Notiziona: l'amministrazione troglodita di Lozzo di Cadore diventa digitale

Speriamo solo che non sia “in fase sperimentale“. Frank, all’inizio dell’anno, si era subito preoccupato di saperne di più.

Mi lascia un po’ perplesso il fatto che tutta la documentazione digitale stia sotto l’ala di un server privato (scponline.it). Si vede che la gestione della pubblicazione dell’albo pretorio digitale va oltre le capacità del myportal comunal-regionale? Mah, quanti castelli di carta!

Avete visto? L’ho detto più volte. Ci siamo seduti sulla riva del fiume e … paff, ce l’hanno fatta anche loro, i trogloditi dell’informazione pubblica.

Corre voce che abbiano fatto un’ultima mesta cena dove, sgomenti, hanno accettato l’imposta gogna governativa di pubblicare online gli atti amministrativi. Ora mi aspetto solo che sul prossimo bolcom si aprano i megafoni sulla lungimiranza e la modernità del nuovo servizio ai cittadini, frutto di una profondo e consapevole desiderio di “tenere informata la cittadinanza tutta”.

La notiziona alla fine. Albo pretorio digitale di Lozzo di Cadore (ovvero il muro del pianto del sindaco). Ebbene sì, sembra siano usciti dalle caverne. Ora dovranno imparare la stazione eretta.

Alcune (vecchie) letture sull’argomento per il fine settimana:

Per una serie più completa basta cliccare qui!

9 commenti per Notiziona: l’amministrazione troglodita di Lozzo di Cadore diventa digitale