il regolamento per l’uso dei fantomatici camion? Sai tu che, oltre alla mancata osservanza della normativa specifica e tassativa in materia di discariche, qui si era in presenza della violazione della normativa urbanistica e di quella idrogeologica (in fatto di distanze speciali fissate in 300 ml dall’inizio del lago)? Tutto è stato inspiegabilmente messo a tacere. Altro che umorismo dozzinale quale quello da te usato!!!
    Per il Bol-Com, penso proprio che tu non conosca il costo tipografico di un tale tipo di pubblicazione, fatta a scopo elettoral-divulgativo da una maggioranza, con risorse di tutti i cittadini, senza ospitalità (come avviene ovunque) della voce della minoranza, che avrebbe legittimato il tutto. Senza contare l’utilizzo del personale interno per la divulgazione!!! Se poi non sei informato, il secondo vigile aveva una duplice funzione (comprensiva di quella guardiaboschi). Ed il fallimento del consorzio era stato vaticinato, all’epoca, da una voce isolata in Consiglio Comunale, cosa che si è puntualmente verificata: i costi sono risultati lievitati e gli introiti ben inferiori alle previsioni. Quindi la conseguenza è che si è registrato un detrimento nel servizio locale di vigilanza, e nessuno ha mai parlato della urgenza di aderire al consorzio al fine di poter attuare un certo disegno caro ad un ben individuato personaggio, ad una autentica eminenza grigia, o “nera”, che dir si voglia. Penso di essere stato esaustivo e di un certo aiuto per te, che non hai tempo per documentarti e nonostante ciò vuoi entrare nel merito di questioni misconosciute, forse per difendere l’indifendibile. Che tu abbia un preciso interesse nel farti paladino di certe cause, degne di un miglior pulpito??!!

  • Cagliostro

    @io sto con y,
    mai dato a nessuno del nazista. Penna bianca non credo sia una offesa, ma un semplice, identificativo dato di fatto. Tieni presente che anche gli indiani (che non erano persone aduse a farsi turlupinare) avevano tra loro persone che portavano con dignità questo nome…
    Sulla formazione del consenso e sulle sue modalità di attuazione funzionali allo scopo, abbiamo già detto molto: basta rileggere gli articoli del passato. Mai detto che i lozzesi siano dei ‘malati di mente’, semmai ho detto e ripetuto che molti cittadini sono portati a delegare, senza manifestare eccessivo interesse per come poi vengono gestite le cose, sono insomma alquanto indifferenti e lontani dal dovuto civismo, che dovrebbe portare a documentarsi periodicamente e farsi una idea precisa su come la delega elettorale viene usata. Tutto qui, e mi pare che la mia ‘diagnosi’ non possa essere facilmente smentita e/o confutata. E’ una semplice constatazione fondata sul buon senso e sulla realtà fattuale.

  • y

    @ Cagliostro,
    io sono incline alla faziosità sicuramente mentre tu sei sicuramente fazioso senza ombra di dubbio. Tu mi dici che c’erano certi Corpi dello Stato in Municipio. La loro presenza cosa ha comportato sii più chiaro? E’ stato riscontrato e contestato un reato o il reato non c’è stato? Oppure si è verificato un caso di omissione d’atti d’ufficio da parte dei famigerati Corpi dello Stato? Il mistero si infittisce ! Oserei dire che l’affare si ingrossa! Quindi tu che sei cosi ben documentato non avrai nessun problema a svelare il “giallo della discarica”. Se non lo fai le tue supposizioni sono aria fritta che non hanno nessun valore in più delle mie affermazioni da tè tanto bistrattate e definite amene.
    Per quanto riguarda il mio umorismo capisco che tu non lo trovi gradevole. Sei abituato a quello di Danilo e io, sinceramente parlando, sono dieci scalini sotto e non ho difficoltà ad ammetterlo.
    Per quanto riguarda il vigile “trasferito” all’ufficio tecnico non l’ho mai visto una volta in divisa da Guardia Boschiva ma proverò ad informarmi meglio sulla sua duplice funzione.
    Concludendo preciso che non ho nessun interesse a fare il paladino di alcuna causa come tu sicuramente non hai nessun motivo per fare il “livoroso”. O sbaglio?

    @stò con y,
    il mio precedente post voleva coinvolgere tè in maniera ironica, forse non l’hai percepita. Io sono d’accordissimo con tè e figurati se ti attacco, siamo gli unici due in trincea in territorio nemico.

  • Cagliostro

    @y,
    per completezza di riscontro al tuo dozzinale umorismo, ho dimenticato di relazionarti sugli appartamenti sovrastanti la Cooperativa. Forse non sai che quello che tu dici era affermato da lorsignori come giustificativo farlocco alla alienazione all’Ater. Le motivazioni allora addotte rigurdavano appunto:
    a) la redditualità minima (quella da te indicata);
    b) che gli immobili ci erano piovuti dal Cielo grazie ad un finanziamento regionale!! (quindi tanto valeva spossessarsene);
    c) che presto si sarebbero dovuti effettuare interventi manutentivi…
    Ebbene, anche sul Bollettino parrocchiale si erano sostenute queste tesi.
    La verità vera (e sempre sottaciuta alla pubblica opinione) era che si dovevano racimolare fondi per completare la copertura finanziaria per poter effettuare il riscatto del casermone.
    Confuto ora le tre bugie ‘strumentali’:
    a) la redditività, seppur limitata, c’era e gli immobili, volere o no, erano pur sempre intestati al Comune;
    b) Che gli immobili ci fossero piovuti dal cielo, cio’ non significa che ci si dovesse liberare (cespiti appena ristrutturati, in posizione centralissima);
    c) la manutenzione? Ma se erano stati ristrutturati da poco!!
    Ebbene, l’ho scritto altre volte, la transazione ha riguardato un incasso di 121.000 Euro per sei (dicasi sei!) appartamenti. Ma il bello è che tale cifra era ed è virtuale giacché il Comune aveva sul groppo un mutuo di originari 55.000 Euro non accollati dall’acquirente (per circa la metà decurtato, per il resto in corso di ammortamento).
    Quindi il conto è presto fatto: 121.000-55.000= 66.000:6=11.000 euro incassato per ciascun appartamento (dal calcolo sono esclusi interessi, spese, onorosità varie). Infine, va precisato che la perizia non è stata effettuata da un tecnico esterno ma i termini della transazione sono stati stabiliti fra gli uffici dei due contraenti (venditore ed acquirente).
    Credo che ogni commento appaia superfluo.

  • X

    @io sto con y……….No, a Lozzo non sono tutti malati di mente, molti sono pressochè miopi, falsamente indottrinati e, come già ampiamente detto da taluni, guardano il dito che indica la luna e non la luna come obiettivo da guardare.
    Poi c’è sempre quel detto Veneto che dice: Il saggio non sa niente, l’ignorante sa molto, il mona sa tutto.

  • io sto con y

    Cagliostro anche tra noi giovani si usa etichettarsi dei figli di puttana ma in un contesto di confidenza, scherzoso e amicizia,nel tuo caso di amicizia scherzo e confidenza verso il sindaco non vi é ombra perciò la tua si può definire un offesa. Per il resto lo so che non sei stato tu. Y non avevo capito la tua ironia scusami. X ,Cagliostro,Danilo, e tutti gli altri se volete andate su in municipio chiedete un incontro con il sindaco e gli dite cosa non vi piace. Come una volta

  • Cagliostro

    @io stò con y,
    ben strano modo di ragionare il tuo: siccome non ho confidenza con il sindaco, non intrattengo con lui rapporti di amicizia e con lui non ci scherzo, questo per te costituirebbe dimostrazione di offesa e di lesa maestà. Qualcuno diceva che la critica è sempre costruttiva, sempre se è fatta basandosi su dati di fatto e con perfetta conoscenza della materia del contendere. In quanto alla tua innocente proposta di colloquio con il sindaco, ma ti pare che l’uomo sia talmente democratico da accettare il contraddittorio sul suo operato? Tu non conosci a fondo l’uomo. Suvvia, siamo seri! E’ mai forse intervenuto scrivendo al bloz per contrastare le asserzioni di chi lo critica?

  • Cagliostro

    @x,
    in tono scherzoso, ti dico: spero che il detto veneto non si addica a me per quanto riguarda lo ‘status’ di chi sa tutto….Vorrei precisare che non sono un tuttologo, che -purtroppo- non sò tutto e quindi penso di non essere proprio annoverabile come il m..a del villaggio. Per il resto, concordo con te. A citare sovente…”il dito e la luna” sono stato proprio io su queste pagine.

  • Cagliostro

    @y,
    non girare le frittate, non nasconderti dietro ad un dito. Resta sui fatti che io ho descritto e valuta le cose nella loro inoppugnabile gravità… Strano è che si sia ricorsi urgentemente a riesumare il malloppone (a proposito, rivediti le foto di Danilo e poi vedrai che non si trattava proprio di cose di poco conto…). Per gli altri fatti e misfatti tu opti per il silenzio. Ma già, non hai tempo per documentarti, dimenticavo!! Hai solo tempo per accusare di ‘sicura faziosità’ chi desiderava soltanto “erudirti” su quello che dici di non conoscere a fondo per mancanza di tempo. Ma forse, dati i tuoi toni e la tua inclinazione proprio alla faziosità, il mio è tempo perso. Tienti saldo nei tuoi convincimenti ed usa sempre la tua dozzinale ironia.Prima o poi capirai e ti verrà qualche dubbio sui tuoi attuali ferrei convincimenti. Il Bloz si basa anche proprio sulla ironia, quella però di buon livello. Per quanto civilmente ancora possibile, ti invio un cortese saluto, ovviamente scevro di “livore”.

  • y

    @Cagliostro,
    non rigiro le frittate, non mi nascondo dietro un dito. Devo per forza credere che tu sei il custode della verità. Cosa sostieni ? Che la marachella c’è stata e i “Corpi dello Stato” hanno commesso un’omissione d’atti d’ufficio? E’ un’accusa molto grave direi ! Confermi?
    Essere eruditi da tè non vedo il caso. Sarebbe come chiedere a Bersani di spiegarmi l’operato di Berlusconi.
    Ho capito che la mia ironia proprio non ti piace e a tuo dire non è di buon livello e quindi non all’altezza di questo blog. Ne prendo atto. Sono uno che sa’ accettare le critiche io !
    Ti invio anch’io un cortese saluto dando per scontato che sia ancora civilmente possibile. Mi sembra che vi siano tutti i presupposti perchè lo sia non credi?

  • X

    @Cagliostro, stai tranquillo, il detto Veneto che ho riportato non è diretto a Te, bensì va in altra direzione, va verso coloro che fanno depositare materiali in modo abusivo e poi li fanno spostare, il tutto a spese del contribuiente. Spesa che probabilmente ha determinato recentemente un poco efficiente ed immediato intervento di sgombero neve; mancata inghiaiatura delle strade, mancata rimozione della neve nei punti dove le strade sono state ridotte in modo tale da lasciar passere un solo veicolo….
    Queste cose, forse, come suggerisce io sto con y, se qualche suddito va a prebendare dal capomastro o dal suo vicario, questi possono concedergli la grazia e concederle e, così, nella disgrazia subita, loro, si sentono anche benefattori……….. ma mi facciano il piacere, mi facciano……..e come diceva lo stesso Totò, e io (noi) pago…..

  • Cagliostro

    @y,
    non ho mai parlato di omissione d’atti d’ufficio.Sai che cosa è la moral-suasion (persuasione morale)? Prova a pensarci e ci arriverai da sola…Se Bersani ti spiegasse l’operato di Berlusconi, credi forse che non sarebbe una fonte informata e credibile?

  • Cagliostro

    @x,
    grazie per la precisazione…Che c’è da aggiungere? Forse, “meno male che X c’è!!”. E così ho parafrasato anche le amazzoni…

  • y

    @ Cagliostro,
    come sospettavo le tue sono solo illazioni poichè non provate !
    Sono contento della tua soddisfazione nel scoprire che il comune ha dovuto eventualmente spendere, se quanto da tè riportato corrisponde al vero, dei soldini per mettersi al riparo da eventuali segnalazioni di gente che aveva visto in quest’opera un danno di proporzioni bibliche dal punto di vista ecologico, urbanistico, idrogeologico,ecc.ecc. La paragono alla stessa soddisfazione che può avere un uomo che si taglia gli zebedei per fare un dispetto alla moglie.
    Se Bersani mi spiegasse l’operato di Berlusconi sarebbe una spiegazione di parte tendente a sminuire ed infangare al di là del giusto o del sbagliato. E lo stesso accaderebbe chiaramente se chiedessi a Berlusconi di illustrarmi la politica di Bersani.
    Per quanto riguarda gli appartamenti della cooperativa: diamo per buono che tutto quello che hai affermato corrisponde a realtà, sia per quanto riguarda le cifre che la finalità perseguita con la vendita. A mio modo di vedere il Comune quindi avrebbe investito una cifra di 55.000 euro e dalla vendita avrebbe intascato la somma di 121.000 euro, ottenendo quindi una plusvalenza di 66.000 euro. La vendita però ha portato via un introito di diciamo a spanne 300 euro mensili (stima aprossimativa ottenuta moltiplicando una media di 50 euro mensili per appartamento, correggimi se la stima è sbagliata). Si è portata via però anche gli oneri di manutenzione che qualsiasi proprietario di stabili sà che si presentano anche dai primi anni seguenti ad una ristrutturazione, per poi aumentare progressivamente fino a superare i ricavi derivanti dagli affitti. A tuo dire la vendita si sarebbe resa necessaria per finanziare l’acquisto del casermone. La si ritiene eventualmente un’azione sbagliata? Come se il ricavato fosse stato destinato ad un bunga-bunga “de noatri” organizzato a palazzo Pellegrini invece che a Palazzo Grazioli? Oppure potrebbe essere ritenuta un’azione dettata dal fatto che, viste le esperienze passate, era giusto riacquisire un edificio di importanza strategica, storica e, si spera, economica per il nostro paese. Non intendo sostenere che la scelta sia giusta. Non me la sento di esprimere giudizi. Ognuno deve ragionarci e pensare cosa sarebbe stato meglio : tenere gli appartamenti o acquisire il casermone?
    Come sempre, un cortese saluto.

  • Cagliostro

    @y,
    ma allora -te lo dico con tutta l’amabilità possibile- è proprio vero l’adagio secondo cui “non c’è peggior sordo di colui che non vuol sentire”! Anche nel dire o scrivere inesattezze, nel distorcere i fatti, nell’indirizzare accuse infondate a bersagli errati, nello scambiare proprie convinzioni per verità fattuali, a tutto c’è un limite! Con tutta evidenza, ti deve essere sfuggito qualche cosa nel passato di questo bloz. E’ la solita storia, trita e ritrita, ‘del dito e della luna’. Responsabile del fattaccio è chi lo ha compiuto o chi lo ha portato a conoscenza della pubblica opinione (il Bloz ed il suo redattore)? Qui davvero si confondono le cose: si addossano le colpe a chi le cose le ha intravviste e denunciate, non a chi ha messo a rischio l’Ente Comune con ben tre inosservanze. Parlo di inadempienza in materia di destinazione urbanistica del luogo, di tassativi divieti in fatto di vincoli idrogeologici (distanza da inizio lago) e, soprattutto, di mancata osservanza in materia di normativa specifica, giustappunto sulle discariche. Ai Comuni, per tua conoscenza, è consentito di approntare soltanto discariche provvisorie di rifiuti ordinari ed inerti soltanto se vengono ottemperati questi requisiti: durata massima 12 mesi con periodico sversamento, cubatura massima di 30 mc e predisposizione di apposita recinzione. Tutto ciò rientra forse in quello che è stato fatto dal Comune? Risponditi da solo, magari con l’ausilio delle foto poste da Danilo su questo stesso bloz. Per di più, il malloppo era stato interrato (ci mancava soltanto una spruzzatina di erbetta inglese e poi l’opera sarebbe stata completata). Poi però qualcuno ha fatto visita al Comune e, voilà, dopo due sole ore eccoti la riesumazione ed il trasporto altrove! Che tempismo,eh! Qui ci sta tutto il mio discorso sulla ‘moral-suasion’ che tu non hai voluto o potuto capire (od è stata una elusione di convenienza?). Voglio precisarti che a parlare del costo dell’operazione (prevedibili 15.000 euro) è stato un commentatore del bloz, intendo l’onere della rimessa in pristino dell’area, trasporto altrove dei rifiuti di natura non meglio precisata (vedere le fotografie). IO NON HO PROPRIO PROVATO ALCUNA SODDISFAZIONE NELL’IMMAGINARE GLI ONERI PREVEDIBILMENTE SOSTENUTI DAL MIO COMUNE (DEL RESTO, ANCHE CON SOLDI MIEI; SAREI UN AUTOLESIONISTA, NON TI PARE?). HO SOLO PROVATO UN SENTIMENTO DI IMPOTENZA, DI INCREDULITA’ NEL VALUTARE COME LA COSA E’ STATA GESTITA. DEL RESTO, DOVE E’ FINITA LA TRASPARENZA IN TUTTA QUESTA VICENDA?

    EPISODIO APPARTAMENTI:
    Prendo atto che dai per acquisiti i dati da me forniti. Meno male: siamo sulla buona strada con la constatazione di un certo progresso…
    Ma sulla questione tu manifesti, quanto meno, una inadeguatezza ed una impreparazione non di poco conto. Qui non si tratta di plusvalenza di 66.000 euro. Qui la realtà è ben altra: si sono svenduti 6 appartamenti (posti in centro paese, forniti di ascensore, appena ristrutturati) al prezzo virtuale di euro 11.000 cadauno (virtuali perché nel conteggio andrebbero computati interessi sul capitale, oneri e spese di varia natura). Per quanto concerne il valore effettivo degli immobili, non vorrai dirmi che non si sono venduti 6 unità abitative al prezzo, forse, di una? Il motto è stato: “prendi 6 e paghi uno” e la stima è forse in eccesso… E tutto, per una verità mai enunciata ma anche qui distorta con qualche luogo comune, al fine di racimolare parte dei fondi necessari al riscatto del casermone (240.000 Euro, sempre virtuali per via degli interessi sulla remunerazione del capitale, spese legali ingenti, spese peritali ed oneri diversi, il tutto non conteggiato). Ed il cespite, come tu stesso dici, appare ora chiuso ed in stato di avanzato, nuovo degrado; senza contare il mistero se sia o non sia chiusa in modo definitivo la querelle giudiziaria.
    QUESTE, MIO CARO, NON SONO ILLAZIONI, SONO FATTI CHE DENOTANO, A DIR POCO E AD ESSERE GENEROSI, UNA GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA ALQUANTO DEFICITARIA E/O INSIPIENTE (SOLO PER USARE UN EUFEMISMO).
    Un non livoroso saluto.

  • X

    NON se ne va fuori con chi non vuol vedere e sentire.
    Se l’evidenza ed i fatti reali non vengono percepiti per quello che sono, è come parlare al vento.
    Ecco cosa sono determinati soggetti ….ARIA FRITTA

  • y

    @Cagliostro
    siamo seri. Lo sappiamo tutti che anche se fosse stata commessa la “marachella” della discarica nessun danno avrebbe provocato in quella determinata zona. Io approvo il risparmio di denaro anche a costo di passare sopra a vincoli assurdi che la maggior parte delle volte altro non sono che degli impedimenti al logico operare. Se lo avesse fatto qualsiasi privato gli avresti detto “te a fato ben”. Non sono state sotterrate scorie nucleari eventualmente ma terra e ramaglie. Dai par piazer.

    Questione appartamenti. Sulla questione io manifestero, quanto meno, una inadeguatezza ed una impreparazione non di poco conto ma tu tralasci di dire che trattasi di unità abitative destinate all’edilizia popolare e quindi vincolate a tale uso. Per cui volere o volare gli introiti che il comune avrebbe incassato sono più o meno quelli da me indicati.

    Il cespite è chiuso ? Dopo due anni dall’acquisizione? Un vero scandalo ! Magari basta andare al Consorzio Bim e chiedere i fondi per ristrutturarlo e aprirlo se, come hai detto, tu non avresti nessun problema a farti finanziare qualsiasi cosa! Hai sostenuto questo giusto quando hai affermato che chiunque sarebbe stato in grado di farsi finanziare il tetto del Ciareido? Facciamo cosi: metto io la macchina, la benzina e la valigia dove mettere il denaro.

    @X
    se hai qualcosa da dire al di fuori dei luoghi comuni ti ascolto, altrimenti mi sà che l’aria fritta sei tu !

    Cordiali saluti a tutti.

  • @Y,
    c’è qualche sborone che si permette di fare la FESTA DELLA LEGALITA’ a Lozzo? Con lo scopo di trasmettere ai giovani che stanno bla bla bla i pilastri del vivere civile? Certo che c’è. PUNTO. Ci sono tante cose a questo mondo che non fanno alcun danno (tutto da verificare per la “discarica”) ma che, in punta di diritto, non si possono fare. Prova a scaricare una carriola di segatura di legno da qualche parte (non dico di farlo davanti al municipio) e poi vedi quanto tempo ci vuole per avere i servitori dello Stato di diritto che ti incalzano. Vediamo un po’ cosa è il sindaco, anche:

    Le attribuzioni dell’autorità locale di pubblica sicurezza sono esercitate dal capo dell’ufficio di pubblica sicurezza del luogo (il questore nel capoluogo di provincia e i funzionari preposti ai commissariato di pubblica sicurezza negli altri comuni) o, in mancanza, dal sindaco in qualità di ufficiale del Governo, ai senti del TUEL (fonte).

    Il Sindaco, invece, quale autorità locale di PS , è inquadrato in una posizione di subordinazione funzionale nei riguardi del Prefetto e del Questore, dai quali può essere chiamato a collaborare negli ambiti di competenza dell’ente locale per il migliore espletamento della funzione di pubblica sicurezza. (fonte)

    Da chi – noi comunità – dovremmo aspettarci il buon esempio? Dai narcos? dai tossici? O forse dal sindaco? (se non altro per il ruolo che istituzionalmente ha).

    Potrebbe, la nostra polizia locale, scatarrare per le strade, pisciare agli angoli delle case (come era una volta abitudine), buttare cicche e carte delle caramelle per strada? Certo che potrebbe: ma sarebbe già stato crocifisso. THE END.

  • y

    @Danilo,
    tutto vero quello che dici senza ombra di dubbio ma prova a vederla sotto un’altra luce mettendo da parte ogni “livore”.Secondo tè è meglio un sindaco che rischia in prima persona pur di risparmiare fondi da destinare a altre cose più importanti in un periodo in cui le risorse languono o preferisci un sindaco che dice “porte via duto tanto no e mia sghei miei. Go ie finide ie finide”?
    Da un uomo pratico come tè mi aspetto una risposta sincera e quindi scontata. THE END

  • Cagliostro

    @y,
    ora però diamo proprio un taglio con il dire scempiaggini! Non confondiamo le cose e non ciurliamo nel manico. Guardati le foto e poi medita. Del resto tu non hai una precisa idea dei vincoli di ben tre normative cogenti (quelle che ti ho elencato) e degli effetti sortiti dalla moral-suasion…A Palazzo Venzo debbono solo ringraziare la buona sorte e della bontà di tutti i santi delle Foreste. Tu manifesti troppo ‘berlusconismo’ d’accatto: “impedimenti al logico operare”, “vincoli assurdi”, “passar sopra…” è una terminologia tipica di chi non rispetta le regole di un consorzio civile.
    Perché redigere piani urbanistici se poi non si osservano? Perché porre vincoli idrogeologici? Tanto il territorio deve essere, e va, deturpato senza tener conto di ‘arcaiche’ disposizioni, poi i guasti creeranno altre incrostazioni lobbistiche, altri interessi…Perché non è possibile creare una discarica dove si possono mettere insieme pezzi di asfalto, water e servizi di varia natura, rifiuti speciali, ghiaia sparsa d’inverno, plastiche di ogni tipologia ecc. ecc.? Basta che non ci siano scorie nucleari, per il resto tutto è possibile…La teoria è sempre quella: niente vincoli e divieti, libertà di intraprendere a tutti costi. Le leggi van bene finché sono funzionali ai propri porcacci comodi, altrimenti semplicemente si eludono.
    Per gli appartamenti, devi ricordare che un conto è la destinazione d’uso e la redditività, un conto è la titolarità del diritto di proprietà. E poi le cose cambiano nel tempo. Anche le case di Maneada avevano analoga destinazione ed ora sono state alienate ai privati ma non per la classica “pipa di tabacco”.
    Io non ho mai detto che chiunque sarebbe stato in grado di farsi finanziare dal Bim. Io ho invece affermato che, sedendo in quel consesso quale consigliere di amministrazione e presidente di Vallata, chiunque avrebbe potuto ottenere quelle contribuzioni a pioggia per cui il medesimo Consorzio va fiero. Avresti potuto farlo tu, come pure il sottoscritto. Come vedi, le tue affermazioni sono alquanto distorsive e, senza quella determinante poltrona, la tua macchina, la tua benzina e la tua valigia servirebbero (o sarebbero servite)a ben poco. Ribadisco ancora: il tuo è un humor non all’inglese ma equiparabile a quello di un certo signore di origine brianzola. Ora però consentimi di salutarti ponendo fine a questa querelle infinita, che sta diventando perfino stucchevole in quanto priva di solide basi comuni per un serio confronto sulle vicende della nostra povera comunità e sulle sue prospettive a m/l termine. Se non c’è una base di condivisione, se esiste una barriera insuperabile sulla valutazione dei fatti,se insomma non c’è un idem-sentire circa la analisi dei problemi e le cause che li hanno determinati, tanto vale che ci si saluti, ovviamente senza ‘livore’, convinti come siamo della inavvicinabilità delle rispettive posizioni.

  • @y,
    tra non vedente e cieco non c’è alcuna differenza, se vuoi puoi anche chiamarli visulesi. Terra e rifiuto speciale, invece, non sono la stessa cosa. La ghiaia raccolta è definita e considerata rifiuto speciale e come tale va trattato. Metteresti una sedia a sdraio fatta a pezzi nel bidone dell’umido? No, sono due cose differenti. Convengo con te che sembra terra. Ma anche Monti sembrava un economista e invece è un “polveroso ragioniere” (senza disprezzo per la categoria dei ragionieri).

  • @Y,
    guarda che il sindaco si caga sotto all’idea di apparire sul Gazzettino incalzato dalla minoranza, figurati se corre il rischio di passare per le forche dei magistrati (al di là del fatto che cane non mangia cane ed ho visto ben pochi sindaci finire a sbucciar arance). Il sindaco non avrebbe mai permesso quello che è successo. Qualcun altro, con leggerezza, ha fatto quello che ha fatto e solo dopo si è accorto che la cosa non rientrava nella prassi delle “buone pratiche”. Questa è la mia personale convinzione. Chi ha agito ha agito in buona fede, sia chiaro, ma con leggerezza. Nessuno di noi può chiedere ad un sindaco di correre questo rischio per “risparmiare” fondi da destinare ad altre cose più importanti (se trovi qualcuno della forestale che intende far carriera, se ne sbatte altamente di chi si trova davanti, che sia o non sia sindaco).

  • y

    @Cagliostro,
    convengo con tè che fra noi non può esserci un punto d’incontro. Io per principio non credo che ogni legge, regola, vincolo e disposizione sia per forza giusta perchè calata dall’alto. Sono un incivile? Un anarchico? Può darsi. Ma anche uno di buon senso che sà distinguere l’inderogabile da ciò a cui è giusto svincolare. Non riesco a sentirmi in colpa se non pago il canone alla RAI eppure deve essere pagato.
    Non mi risulta che gli appartamenti di Maneada destinati all’edilizia popolare, ossia quelli componenti l’edificio adiacente via Loreto, siano stati alienati. Se mi sbaglio non avrai difficoltà, dall’alto delle tue informazioni sicuramente superiori alle mie, a documentare il tutto.
    Detto questo convengo con tè che sia meglio concludere qui questa nostra discussione poichè anch’io vedo invalicabile il muro che ci divide.
    Per precisazione: soltanto una passione accomuna me al noto personaggio brianzolo e non è sicuramente quella per la politica.
    Un carissimo saluto, senza il minimo livore.

  • y

    @Danilo,
    esiste una minoranza?

  • X

    @y… come ampiamente detto nei post precedenti credo che la risposta per quello che asserisci ed hai asserito te la ricavi da solo. Un’occhiata allo specchio di prima mattina, dopo essersi lavati il viso, dovrebbe dare la giusta immagine di quello che si è; identico discorso la sera quando ci si corica nel letto…… un piccolo esame di coscienza su quello che si è fatto nella giornata – sono stato coerente con quello che dico, che predico e propagando o sono stato di tutt’altro impasto?
    Come vedi non ci sono troppi esami di coscienza da farsi, a meno che uno non pensi che per sanare il tutto sia sufficiente andare a messa nei primi banchi, a mani giunte e …… farsi vedere la Popolo.

  • y

    @ x,
    mi dispiace…..ancora luoghi comuni ….. aria fritta

  • zeta

    Tutti sanno che la denuncia per la pericolosissima discarica era solo il legittimo desiderio di “fottere” i due di PIADENA. Ma analizzato il materiale, ritenuto pericolosissimo, hanno scoperto che non c’erano tracce nè di URANIO nè di MERCURIO tantomeno di PLUTONIO. Hanno trovato solo lo STRONZIO, materiale si sa, non pericoloso.

  • Viva la Puglia

    @zeta,
    ma che bravo, oltre ad essere defensor sindacorum &Co, conosci perfino qualcosa di chimica! Hai assistito personalmente alle analisi? Immagino che tu sia anche un grande esperto di salvaguardia e tutela del territorio! Ma se sei tanto bravo, perché non ti proponi come consulente del famoso duo? Con te sarebbero in una botte di ferro!! Io però ti consiglierei di frequentare comunque un corso serale al fine di assimilare un po’ meglio la chimica, in particolare approfondire la conoscenza sul grado di tossicità dello stronzio. Perché, sai, è altamente tossico. In quanto invece a str…zi (e lecchini) in giro ce ne sono tanti, forse troppi, non ti pare?…

  • Analisi

    @y,z : TURISMO..COMMERCIO.. ARTIGIANATO.. AGRICOLTURA.. SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO.. BIM.. RIFIUTI…SPESE SUPERFLUE CAPI AREA…CAUSE CASERMA SORACREPA…350.000 EURO P. PELLEGRINI PER IL GAL… IN NOVE ANNI IL PEGGIO CHE SI POTEVA FARE E’ STATO FATTO. DI POSITIVO DITEMI VOI COSA ANNOVERARE TRA TUTTE QUESTE ROVINE. STIAMO SEMPRE PARLANDO DI SCELTE POLITICHE E DI RUOLI NON DELLE PERSONE. SE DOVESSIMO PARLARE ANCHE DEI RUOLI DELLE PERSONE VI CHIEDEREI: E’ GIUSTO CHE UN PROFESSORE CHE GIA’ FA ORARIO RIDOTTO IN QUANTO SINDACO PASSI 40 MIN. AL TELEFONO IN UN ‘ ORA DI LEZIONE ? E FERMIAMOCI QUI…CHE E’ MEGLIO….. VIVA LOZZO MORENTE PER LA GIOIA DELLA MAGGIORANZA DELLA POPOLAZIONE…FORSE MAGGIORANZA.

  • X

    @y, non ti pare che anche l’ultimo post di Analisi delle ore 03:11 sia sufficientemente chiaro per suffragare quanto in precedenza i non allineati sostengono? oppure sono aria fritta anche quelle elencazioni?
    Pazienza lo dica uno a cui sono stati estirpati gli occhi ma che lo dica chi gli occhi ce li ha e ci vede bene è un insulto alla verità!
    Poi c’è sempre il famoso detto Veneto innanzi riportato……ed altri simili ce ne sono in giro…..

  • Sempre tenendo in considerazione il precetto che “Legne e schei no e mai asei” e solo per mettere dei paletti di riferimento alle ricadute più o meno a pioggia in capo al Bim consorzio, la trasparentissima 🙂 amministrazione del medesimo ci mette a disposizione il bilancetto della propria attività. In via semplificativa – cioè tenendo conto che un comune valga per uno, come succede del resto nel voto assembleare, ma tenendo conto che il comune di Belluno con 36.000 abitanti conta sì come uno ma non può pesare come quello di Perarolo con 365 (a memoria) – è da ritenere che le ricadute sul territorio siano egualmente distribuite fra ognuno dei 67 comuni consorziati. Il che significa che ogni comune, nelle varie forme, “ha diritto” a 113.000 euri (il totale in bilancio diviso 67): se ci si limita alla sola quota “a favore dei 67 comuni …” ogni comune ha diritto a 57.000 euri. Non conosco le dinamiche spartitorie all’interno del baraccone Bim, ma è da supporre che in un arco temporale sufficientemente lungo ogni comune riceva quanto tutti gli altri. E’ pur vero che i sindaci nel loro insieme hanno dimostrato di essere coglioni patentati – mi riferisco alla gestione Bim-Gsp – ma quando si tratta di “ricevere palanche” suppongo, suppongo, che ognuno tiri fuori le unghie. Certo, se sei più vicino alla torta puoi avere una rendita di posizione che ti permette di avere qualcosina in più.

  • @y, riguardo alla presenza della minoranza, stavo pensando al periodo nel quale il sindaco era reticente e non rispondeva mai nei termini legali. Allora Per la Gente di Lozzo mandò una lettera al prefetto e, come per magia, il sindaco rispose il “giorno dopo”. In quella circostanza la minoranza scelse anche il balcone del Gazzettino e la cosa non fu molto gradita a number one (ne scrissi anch’io in sindaco di Lozzo di Cadore: se ci sei batti un colpo!). Qui invece il link alla lettera al sindaco ed al prefetto, e il relativo articolo postato dalla minoranza al tempo. Se vuoi veder ballare il sindaco devi portarlo sul Gazzettino-Corriere delle Alpi, e di argomenti non ne mancherebbero.

  • Viva la Puglia

    @X,
    “non allineati”? Quelli sono “fanatici sostenitori” comunque e dovunque, a prescindere da ogni valida considerazione (come avrebbe detto Totò). E vedendo lo stato del paese, tenendo nel dovuto conto lo squallore di una compagine sgovernante (salvo qualche timida eccezione), mi verrebbe da dire: cari Lozzesi, ben vi sta!!!! Ma poi altre valutazioni intervengono, tipo quella dell’amore per la propria terra, per il nero futuro che si prospetta per i nostri figli ecc. ecc.Ed allora il vota Antonio!, vota Antonio! del principe De Curtis, si trasforma in: non votarli!, non votarli! Ma vedrete, ci sarà purtroppo un qualche Cettolaqualunque di ricambio…

  • Viva la Puglia

    @X,
    vorrei precisare che per me “i non allineati” non sono quelli che non seguono il gregge, bensì quelli che vanno nella direzione delle molte pecore, si tengono però a debita distanza. E vogliono far ipocritamente credere di essere obiettivi ma poi, ad ogni rilievo, tirano fuori le unghie per difendere l’operato dei loro “pastori”…

  • frank

    @y
    “Io per principio non credo che ogni legge, regola, vincolo e disposizione sia per forza giusta perchè calata dall’alto. Sono un incivile? Un anarchico? Può darsi…”

    già i Romani affermavano DURA LEX, SED LEX.
    L’osservanza della LEGGE (e dei diritti e dei doveri da essa sottesi), che si voglia o meno, sta alla base di ogni comportamento sociale, individuale e collettivo, del corretto vivere comune (se vogliamo vivere in una società complessa come l’attuale). Non vi è motivo (a maggior ragione per chi è chiamato a farla osservare) di ritenersi esonerati dall’osservarla fino alla sempre sua possibile modificazione. Purtroppo non si insegna più (o non si trsmette) l’educazione civica.

  • y

    ora non ho tempo ….. ma quanta ipocrisia !!!

  • X

    l’ipocrisia è andare in chiesa a mani giunte e pregare mettendosi in bella mostra nei primi banchi e poi, dietro le spalle, sparlare degli altri e fare l’esatto cntrario di quello che si è predicato.
    Questa è ipocrisia

  • Cagliostro

    @frank,
    al solito i tuoi interventi evidenziano lucidità di pensiero ed acume politico. Sappiamo benissimo che a dire certe verità scomode sovente si passa perfino per ipocriti. Dove starebbe l’ipocrisia poi non è dato sapere. Oggi un presidente emerito della Suprema Corte ha affermato: “Una Comunità deve osservare leggi e regole che si è data, oppure non è Comunità”. Credo che ciò sintetizzi alla perfezione il nostro pensiero. Cordialità

  • frank

    @y
    Bene! Allora per non essere ipocriti andiamo avanti pure a coltivare (tutti insieme) il tuo principio di non credere che ogni legge, regola, vincolo….
    (ognuno per sè e Dio per tutti)

  • io sto con y

    frank con tutto il rispetto penso,e sono sicuro in quanto italiano,tu abbia almeno in un occasione non rispettato una legge,una regola,anche la più banale,perche è impossibile il contrario,ognuno di noi evade,magari uno scontrino o una fattura ,quindi non esageriamo con le belle prediche per favore,fatevi voi un bel esame di coscienza prima di sparlare,tutti onesti?

  • y

    @io stò con y,
    non agitarti tanto, siamo nel covo degli onestoni (a parole)!

    @Danilo,
    il tuo resoconto riguardo al Consorzio è impeccabile. Tutto perfetto. Forse bisognerebbe vedere che fetta della torta è spettata al nostro Comune. E se fosse un pò più grande del dovuto? Disdicevole il fatto?
    Per quanto riguarda la minoranza intendevo quella ufficiale che siede in Consiglio e non quella che prepara le interpellanze!

  • Cagliostro

    @io sto con y,
    davvero una summa teologica, una eccelsa fonte di pensiero.
    “Esame di coscienza prima di sparlare”? “tutti onesti”? Dovresti tener ben presente, se ci riesci!, che i pubblici amministratori rivestono anche quei ruoli di cui parlava ieri Danilo (li hai letti e memorizzati?). Quindi, da quelle persone investite di autorità (pro-tempore) ci si aspetta preclari esempi di correttezza. E correttezza non vuol dire esporre a rischi di varia natura l’Ente amministrato, non vuol dire omettere politiche sociali, non vuol dire gestire la Cosa Pubblica con crteri molto personali e soggettivi, non vuol dire fare scelte quanto meno opinabili sul piano del rapporto costi/benefici. Insomma non vuol dire operare nel modo da me descritto nell’elenco di inadempienze indicato dallo scrivente in uno dei commenti sovrastanti…
    Per finire: se la logica ha un senso, dovresti ammettere che, nel tuo discorso, di logica ce ne è pochina, c’è invece alquanto qualunquismo d’accatto quando, ad esempio, affermi che tutti, essendo italiani, seppur poco, evadono!!! Più luogo comune di così!!! Ci manca che tu faccia anche il discorso dell’arcoriano: “l’evasione e la elusione sono lecite perché esiste l’oppressione del fisco”. Che ci sia oppressione posso anche crederlo, ma questo non legittima nessuno, soprattutto un Presidente del Consiglio, a giustificare un reato! Semmai, si deve agire per ridistribuire in modo più consono la ricchezza ed anche per combattere proprio la evasione.

  • Viva la Puglia

    @Danilo,
    ti risulta che ci siano due opposizioni, una ufficiale e l’altra occulta, che addirittura compila interpellanze? Sarei curioso di essere ragguagliato in merito. Ti riesce di farti spiegare la cosa dal commentatore che sostiene questa tesi? Resto in spasmodica attesa e ti ringrazio di cuore.
    PS Non sapevo che scrivere sul tuo Bloz costituisse titolo per essere inseriti ed annoverati nel gruppo definito “covo di nemici” e “covo di onestoni” (s’intende, a parole!). Ma, covo o cenacolo che sia, io continuerò a servirmi di questo unico strumento disponibile quale veicolo per un minimo di trasparenza e democrazia in paese. Alcuni esponenti della cultura provinciale hanno espresso lusinghiero apprezzamento sul Bloz e questo è ciò che conta…

  • frank

    @ io sto con y
    il fatto che tu descrivi (…penso,e sono sicuro in quanto italiano,tu abbia almeno in un’ occasione non rispettato una legge,una regola,anche la più banale,perche è impossibile il contrario,ognuno di noi evade,magari uno scontrino o una fattura…) non mi esime dal dire che le leggi e le regole vadano rispettate o si incorre nelle “responsabilità personali derivate”. Come vedi siamo lontani dalle prediche o dal comportamento personalistico dove ognuno, quando si sveglia il mattino, pensa di poter essere “legislatore” pro domo sua.

  • @y, l’ho ben detto che se stai vicino alla torta godi di una rendita di posizione che ti può permettere di avere qualcosina in più. Assolutamente NON DISDICEVOLE, anzi, credo che tutti si aspettino quel qualcosa in più proprio dalla posizione che ricopre. Basta che poi non sia una “miriamata” tipo … “trovare i soldi non è stato facile”. A quanto ne so – ma posso sbagliare perché il Bim consorzio può essere diventato tutto d’un tratto trasparente – non esiste di dominio pubblico la ripartizioni dei finanziamenti a pioggia erogati dal Bim fra i comuni consorziati se non come documento interno. Noi tutti saremmo felici di vedere quanto e come sono stati utilizzati quei soldi. Tra un po’ si sbloccheranno anche i fondi Brancher per i comuni di seconda fascia. Scommetti che “trovare i soldi non sarà facile?”.

    Riguardo alle interpellanze, se leggi qualche mio commento indietro nel tempo vedrai che non ho mai nascosto il fatto che, se mi viene richiesto, do il mio contributo di idee più che volentieri. Anzi, questo dà la misura – semmai – di quello che avrebbe dovuto essere il “fare opposizione” a mio modo di vedere. Io l’ho detto non so quante volte alla minoranza che sarebbe stato utile ed importante coinvolgere la gente anche nel fare queste cose. In passato ho sviluppato una discreta esperienza nel gestire gruppi di lavoro online che ho coordinato con strumenti che oggi sono diventati ancor più “potenti”. Esistono oggi strumenti di condivisione con i quali puoi fare progettazione di alto livello partecipata. E’ del resto quello che fa il vostro sindaco con il resto della truppa: condivide e fa partecipare. Il bolcom, per esempio, è stato scritto con un contributo dalla Corea, uno dal Mississippi uno da Giouda e l’ultimo da Prou, sotto la supervisione – real time – di Bepi Peoceto dalla tenuta Zonin.

  • Viva la Puglia

    @danilo,
    per pura curiosità, di grazia, chi sarebbe Bepi Peoceto della tenuta Zonin? Non sarà mica uno che fa il ghost-writer per conto del Palazzo e redige le risposte alle interpellanze, magari con qualche leggero ritardo? O, magari, non sarà, per caso, l’editore occulto del Bol-Com, ex primadonna in laguna di un noto foglio, anche denominato “Il Bugiardello”?
    Attendo trepidamente conferma (o smentita) alle mie ingenue supposizioni.

  • io stò con y

    Una volta si poteva buttare le lavatrici nel piave..quelli si erano bei tempi!!! Ma nessuno di noi lo ha mai fatto!! Le lavatrici arrivavano da sole con la sola forza centrifuga

  • Viva la Puglia

    @ io stò con y,’na ota i nostre veci tegnia su le braghe co le zinchignole (specie de carrucole). A proposito: io stao col bon senso e con le regole de ‘na società veramente civile, agnò che se rispeta i diritti dei singoli e chi de dute. Se ‘na ota se era come i zulù, chesto no vo dì che ‘l mondo non deva dotase de regole civili. Vosto capila o no!!!

  • io sto con y

    Tu che rispetti tutte le regole quando sei alla guida della tua vettura lasci passare i pedoni sulle strisce? Rispetti i limiti di velocità? Fai bene la raccolta differenziata? Pensi che queste regole di tutti i giorni siano meno importanti? Pensi perche le infrangono praticamente tutti sia normale e lo puoi fare anche tu che tanto chi fa caso? E tu saresti civile? Pretendi di insegnare agli altri come ci si comporta quando tu non l hai ancora appreso al 100% Non mi serve e non mi interessa sapere chi sei perche queste norme non le rispetta nessuno e adesso mi avete stancato siete noiosi e ripetitivi,Danilo ritorna a fare quello che facevi prima serviva di più al paese,valorizzazione dei sentieri,un ottimo lavoro non trascurarlo

  • Uno dei tanti

    Certo che a leggere certe argomentazioni (di io sto con Y o addirittura di y stesso) non si fa fatica a capire perchè l’Italia si sta riducendo sempre peggio! Non lamentiamoci poi se andremo sempre di più “dans la merd”.
    Certi soggetti dovrebbero trovarsi un pianeta tutto loro, in un altra galassia, per gestirselo come meglio credono.

  • @zeta,
    è gia la seconda o terza volta che viene qui espresso il seguente concetto:

    Tutti sanno che la denuncia per la pericolosissima discarica era solo il legittimo desiderio di “fottere” i due di PIADENA

    Provo a spiegare, spero definitivamente, perché la cosa non sta in piedi. Non sta in piedi per almeno due motivi.

    Primo: i sindaci al momento in cui sono eletti diventano servitori dello stato. Un mese dopo – obtorto collo – sono già servi dello stato . Ne sa qualcosa il sindaco di Calalzo che nel giorno della festa della repubblica, per protesta, aveva dichiarato che non avrebbe esposto il tricolore italico (a cui è peraltro così vicino): tanto è bastato per avere la visita della benemerita della serie “passavamo qui per caso”. Dico obtorto collo ben sapendo che alla stragrande maggioranza dei sindaci il diventare servi dello stato conviene. Servi dello stato, i peggiori, sono anche i prefetti e i magistrati. Tutti cani questi e, si sa, cane non mangia cane. Certo, se il sindaco prende a fucilate tutto lo staff dei dipendenti qualcosina rischia. Esiste insomma, un vasto ventaglio di fatti e circostanze che, se anche compiute dal sindaco, vengono attutite – fortemente attutite – dagli altri servi dello stato (compresa la magistratura contabile).

    Secondo: (semplificando) dal tempo della riforma Bassanini ai sindaci è stato tolto il fardello della responsabilità dei “procedimenti”. Il politico-amministratore detta la linea politica, verifica con un altro cane dello stato, il segretario comunale, che le idee proposte siano compatibili con il quadro normativo vigente e poi dà avvio al “procedimento” passandolo nelle mani di chi lo deve attuare, ossia i funzionari pubblici addetti. Tale procedimento, se accettato dal funzionario, qualifica questo ultimo come “responsabile del procedimento”. Da questo momento il sindaco se ne sta sulla sedia a sdraio e quello che succede, eventualmente, fa capo al responsabile, le legnate le prende lui.

    Poi, se compri una quota di autostrade della Serravalle (vedi Penati) per una paccata di soldi pur avendo il 51% del controllo delle quote societarie, può essere che, dopo aver celebrato il più interessante processo Ruby, può essere, dico può essere, che i cani magistrati si interessino anche a far partire il processo in capo, in questo esempio, all’ex presidente della provincia di Milano.

    L’ho detto e lo ripeto: se la minoranza – io l’avrei fatto senza indugio, ma, come si vede, non posso andare oltre il ruolo di scriba – sollevava il caso su un giornale, la cosa avrebbe costretto Yoghi e Bubu a rispondere innescando un “salutare confronto” pubblico che forse avrebbe appassionato qualcuno a tutto il resto. Ogni sindaco ha il proprio galoppino in ogni giornale, li noti da un chilometro i pezzi sviolinata, ma se gli porti qualcosa di appetibile e soprattutto se sei la minoranza all’opposizione, te la pubblicano. Ti ricorderai la mia lettera al Gazzettino nella quale sbugiardavo il sindaco riguardo alla questione del “rapimento”? L’hanno “nascosta” fra le lettere, ma l’hanno messa. Anche allora c’era desiderio di “fottere i due di PIADENA?”. No, è che quando dici stronzate qualcuno lo deve far notare – se possibile – poi starà al pubblico decidere.

    Non so se c’era stronzio nella “discarica”, ma se trovo il tempo ti racconto quella del CARBONIO. Non la sai? Ti do un indizio: c’era una volta a Pian dei Buoi una casera con un sacco di legna … (non c’è il morto eh, ma è una bella storia).

  • Cagliostro

    @uno dei tanti,
    condivido al 101% il tuo pensiero!!!

  • Cagliostro

    @io stò con y,
    tu invece…sai vero che cosa costruiscono in Val Gardena? Ebbene, vai lì che te la cambiano. Sarebbe di grossa utilità per te e per l’intera collettività…

  • y

    @Cagliostro,
    due precisazioni dettete dal fatto che ho trovato il tempo di informarmi:

    -l’ex vigile, ora in ufficio tecnico, non ha mai avuto l’ulteriore qualifica di guardia boschiva;
    -gli appartamenti di edilizia popolare di Maneada non sono mai stati alienati .

    Sono deluso. Non me l’aspettavo da colui che tutto sà!

    Spero tu non sappia cosa costruiscono in val Gardena perchè ne hai già usufruito. Se è cosi vedi se puoi avvalerti del diritto di recesso!

  • Cagliostro

    Avevamo convenuto di finirla lì. Tu mi tiri per i capelli…Innanzi tutto vai a chiedere a Da Pra Achille se non aveva anche l’incarico di guardia boschi per il passato. Mai parlato quindi dell’altro vigile. In quanto alle case di Maneada, chiedi agli attuali legittimi proprietari se hanno o non hanno acquisito la titolarità del diritto (del resto ci sono state anche successioni e lasciti che lo documentano, come pure lavori di ristrutturazione). Per la Val Gardena, vedo che tendi a difendere i tuoi sponsor: bada che la mia testa è più che mai lucida e sa funzionare a dovere, diversamente da certi miei improvvidi interlocutori.
    Ed ora finiamola davvero perché di ‘saccenti’ par tuo, con la tua onestà intellettuale faccio volentieri a meno. E per quanto tu mi possa chiamare in causa, da qui in avanti la ‘y’ viene da me obnubilata…

  • @Cagliostro e @y,
    mi permetto di intervenire per porre l’attenzione su un probabile “equivoco” toponomastico. Le case di Maneada cui fa riferimento Cagliostro sono quelle lungo via Col Vidal, quelle in cui ha vissuto per tanti anni “Maria dela Posta”, quelle in cui abita “Bepino dela Posta”. Mentre Y, probabilmente, si riferisce alle case poste in località alle Astre.

  • Cagliostro

    @Danilo,
    ma allora questo incauto commentatore non conosce proprio la ‘geografia’ e la toponomastica del paese. Una cosa è la località Maneada, altra cosa è la località le Astre (dove tuttora ci sono case Ater). Per di più, deve trattarsi di giovane imberbe giacché non sa che le case di MANEADA erano state edificate da Ina-Casa, poi Ater. E quest’ultimo le ha successivamente alienate agli attuali legittimi proprietari. Quindi quanto da me detto a proposito degli appartamenti sopra la Cooperativa è discorso che ha una indubbia validità.
    L’equivoco non è certamente dipeso da me, in quanto parlavo proprio di ‘Maneada’ e non d’altro.

  • Cagliostro

    @Danilo,
    per ulteriore precisazione, nel post odierno delle ore 10,05 si parla proprio di “Maneada”, ovviamente confondendo questa località con quella delle Astre. A riprova di una…perfetta conoscenza della toponomastica locale.

  • @Cagliostro,
    l’importante è capirsi e chiarire l’equivoco. Le due località sono adiacenti e in molti attribuiscono il toponimo Maneada a ciò che corrisponde invece alle Astre. Tuttavia, se si pensa alle “case” e non al luogo, le case di Maneada sono senza dubbio quelle di Maria e Bepino dela Posta come già detto.

  • y

    @ Danilo
    grazie per aver chiarito l’equivoco. Confesso la mia ignoranza toponomastica e anche l’ignoranza riguardo le case ad oggetto dettata dal fatto di essere un giovane imberbe (non mi dispiace la definizione, anche perchè maturando magari posso acquisire saggezza a differenza di chi ormai ha una certa eta e “vo di che pi de cosi no e”).
    Per quanto riguarda il vigile il discorso è nato dal ragionamento del suo spostamento in ufficio. Quindi ritenevo fosse palese il riferimento a lui.Comunque mettiamo che anche questo equivoco sia dovuto al fatto di essere un giovane imberbe e quindi colpa mia. A questo punto vi chiedo (chiedo a tutti perchè Cagliostro mi ha obnubilato, appena ho tempo guardo sul dizionario di preciso cosa vuol dire): siamo senza guardia boschiva per una precisa scelta dell’amministrazione o perchè, per un qualsiasi motivo, la guardia boschiva a espresso la volontà di non svolgere più questa mansione?
    Ultima comunicazione per Cagliostro: dimmi di tutto, quello che vuoi, ma sentirsi definire saccente da tè è grottesco dai !

  • Cagliostro

    @redattore,
    ti disturbo un minuto per chiarire alcuni concetti. Quando in una qualsiasi struttura, pubblica o privata che sia, i responsabili hanno in ‘antipatia’ qualcuno, esplicano una azione defatigante tale- la cosa è assai riprovevole- da rendere la vita impossibile al malcapitato. Lo scopo dello smembramento (precedente alla creazione del Consorzio) sta tutto qui. La guardia boschiva, non vorrei sbagliarmi (nel qual caso chiedo preventivamente venia), all’inizio della prima legislatura non ha mai declinato la mansione di cui si discute, l’incarico gli è stato tolto pur contando sulla continuità in fatto di misurazione nei tagli e sulla consulenza del ‘comparto’. A quel punto, la persona ha fatto bene, a mio avviso, a declinare, giustappunto, quella specifica mansione. Da qui consegue la nomina di una incaricata il cui onere è da considerarsi del tutto aggiuntivo…
    In quanto a ‘saccenza’, caro Danilo, tu conosci il mio scrupolo nel documentarmi al fine di evitare di sparare… ‘amenità’ (tanto per usare un eufemismo). Invece le abitudini e le caratteristiche di altri sono documentate anche qui da alcuni sproloqui (tipo il concetto personalistico sulla legalità) e sono sotto gli occhi di tutti. Ora, come diresti tu, THE END.

  • y

    @ redattore,
    grazie per l’ospitalità su questo blog.
    Credo che l’ultimo messaggio di Cagliostro abbia chiuso il cerchio. L’arroganza palesata mi riconduce al mio commento che ha dato origine al tutto ( …il famoso piedistallo).
    Un cordiale saluto a tutti !

  • io stò con y

    Cagliostro pretende di ricevere risposte dal sindaco su questo blog,che persona trasparente,uno che non si firma con il suo vero nome puo avere delle pretese? Bada di non darmi la risposta scontata che neanche io mi firmo perche non regge…Ma chi ti credi di essere ma chi ti deve rispondere!!!Ti ripeto vai in comune e chiedi un incotro col sindaco,se hai paura di farti riconoscere puoi sempre mascherarti da monitor.Che testa ragazzi…scolta ka vecio me,liede manco libre e tole kalke atrezo nte man se te vo ida al paes visto ke tempo no te mancia. Fatti no pugnette.L’UNICA PERSONA TRASPARENTE SU QUESTO BLOG è DANILO CHE SI FIRMA E PER LOZZO HA FATTO TANTO,tutti voi altri siete solo dei poveri tirapiedi cagasotto

  • Cagliostro

    @io stò con y,
    ti sei qualificato a dovere. Meriti solo compassione ed oblio.
    Certi epiteti dalli comunque a tua sorella, se ce l’hai.

  • io stò con y

    Le persone maleducate arroganti sapientone come te meritano di peggio,glielo dirò a mia sorella solo dopo che avrai detto alla tua di farsi una visita in val gardena

  • Cagliostro

    Caro Danilo,
    sono da sempre conscio che su di un blog, nel contraddittorio, si possano incontrare persone delle più disparate estrazioni: l’equilibrato e lo squilibrato, il dotto e l’incolto, l’educato ed il maleducato, il raffinato ed il rozzo, l’intelligente e l’ignorante…
    Ne abbiamo parlato altre volte. Quindi ho piena consapevolezza della multiforme qualità dei possibili interlocutori e proprio per questo, dall’alto del mio esecrato ‘piedistallo’, alle volte mi è capitato di rifiutare il confronto con chi sproloquia o manifesta di non possedere
    un minimo di civismo. Sono altresì conscio che, con qualsivoglia contraddittore, ci si debba sempre attenere, pur magari nella durezza del confronto, ad una critica che, per sua stessa natura, non debba mai uscire dall’analisi del merito di quanto si dibatte. Ed anche le attribuzioni negative debbano sempre essere correlate ad un giudizio di merito, mai scendere sul piano della offesa personale. Se queste condizioni non vengono rispettate, viene meno la validità dello strumento ‘mediatico’. Per un valido confronto, serve anche un minimo comun denominatore che deve stare alla base delle reciproche valutazioni ed è quello della onestà intellettuale e della condivisione, seppur minima, di una scala di valori (ad esempio un idem sentire sul bene comune da entrambi, in vario modo, perseguito). Se non c’è questo tratto comune, questo confronto schietto ed onesto fra tesi ed antitesi, è bene che il dialogo sia, di comune accordo, interrotto. E’ ciò che è successo fra me e certo “y”, al quale dò atto comunque, al di là di toni forti reciprocamente usati (“arroganza”, “faziosità” ecc.), che il grado di correttezza è stato accettabile da entrambi i lati del virtuale tavolo.
    Ora però si da il caso che un sostenitore di “y” abbia alquanto trasceso e meriti quindi una doverosa e didattica messa a punto.
    Non voglio certo impartire lezioni di civismo ad un tale soggetto, sarebbe sicuramente uno sforzo sovrumano ed inutile date le evidenziate ‘qualità’ del personaggio. Ma neppure posso permettere a costui di offendere impunemente. Ecco quello che, tuo tramite, voglio far presente a costui e ad eventuali emuli che dovessero, in ipotesi, seguirne i comportamenti:
    a) prima di mettersi a scrivere qualsiasi cosa venga in mente, sarebbe opportuno frequentare un corso serale di italiano. Io non ho mai PRETESO che chicchessia risponda sul bloz alle critiche, neppure nel caso del sindaco (semmai ho espresso dubbi sulla semplice accettazione del confronto ‘telematico’);
    b)credo di aver dato qualche cosa al mio paese, non fosse altro che per i miei trascorsi (ad es. interventi sulla stampa a sostegno di varie iniziative) e per le tasse di non poco conto versate all’erario comunale (essendo io, diversamente da taluni, non certamente un evasore inverecondo);
    c) le frasi rozze, volgari ed offensive proprio non mi toccano e sò benissimo che esse si ritorcono contro chi le pronuncia. Non mi metto a questo livello…
    d)non capisco proprio perché non possa ‘reggere’ la contestazione circa l’anonimato per cui io sarei da condannare, mentre altri anonimi sarebbero giustificati. Sull’argomento se ne è parlato diffusamente in passato, sempre su queste pagine…
    Concludo precisando che la mia formazione, a questo punto, mi impedisce di andare oltre. Voglio solo ribadire un senso di profonda commiserazione per questo signore (?)così poco aduso a rispettare gli insegnamenti di Mons. Della Casa…

  • ho sempre detto che il blog alla fin fine è come essere in piazza o in un bar dove ci si scambia vicendevolmente le proprie opinioni. In questo senso ci stanno anche gli ultimi scantonamenti che con i contenuti non hanno molto a che fare. Tuttavia mi sembra di poter dire che nell’insieme, ognuno dalla “propria parte”, la discussione sia proceduta ben oltre le aspettative iniziali. Col tempo, se sarà possibile, si potranno forse limare alcune intemperanze moderando i propri impulsi più o meno giovanili. Ringrazio tutti gli intervenuti per la disponibilità dimostrata.

  • Puore noi

    @ io stò con y,
    asto ciatou pan par i to dente? Parché te permetesto de offende inte chesta maniera? E po’ se vede che te as na gran cultura da come che te dispreze chi che liede libre. Tu forse de libre te à liedesto poche assei. Te può no esse daccordo con Cagliostro ma non par chesto ocore usà chesti toni. Zerca de esse pì civile che te as duto da guadagnà. Scuseme se me son permesso de date chesto consiglio ma é vero chel che dis Cagliostro: le offese le te torna ‘ndrio. Penseghe ben e pò te vedaras che ei reson. Sane

  • io stò con y

    Il mio italiano è pessimo lo so,ma come vedi riesco a farmi capire bene lostesso. Per me non c’è nessun problema,sono stato duro non offensivo,se offendo Danilo cancella il messaggio,e se offendo vi saltano i computer. Non facciamo le vittime. Finisco qua,grazie Danilo

  • Puore noi

    …”povero tirapiedi cagasotto”,… “maleducato”,… “arrogante”, ….
    “sapientone”… sono soltanto vezzeggiativi???
    Vedi proprio di finirla. Bisogna saper stare decentemente anche su di un blog…

  • Viva la Puglia

    Vittimismo? Spesso si è vittime soltanto di sè stessi…

  • frank

    Penso che gli interventi di @io sto con y non abbiano giovato alcunché alla causa di y. “Non c’azzecca” nonostante gli sforzi ammirevoli. E’ come una campana stonata.

  • Tamarindo

    Danilo,
    ma da dove salta fuori questo @io sto con y? E’ il gobbo che non vede la sua gobba? A mio modesto parere, costui pecca proprio di quei difetti che attribuisce agli altri! Accusare di arroganza, malaeducazione e saccenza (ed altro termine volgare) non è il massimo della eleganza e delle capacità argomentative! In Australia si usa il boomerang, non sapevo che si usasse anche a Lozzo…Bravo Frank, hai colto l’essenza delle cose in poche righe!

  • Peppe er tosto

    Danilo,
    vale sempre il detto di un certo Catone: “O cittadini, è difficile discutere con il ventre, che non ha orecchie e non ha materia grigia”.

  • rxrx3,14

    Certo che qualcuno le canta e le suona ma non vuole che ci sia l’eco.
    Com’è ‘sto fatto?
    Ci sono degli uguali meno uguali degli altri?

  • frank

    @rxrx3,14
    Nella formula del tuo nickname c’è un pi greco (3,14159 26535 89793 23846 26433 83279 50288 41971 69399 37510 58209 74944 59230 78164 06286 20899 86280 34825 34211 7067…)approssimato per difetto (3,14) che, per la maggior parte dei calcoli, è matematicamente accettabile per i fini pratici; così come il suono può generare una eco che per chiamarsi tale non deve essere un suono d’altro genere.

  • analisi

    @ rx…: non riesco a capire a chi è indirizzato il tuo commento, scusami. Credo che essenzialmente ci sia qualcuno che, per il ruolo che aveva in passato ha potuto far piaceri a destra e a manca ed i frutti siano divenuti i voti attuali, va dato atto che in questa pratica l’ abilità c’ è tutta. Dopo il voto però inizia l’ attività per la “polis” e qui i limiti di costoro sono emersi in modo netto, sempre per chi s’ informa e ” no beve uove de dugo”. In nove anni di amministrazione il nulla assoluto a parte la centralina di veleza, ma se pensiamo che tutti i comuni hanno utilizzato questa possibilità di sviluppo direi nulla di eccezionale. La lista delle inefficienze, o dei ….” è stata un impresa titanica trovare i finanziamenti” la trovi nei post di questo blog …imperfetto ma autentico. FUCK THE FAKE A DUTE.

  • Peppe er tosto

    @rxrx3,14, (insegnate di matematica?),
    Che sintesi…”criptica”.

  • Viva la Puglia

    @Analisi,
    posto che la centralina potrà essere anche esempio di politica ‘lungimirante’, l’investimento in sè ha avuto come fatto propedeutico l’acquisto dei terreni, con una deliberazione per me discutibile: non una misura delle superfici, non una indicazione catastale, non, soprattutto, una stima attendibile: l’esborso per due appezzamenti, vado a memoria, è stato di circa 8.800 euro…
    Credo che la acquisizione abbia sforato almeno di una cinquantina di volte. Cosa non si fa per evitare noie, per non farsi nemici, per non metterci un minimo di accuratezza ed oculatezza nell’uso delle risorse!!!

  • Viva la Puglia

    @frank,
    ho capito l’altro genere di suono cui ti riferisci. Perfetto!

  • frank

    @Viva la Puglia
    No, per favore, nessuna interpretazione eccessiva.

  • […] Locale a non voler assumere – quando serve – anche il ruolo di guardia boschiva. Ecco l’ultimo commento in cui la questione è stata ritirata in […]

  • […] desiderio di chiarire questo argomento nasce da un commento di @Y postato qualche giorno fa che qui […]

  • […] della “libertà di critica”. Forse @y non ricorda ma è stato lui ad ispirare il titolare di questo blog è un livoroso. Basterebbe rileggere quanto detto e dovrebbe […]

  • […] i miei occhi. Nessuno ha chiesto il mio interessamento, anzi … , e quello che segue è quindi opera del livore con cui il sottoscritto alimenta la propria miserevole […]

  • […] essere un cane rognoso e livoroso, sono davvero soddisfazioni. E sono almeno 5 anni che – di là, sul sito del paesello – […]